BabyGirl 🌸 Capitolo Nove

4.1K 73 0
                                    

Capitolo 9
15 Settembre, 2016

Camila:
Restiamo insieme tutta la notte. È passata da un bel po' la mezzanotte ed Harry deve ancora venire a prendermi, insieme al resto dei proprietari di tutte le BabyGirl.
"Vuoi andare di sopra a prendere qualcosa da mangiare?"

"Harry mi ha detto di non andarmene da qui sotto o renderà la mia vita un inferno vivente." Schiocca le labbra e mi tira per il braccio su per le scale.
I miei piedi si muovono in sincronia con i suoi ed entrambe stiamo attente a non passare su nessuno mentre ci dirigiamo in cucina.
Fortunatamente tutti sono in soggiorno o semplicemente nel corridoio, quindi la luce del frigo non sveglierà o disturberà nessuno.

Cerchiamo nel frigo e troviamo un contenitore di pasta chiuso ed una bottiglia di birra alla radice.
"Bingo." Bisbiglia mentre mi passa la soda.
Sul bancone ci sono delle forchette di plastica, quindi ne afferra due e me ne porge una.
Ci giriamo e sulla porta c'è Harry; le narici allargate, il petto che pompa ed i pugni stretti.
"Cosa ti ho detto quando ero giù?" Inizia a muovere dei passi verso di me ed io faccio dei passi indietro finché il mio corpo non si scontra con il bancone.

"Avevamo fame ed il cibo era finito." Continua ad avvicinarsi a me finché il suo corpo non preme contro il mio.
Porta un dito sotto il mio mento e lo alza verso la sua faccia.
"Da ora fai come dico. Forza, ce ne stiamo andando." Guardo verso Kayli e guardo come il suo viso si trasforma in un cipiglio. Voglio davvero chiedere se può venire con noi, ma credo di sapere già la risposta.

Ora ha il suo padrone e so che qualcuno sarà profondamente arrabbiato se andasse via con qualcun altro, quindi lascio stare e vado ad abbracciarla.

"Prova a restare in contatto, se riesci, cerca di non metterti in nessun guaio, stai al sicuro e ti voglio bene." Mi tiro indietro dall'abbraccio e le rivolgo la schiena.
Seguo Harry fuori dalla porta d'ingresso e dentro l'auto. Sta seduto a guardare fuori dal parabrezza senza accendere la macchina.

"Lo sapevi che io sono stata ingannata per entrare in tutto questo?" La sua testa si sposta verso il basso ed annuisce.

"Così tante persone erano a conoscenza del tuo arrivo, da mesi. Dal momento che tu e Kayli siete parte della linea di sangue dei fondatori, le persone erano disposte a pagare molti soldi per avervi, perché in qualche modo siete molto... speciali." Il mio cuore cade per la centesima volta oggi.

Sono stata spiata per mesi.
Tutto è stato programmato da mesi e non ho mai visto nulla fuori dall'ordinario.

Una sola lacrima riga la mia guancia ed Harry avvia l'auto.
Mi guarda un paio di volte senza dirmi una parola.
Non posso credere che per tutti questi anni ho sprecato i desideri del compleanno e quelli delle 11:11 per vedere mio padre.

Tutti questi anni era così vicino a me che avrei quasi potuto allungarmi e toccarlo.
I miei desideri di sono avverati, ma hanno preso una strada tutta loro.
Non ho desiderato per tutti questi anni di vedere mio padre per far sì che lui mi vendesse come una qualche proprietà.

Bolle di rabbia si iniziano a formare nel mio stomaco e lacrime arrabbiate si formano nei miei occhi.
Più penso a ciò che ha fatto, più divento arrabbiata.

Le mie mani entrano in contatto con i miei fianchi ed il mio respiro diventa irregolare e frastagliato.
"Perché non ha potuto prendermi Russell al tuo posto?" Harry ridacchia e porta una mano sulla sua coscia.

"Perché, BabyGirl, ci sono più pari nella compagnia. Alcuni sono fantastici gli uni con gli altri, tra altri non scorre buon sangue.
Tuo padre ed il padre di Kayli e mio padre ed il padre di Zayn apparentemente sono parte di queste aziende tra le quali non c'è buon sangue. Tuo padre doveva qualcosa al mio, quindi tu e Kayli eravate il debito di cui avevano bisogno."

"E Summer?" Lui scrolla le spalle.

"Non era nemmeno parte dell'accordo, è successo che fosse immischiata e siamo stati fortunati con un extra. Intoltre, questo gli avrebbe permesso di vedere di nuovo la sua famiglia senza la paura costante di essere guardato o seguito."

"Quindi tutti hanno ottenuto ciò che volevano da tutto questo, tranne me."

"Avresti preferito che tuo padre fosse ucciso?" Alzo le spalle.

"Nel momento in cui siamo ora come ora, sì."
Avrei potuto passare una vita intera senza sapere i suoi segreti o dove fosse. Avrei solo preferito credere che un giorno lo avrei rivisto piuttosto che sapere la verità.

"Non lo intendi sul serio." La luce diventa verde ed Harry accelera.

"Invece sì. Forse non in futuro, ma ora sì. Ho aspettato dieci anni per vedere mio padre. Ho usato ogni desiderio del compleanno e delle 11:11 per quell'uomo, per vedere il suo viso anche solo per cinque minuti. Si, è mio padre e tutto, ma sentire che mi ha venduta, se avessi l'opportunità vorrei ucciderlo io stessa, proprio ora. Mentre io sono qui, miserabile, con te e la gente con cui vivi, la mia famiglia: mia madre, mia sorella, mio fratello ed anche Russell sono a casa senza di me, felici come possono essere. Sono più che arrabbiata con lui e, onestamente, non potrebbe importarmi meno del suo risultato."

"E qui è dove sbagli. Tutta la tua famiglia, anche tuo padre, stanno tutti soffrendo. Tuo padre si sente colpevole per ciò che ha fatto e tua madre non vuole nemmeno vedere la sua faccia al momento. Non pensare di essere l'unica a soffrire per tutta questa cosa."

"Lo sono, perché non ho nessuno su cui contare. La mia famiglia è insieme ed io sono bloccata con voi." Mi guarda e poi torna a guardare la strada deridendomi.

"Ci fai sembrare persone orribili."

Lo guardo completamente incredula.
Se non riesce a vedere quanto la sua famiglia sia incasinata, sono onestamente spaventata dallo scoprire cosa, secondo loro, è sbagliato.

"Voi lo siete! Rapite ed ingannate le ragazze per renderle parte di un traffico di esseri umani, le vendete contro la loro volontà e le usate per il sesso. Questo ha la scritta 'orribile' dappertutto e se non la vedi, onestamente mi spaventa."

"Io non inganno le persone e nessuno della mia famiglia lo fa a parte mio padre. Alcune ragazze vengono da noi volontariamente, proprio come la tua amica Summer. I nostri padri ed i loro dipendenti sono quelli che ingannano tutti. I figli stanno solo seduti a rilassarsi."

"Ed ancora non ci vedi nulla di sbagliato?" Harry rilascia un respiro frustrato e si ferma ad un semaforo rosso, mi guarda con la coda dell'occhio e poggia il braccio sulla console centrale.
"Mio padre fa questo da prima che nascessi, quindi per me è abbastanza normale. Basta domande."

Quando apro la bocca per parlare, Harry mette un dito sulle mie labbra e scuote la testa.
"Nemmeno parlare." Abbassa la mano e la mette di nuovo sulla console centrale.

BabyGirl || h.s. ITALIAN TRANSLATIONDove le storie prendono vita. Scoprilo ora