BabyGirl 🌸 Capitolo Ventisei

1.9K 47 2
                                    

Capitolo 26
30 Novembre, 2016

Camila:
"Cosa? Cosa intendi con non fermarti?" Lilly mi spinge solo giù per il corridoio ed attraverso la tenda di velluto.
"Buona fortuna, e qualunque cosa tu faccia, lo intendo con tutta me stessa, non fermarti, anche se non hai idea di cosa fare." Delicatamente mi spinge attraverso la tenda, qui è quando realizzo di essere sul palco circondata da pali.
Più BabyGirl stanno ballando sui pali e sul palco e sembra che si stiano divertendo.

Ma come?

Do uno sguardo a Lilly e lei muove le mani indicandomi di camminare.
Seguo le sue istruzioni e mi dirigo ad uno dei pali più lontani, verso il retro.
Ci sono ancora molti uomini qui dietro, ma la gran parte sono davanti dove le ragazze con più "esperienza" stanno ballando.

Quando metto una mano sul palo, sento un paio di mani afferrare i miei fianchi e muoverli da un lato all'altro.
Guardo indietro ed è solo Sophie.
"Ondeggia sempre i fianchi così: se non sai cosa stai facendo, questo mostra che almeno un po' di ritmo. Oh! Vai anche a tempo con la musica, così sembra più organizzato." Seguo tutto quello che dice e presto ci prendo la mano.

Gli uomini lentamente iniziano ad avvicinarsi al retro del palco, ed io inizio ad essere nervosa: i palmi iniziano a sudarmi e riesco sentire che mi sto paralizzando.

"Non fermarti, Camila. Qui, continua ad oscillare i fianchi e guardami." Sophie si sposta davanti a me ed afferra il palo.
Ci gira attorno qualche volta e la terza volta aggancia una gamba attorno ad esso ed inizia a muoversi in cerchio, una gamba attorno al palo e l'altra alzata in aria sotto di lei.

Una volta completamente a terra, si alza e mi spinge a farlo.
All'inizio sono un po' scettica ma, dopo la terza volta che mi implora, rinuncio e ci provo.
All'inizio perdo spesso la presa, ma dopo circa cinque minuti diventa più semplice.
Tre ore e cinquemila dollari dopo, finalmente mi è consentito tornare nella stanza dove cambiarsi e rimettere i miei vestiti.
Se devo essere assolutamente sincera, mi sono sentita completamente a disagio per tutto il tempo che sono stata lì fuori; ho odiato gli sguardi ottenuti da tutti e gli strilli ed i fischi sono diventati una distrazione e mi hanno irritata tantissimo.

Mentre torno indietro, tutte le BabyGirl che erano nella stanza iniziano a fare il tifo per me.
Non ho idea del perché, ma accetto gli applausi e le ringrazio.

Lilly torna ed ha un enorme sorriso stampato in faccia.

"Camila! È stato fantastico!" La ringrazio con un sorriso nervoso ed un abbraccio.
"No, davvero Camila, dovresti essere fiera di te stessa."

Per aver ballato provocante in lingerie, su di un palo, su un palco a quindici anni; dovrei essere fiera di ciò?

Se si, allora sono preoccupata per che altro devo fare che è considerato lodevole.
Dopo che la mia conversazione con Lilly è finita, Harry emerge dalla tenda di velluto con un sorriso fiero sul viso.
Alza la mano in aria ed io, istintivamente, indietreggio.
"Mai sentito di batti cinque?" Attentamente avanzo e batto la mano contro la sua.

"Cat dovrebbe essere di nuovo a casa, cosa vuoi mangiare?"
Da quando ho ricevuto quell'orribile pizza con le acciughe ho bramato una normale pizza col salame piccante.
"Pizza? Senza acciughe!" Lui annuisce e tira fuori il telefono dalla tasca iniziando a digitare qualcosa.

Lilly ritorna, ma stavolta mantenendo un borsone nero.
Me lo porge, si congratula per il buon risultato e va via.
"Cos'è?" Harry scrolla le spalle ma fa una faccia come se sapesse già il contenuto.
Lentamente la apro per rivelare fogliettini di arta colorati, i soldi che mi venivano gettati.
Guardo Harry completamente in shock e poi guardo di nuovo i soldi.
"Devo tenere tutti questi?" Lui scrolla le spalle e china la testa di lato per farsi seguire.
"Tutto ciò che dirò è che non devi farli vedere a mio padre."

Mentre percorriamo il corridoio, noto Sophie ed Hannah smettere subito di parlare e stamparsi dei sorrisi falsi e sospetti sulle facce.
Harry non sembra notarlo visto che continua a camminare oltre loro senza uno sguardo.

Mentre torniamo al garage, riesco a sentire deboli sussurri venire da dietro di me, ma riesco a mala pena a distinguere le parole.

BabyGirl || h.s. ITALIAN TRANSLATIONDove le storie prendono vita. Scoprilo ora