Capitolo 2

51 4 1

Si avvicinarono a me e dissero "Hei sgorbio cosa fai mangi e vomiti ancora?hahaha" per loro era una sciocchezza,ma per me quello era un problema serio!

Li ignorai e continuai a camminare per la mia strada,volevo solo sotterrarmi.

Arrivata a scuola tutti mi fissavano con occhi spalancati e facce incredule.

Era davvero snervante essere fissate di continuo.

Passate le ore di scuola era finalmente giunto il momento di ritornare a casa.

Di nuovo il gruppo di ragazzi iniziò a stalkerarmi,iniziarono a lanciarmi delle pietre prese dalla strada e ne presero da quelle più piccole fino a delle pietre grandi quanto una mano.

Scappai e mi rifugiai dietro un grande albero sperando che non mi trovassero.

Frtunatamente erano scomparsi.

Arrivai a casa con tanti lividi e ferite ma fortunatamente mia mamma non si accorse di niente.

"Allora,come è andato il primo giorno di scuola?" chiese.

"È stato stupendo" dissi mentendo.

Continuammo a discutere della mia giornata a scuola quando ad un certo punto qualcuno bussò alla porta.

Andai ad aprire ma non c'era nessuno,solo un biglietto "per Charlie" c'era scritto.

Di chi poteva essere?.....

               TO BE CONTINUED.....

RecoveryLeggi questa storia gratuitamente!