Chapter 25

1.8K 51 2

Claudio Conforti

Bene, grandioso. E io che pensavo che sarebbe stato semplice convincerla ad accettare la mia proposta. Ma cosa dico, sapevo benissimo che non avrebbe accettato nemmeno sotto tortura. Testarda com'è, figurati se per una volta accetta di fare quello che qualcuno le dice. 

Se continuo di questo passo, a furia di lanciare la pallina contro ogni cosa che mi capita sotto mano romperò qualcosa. Ho così tanta rabbia dentro che sarei capace di farlo. Perchè diamine le cose tra di noi non funzionano? Avevo ragione anche su questo, era meglio continuare a fare tutto di nascosto invece di dover per forza vivere alla luce del sole. Prima le cose era meravigliose: abbiamo passato dei mesi fantastici insieme, soprattutto tra le lenzuola, e non litigavamo mai. Eravamo d'accordo su tutto. Però è bastato dare una svolta per far precipitare le cose tra di noi. 

La verità è che era più semplice essere il "terzo incomodo", è la cosa che forse mi riesce di più ma ora la priorità assoluta ce l'ho io e non ci son abituato. Non sono mai stato in questa situazione e non so nemmeno se potrò mai abituarmici. 

E se fosse proprio questo il nocciolo del problema? Il non volere dare una svolta al nostro rapporto? Se stessi sbagliando pure io? La colpa non è mai di uno solo.

Odio ammetterlo ma è vero: il problema è anche mio. Sono io che non voglio viverla davanti agli occhi di tutte le persone che lavorano qui dentro. Forse è proprio da qui che dovrei partire, smetterla e affrontare le paure. Alice ha carattere per dimostrare quanto vale, indipendentemente da chi frequenta. Era così anche quando stava con il figlio del Supremo. 

Devo parlarle prima che sia troppo tardi e che le cose diventino irrimediabili. Prendo la giacca e la valigietta, che vada bene o male, me ne vado comunque. Non ho la concentrazione adatta per lavorare. 

Nella sua postazione non c'è, ho due possibilità: o è andata a casa o è in biblioteca. Provo da quest'ultima e faccio centro perchè la vedo concentrata con un libro di medicina forense. Fortuna che è sola così evitiamo di disturbare altre persone.

<< Alice... Io... Che ne dici se andiamo a cena così parliamo e cerchiamo di risolvere?>>

<< Non posso, devo finire un lavoro per la Wally per dimostrarle che tengo alla medicina legale, che tengo a questo Istituto, che tengo al mio futuro...>>

<< Va bene, ho capito. Tieni ad un sacco di cose.>>

Me ne vado, ho capito che le cose purtroppo tra noi non potrebbero mai funzionare. Forse è meglio lasciare perdere prima che sia troppo tardi...

<< Claudio... Claudio aspetta! Il tuo discorso... Non ha senso. Possiamo far conciliare tutto, possiamo far funzionare le cose se c'è la volontà di entrambi. Io non me ne andrò, resterò qui perchè non ho paura di quello che penseranno gli altri. So come dimostrare ciò che valgo.>>

<< Alice...>>

<< Sono innamorata di te.>>

Spalanco gli occhi perchè non mi sarei mai aspettato in vita mia di poter sentire una cosa simile. Lei è la prima che me lo dice. Ed è bello sentirselo dire.

<< Mi manchi da morire. Mi manchi ed è così anche per te vero?>>

<< Si.>> rispondo senza esitare un secondo.

<< Allora baciami! Baciami qui e adesso!>> urla agitando le braccia.

<< Sssh, calmati.>>

<< Ti prego Claudio.>>

Oh al diavolo, quelle labbra mi sono mancate da morire. Voglio portarla via da qui e continuare a casa mia. Il letto è terribilmente vuoto senza di lei. Mi avvicino per annullare la distanza tra di noi, le nostre labbra si sfiorano quando io l'allontano di scatto. Ci sono la Wally e Anceschi che scendono le scale, spero solo che non ci abbiamo visto.

Vedo Alice che mi guarda alquanto confusa ma non appena mi sente salutare i miei colleghi capisce al volo il motivo per cui non l'ho baciata.

<< Mi spiace, io qui non ci riesco.>>

Spazio per me

Non so se avete letto l'avviso che ho messo prima ma in ogni caso, ho iniziato una nuova storia che si intitola "La ragazza anonima". La trovate sul mio profilo ed è già disponibile il primo capitolo. Se vi interessa, passate a leggerla e ditemi che ne pensate :) 

Ovviamente continuerò anche questa, con calma ma la continuo. 

Le scriverò contemporaneamente sempre con grande calma perchè prima mi concentro nello studio ;) Spero di vedervi nell'altra mia storia!

Insegnami ad amareDove le storie prendono vita. Scoprilo ora