BabyGirl 🌸 Capitolo Dieci

4.1K 79 0
                                    

Capitolo 10
16 Settembre, 2016

Camila:
Harry ferma l'auto davanti l'entrata della casa.
Slaccio la cintura mentre lui esce dall'auto per aprire la mia portiera. Lo ringrazio silenziosamente e resto davanti l'entrata, aspettando che lui apra la porta. Prova circa cinque chiavi prima di trovare quella giusta, poi spinge la porta aprendola per farci entrare.

Musica soft si sente per tutta la casa attraverso le casse e tutte le luci sono oscurate o spente.
"Vai nella tua stanza e vai a dormire. So che sei stanca." Senza una parola annuisco e mi dirigo verso la larga scalinata. Entro nella stanza e chiudo la porta dietro di me.

Apro diversi cassetti in cerca di qualcosa che sia adatto alla notte. Trovo un paio di pantaloncini a strisce bianche e nere ed una maglia da baseball bianca e grigia. Dopo aver cambiato i vestiti vado in bagno per togliere il trucco e lavare i denti.
Attraverso lo specchio, i miei occhi incontrano quelli di Harry che è appoggiato alla cornice della mia porta. Non parla e non si muove, tiene gli occhi suoi miei finché non rompo il contatto visivo per sputare il dentifricio.

Quando guardo di nuovo in su è sparito.

Spengo la luce, cammino nella stanza fornitami e mi arrampico sul letto.
Un telecomando è posto sul tavolo accanto al letto, vicino all'orologio, lo prendo e premo il bottone di accensione.

Una parte del muro di fronte al letto scivola verso l'alto ed una tv a schermo piatto si muove in avanti per riempire il vuoto.
"Che cavolo?" Mormoro.
Inizio a premere bottoni a caso sul telecomando.

Scopro che uno controlla le luci sia nella stanza che in bagno, uno è per un oggetto per i blu ray, uno è per le tende accanto al letto, uno per la musica e, ovviamente, uno per la tv.

Inizio a cercare tra la selezione di show televisivi e film, finché non arrivo ad uno che mi è troppo familiare: Home Alone.
Mi accomodo nel letto, ma ci sono dei grumi nei cuscini che mi stanno irritando. Li sollevo per rivelare degli animali di peluche.
I miei animali di peluche che avevo a casa.
Me li stringo tutti al petto e li annuso: odorano come mia madre, Julia e Destin.

Li posiziono strategicamente attorno a me nel letto, sentendomi un po' a casa ed una sensazione confortevole investe il mio intero essere. Mi rannicchio nel letto sentendo un'ondata di emozioni attraversarmi ed abbastanza presto le lacrime iniziano a scendere sulle mie guance.
La parte emotiva di me pensa 'perché hanno preso me? Perché non hanno potuto prendere Julia? È più grande ed è più forte.'

Quella notte mi addormento col sottofondo di Home Alone in riproduzione sulla tv immersa nell'odore dei miei peluche.

La mattina dopo mi sveglio con l'odore di bacon che si diffonde nella stanza. Il mio corpo scatta immediatamente ed afferro un elefante di peluche. I miei piedi iniziano a muoversi e seguono l'odore di bacon che mi porta in cucina. Spingo la porta aprendola e vedo Cat che frigge il bacon ed Harry e suo padre seduti sugli sgabelli accanto il bancone.
Suo padre si gira e mi sorride.
"Buongiorno, Camila." Sorrido e mi siedo alla fine opposta del bancone.

Cat mi raggiunge e mette i suoi gomiti paffuti sul bancone.
"Cosa ti piacerebbe mangiare per colazione, signorina Camila?" Alzo le spalle ed appoggio il mento sul mio elefante.

"Prenderò solo una tazza di cereali." Aggrotta le sopracciglia e scuote la testa.
"Mr. Styles non mi paga per riempire tazze di cereali. Pensa a qualunque cosa." Mi guardo intorno per vedere qualcosa che possa aiutarmi a pensare a qualcosa, poi mi ricordo che ogni sabato negli ultimi otto anni, mia madre ci faceva le omelette con frutta fresca e succo d'arancia.

"Erm, una omelette con bacon, prosciutto e formaggio con della frutta e del succo d'arancia?" Sorride ed annuisce.
"Sarà pronto in dieci minuti, quindi perché non vai a vestirti ed a prepararti?" Guardo Harry, i cui occhi sono già su di me.
Lentamente riporto lo sguardo su Cat e guardo tra Harry e lei.
"Preparami per cosa?" Gli occhi di Cat si uniscono. Guarda Mr. Styles ed Harry ed alza un sopracciglio.

"Non glielo hai detto la scorsa notte, Harry?" Lui scuote la testa e scrolla le spalle.
"Immagino mi sia passato di mente." Ruota gli occhi e morde una mela.
Cat lo maledice in russo sottovoce e si allontana dai due. Mr. Styles alza un sopracciglio e si volta verso il figlio.

"Mi hai detto che saresti uscito da solo ieri sera." Harry scrolla di nuovo le spalle.
"La ragazza è stata appena venduta e c'era un party sotterraneo di BabyGirl ieri sera, così ce l'ho portata, grande affare."

"Lo è, Harry. La stai già facendo iniziare col piede sbagliato e la stai esponendo alle cose sbagliate, sai che non è così che vanno le cose qui. Quindi oggi clinica e ritorno, ok? Se non lo segui, entrambi avrete ripercussioni. Camila va a preparati. Cat verrà a chiamarti quando il cibo è pronto." Scendo dallo sgabello ed esco dalla cucina.

Provo ad ascoltare la loro conversazione, ma la porta si chiude e le voci non si sentono più.
Vado nella stanza e scopro che il guardaroba è una porta tutta nera proprio a sinistra del bagno. Entro e vengo spiazzata dalla quantità di vestiti.

Il guardaroba è più grande del soggiorno di casa mia. Cerco in esso per dieci minuti prima di decidere per un paio di jogger neri, un top corto bianco a collo alto e le converse.

Acconcio i capelli in una pigra coda prima di scendere le scale. Sul bancone c'è un piatto con una omelette accanto ad una tazza di frutta assortita ed un piccolo bicchiere di succo d'arancia.

Harry non si vede, ma Mr. Styles è seduto un paio di posti più in là indossando un paio di occhiali da letturar mentre osserva il giornale di oggi.
"Quindi, Camila." Apre la bocca e mi fissa.
Alzo un sopracciglio e fisso Cat re per vederla alzare le spalle e finire di lavare i piatti.

"Questa sarà una settimana libera per te, ma la prossima settimana inizierà il lavoro. Farai tutto ciò che qualunque adulto che entrerà in questa casa dirà. Se fallisci, verrai punita. Capito?" Annuisco, ma lui scuote la testa.

"Inoltre ti rivolgerai ad ogni persona come signora o padrona e signore o padrone, come la persona vuole essere chiamata." Ruoto gli occhi e mi giro nella direzione opposta alla sua.
Sento dei piedi colpire il pavimento e, con la coda dell'occhio, vedo Mr. Styles venire verso di me.
Avvolge il braccio destro attorno il mio busto e mi spinge verso il suo petto.
"Come ti ho appena detto di rivolgerti a me?"

"Non inizierà fino alla prossima settimana." Mormoro nel mio bicchiere.
Lo prende dalla mia mano e mette una mano alla base del mio collo.
"L'allenamento può iniziare ogni volta che lo dirò io, ora cosa dici?"

BabyGirl || h.s. ITALIAN TRANSLATIONDove le storie prendono vita. Scoprilo ora