Capitolo 5

466 19 2


Una voce quillante e dolce mi salutó -Charli sono Niall!- mi disse il mio caro fratellone. Sì, mi chiamava Charli. Odiavo essere chiamata Charli, ma con lui facevo un'eccezione. -Oh santo cielo Niall- risposi con una voce felicissima. Io e lui avevamo un bellissimo rapporto. Oltre a essere fratelli ci consideravamo migliori amici. Lui c'era sempre per me... purtroppo tre anni fa, ma ora lui è in Irlanda e io sono.... ma che dico? Continuo a raccontare. -Come va lì?- mi chiese lui dolcemente. -Tutto bene- mentii. Non volevo farlo preoccupare. -Mi manchi!- mi disse. -Ma se sono partita ieri sera! Non sono passate nemmeno ventiquattro ore!- ridacchiai. Quando mi disse quel semplice "mi manchi" impazzii dalla gioia. Era dolcissimo. -Haha, ma mi manchi ugualmente.- mi rispose ridacchiando un po'. -Mamma?- chiesi. -Si tutto be-bene- disse teso. Già. Mia madre non si era fatta proprio sentire e lei è una che fa mille raccomandazioni anche quando vado a comprare il pane da Jim, il panettiere. -Sicuro? Papà?- chiesi titubante. -Tutto bene ora scusa devo andare ci sentiamo- riattaccó così. Cosa stava succedendo? Dovevo scoprirlo, ma come? Greg! -Ecco la tua camera. La 37.- mi disse Gemma sorridente. -Oh grazie- bofonchiai. -Se hai bisogno di qualcosa chiamami- mi disse. -Ehi ma non ho il tuo numero!- ormai se ne era già andata. Fantastico! Feci due giri di chiave ed entrai. Le pareti erano gialle e rosse, al centro della stanza c'era un bel lettone a una piazza e mezzo, sulla parete a destra c'era un grande armadio di legno massiccio e accanto un piccolo frigo. Dall'altra parte c'era una scrivania. No televisione. No internet. Il telefono prendeva poco.Vicino alla scrivania c'era una porta di legno. La aprii e come pensavo c'era un mini-bagno. Ero davvero stanca. Così decisi di riposarmi.

Pov Harry.

-Ehi carina eh?- mi disse Josh dandomi una pacca sulla spalla. -Chi?- chiesi io. -Dai non fare il finto tonto!- rispose. -Sul serio non ti capisco!- dissi. -La morettaa! Quella della valigia- mi disse lui. -Ah Charlotte! Naah solo una amica!- rispose. -Si certo... ah comunque potevi guardare dentro la sua valigia- disse Josh con sguardo malizioso. -La prossima volta!- dissi ridendo -Ah bravo! questo è l'Harry che mi piace hahahaha-. Camminammo un po' finchè lui adocchiò una rossa. -Io vado da lei.- disse non togliendo gli occhi dalla sua "preda". -Ci si vede dopo! Io ho la camera 36!- rispose. Lui annuì e se andò.

Spazio autrici. Questo è un capitolo di passaggio. Speriamo che comunque vi piaccia. Recensite ;) . Saluti xx

Complicated Love StoryLeggi questa storia gratuitamente!