Runaway 🌸 BabyGirl Capitolo Trentanove

1.1K 27 4
                                    

Capitolo 3
3 Gennaio, 2017

Camila:
La mia fortuna, letteralmente, ci sono due sedie libere proprio accanto il ragazzo così Sophie prende quella al lato opposto a lui, lasciando l'altra a me.

"Ciao bellissima, io sono Kaiser. Karana, giusto?" Prende la mia mano nella sua e ci lascia un bacio sul dorso.
"Sì, Camila - voglio dire Karana." Kaiser ride e tira la sedia per me.

"Errore comune a tutte le nuove. Ti do un consiglio, non lasciare che la coordinatrice ti senta. Posso dirti esattamente cosa accadrebbe, ma sappi che ci sarai dentro, piccola." All'uso di piccola sento all'istante il calore arrivare alle mie guance. Kaiser lo nota e sorride  ma non dice nulla.

"Okay, prendete tutti posto per favore, questo incontro inizierà a breve." Tutti quelli che erano in piedi, ora si stanno affrettando per prendere una delle sedie rimaste. Alcuni lottano per le sedie visto che ne sono rimaste poche e quelli in piedi restano appoggiati al muro prestando attenzione al centro della stanza.

"Bene, buon pomeriggio, agenti. Scusate per aver indetto una riunione in un giorno occasionale. So che di solito le abbiamo le domeniche ed i mercoledì, ma questo doveva essere detto adesso." La "coordinatrice" cammina avanti ed indietro nel mezzo della stanza, avendo un contatto visivo con quasi ogni persona nella stanza.

"Sono piuttosto sicura che tutti voi sappiate che abbiamo ricevuto un nuovo agente, diamole tutti degli applausi per la sua recente fuga." La coordinatrice della quale devo ancora capire il nome cammina nella mia direzione, distende un braccio verso di me ed inizia ad applaudire.

"Per tutti quelli di voi che non sanno chi l'agente 482 o di recente chiamata Karana sia, lei è nella linea di sangue dei fondatori. Il suo bisnonno ha avviato l'impresa ed è passata di figlio in figlio ed ora è di suo padre." Alzo un dito e lo muovo disgustata al nome padre.

"Correzione, donatore di sperma. Non merita nemmeno il titolo di padre per tutto ciò che ha fatto." Lei scrolla le spalle ed annuisce.

"Abbastanza giusto. Con ogni generazione, la sicurezza si sta indebolendo e più BabyGirl stanno scappando. Ma con Karana qui, tutte le imprese sono andate in blocco totale. Nessuno verrà più lasciato nelle case o al di fuori." Alzo un sopracciglio e Kayli e Summer mi tornano in mente.
Beh, Summer adora il pensiero di essere di proprietà di qualcuno quindi la dimentico, ma Kayli resta.

Non appartiene a questo, ed è colpa mia e lei non può uscirne ed è probabilmente stata torchiata il doppio da quando sono scappata.

"Più uomini sono stati immessi nelle case per viverci ed assicurarsi che le ragazze non scappino. Tutte le cameriere sono state licenziate e sono stati assunti maggiordomi così che non ci sia influenza femminile o consigli per le ragazze. Sono in completa solitudine. Molte BabyGirl sono state spostate in strutture più sicure rendendo difficile localizzare la loro esatta posizione."

Uno dei due uomini che fanno da guardia alla porta va verso la coordinatrice e le sussurra qualcosa nell'orecchio.
Lei annuisce e scrive qualcosa nel quadernino che ha in mano.

"Comunque, con la maggior parte delle imprese in blocco, i rifugi delle BabyGirl sono stati presi di mira ed attaccati. Uno dei nostri rifugi in Brisbane è stato localizzato e si sono infiltrati. Solo un quarto delle BabyGirl è scappato, ma quelle che non sono state trovate brutalmente uccise nell'area attorno il paese, non si sono mostrate affatto. Possano le loro anime riposare in pace."

Sembra che stia soffocando un po' ma continua con il suo discorso.
"In luce a questa tragedia, molti rifugi sono andati in blocco nelle scorse quindici ore e gli agenti che erano in missione sono stati urgentemente richiamati indietro nei rifugi a loro designati. E restiamo in codice rosso per tutto il tempo, questo vuoi dire che non vi è permesso lasciare il vostro appartamento per niente, a meno che non siate scortati dal personale."

"Rilassati Karana, non è nemmeno il peggio che possa essere o che possa diventare. Devi avere la pelle spessa per funzionare bene con ciò che comporta questo lavoro. Con tutto ciò in cui sei passata, sono piuttosto sicuro che starai perfettamente bene."

"Chiudi la bocca, Kaiser." Lui guarda la coordinatrice e ruota gli occhi.
"Sto cercando di prevenire che la piccola signorina trovata diventi un'altra Candace." Lei preme le labbra in una sottile linea e annuisce col capo.

"Candace? Chi è Candace e cosa le è successo?"

Kaiser, Sophie e la coordinatrice si guardano a vicenda e Sophie scuote il capo.
"È una storia per un'altra volta, per il momento hai altre cose di cui preoccuparti oltre a questo." Dice.
Tutte le chiacchiere nella stanza si sono interrotte per via della nostra conversazione, sembra che tutti sappiano qualcosa, perché hanno tutti lo stesso sguardo sui loro visi.

"Ad ogni modo, saremo tutti confinati nelle nostre stanze per il tempo necessario. Non vogliamo rischiare nulla, non sappiamo quanto a lungo durerà, ma speriamo non tanto perché anche io ho bisogno di uscire a prendere un paio di drink perché essere attorno a voi per un lungo periodo mi stressa." La stanza si riempie di risate, teste che annuiscono e "so che ha ragione" diffusi tra la folla.

"Kaiser, Karana, Sophie e German, per favore restate. Tutti gli altri sono liberi di andare." Noi quattro restiamo nei nostri posti mentre la stanza si svuota e tutti camminano per i corridoi per tornare nelle loro stanze.

"Ho chiamato voi quattro per farvi rimanere perché ho bisogno che tutti voi andiate in una missione speciale." Tutti le rivolgiamo lo stesso sguardo confuso, ma restiamo in silenzio.

"Karana, ci sono numerose taglie sulla tua testa al momento, quindi attrarrai molte persone che vogliamo o che sono ricercate da un po' di tempo. Comunque, questi tre non sono molto conosciuti quanto lo sei tu, quindi non verranno riconosciuti velocemente quanto te."

"E qui arriva la parte folle." Kaiser mette la testa sul suo palmo e grugnisce.
Lo guardo e tutto ciò che fa è scuotere la testa e riportare l'attenzione alla coordinatrice.

"Verrai usata come esca, agente Barnes. A questo punto vali tantissimo, se qualcuno ti dovesse trovare, quindi lascerebbero le loro case in un battito. Al momento queste sono tutte le informazioni che ho per voi. Ma siate pronti alle cinque del mattino, sarete presi dalla sicurezza del rifugio e la vostra missione inizierà, capito?"

"Sì, coordinatrice." Tutti tranne me dicono all'unisono. Presto lei ci lascia tornare nelle nostre stanze ed io vengo lasciata con tante domande senza risposta.

"Sophie?" Lei alza un dito mentre aspettiamo per la porta dell'ascensore.

"Nessuna domanda al riguardo, non chiedere mai ad un altro agente cose riguardo una missione anche se sai che sono affidabili, devi essere estremamente cauta quando si tratta di questo lavoro, Mila."

BabyGirl || h.s. ITALIAN TRANSLATIONDove le storie prendono vita. Scoprilo ora