Capitolo 4

636 35 2

"C-ciao" dico tremante.

Perche ogni notte sogno lui?

Io non ho mai visto questo ragazzo.

Eppure è lui che mi tormenta la notte.

"Qualcosa non va?" dice avvicinandosi

"N-no tutto a-apposto" dico indietreggiando.

"Bene allora se vuoi puoi mettere a posto la tua roba e poi scendiamo a terapia insieme" dice sorridendomi.

È un bellissimo ragazzo e poi quelle fossette.

Ma io ho paura di lui.

"O-okay" dico ed entro in stanza mettendomi le chiavi in tasca e svuotando le mie valigie.Vedo che è impegnato a giocare sul cell a Piano Tiles e decido di farmi coraggio.

"Qual'è il tuo punteggio?" chiedo.

"Come scusa?" chiede ridacchiando.

"Qual'è il tuo punteggio.Insomma...a Piano Tiles" ripeto.

"163 il tuo?" dice avviando di nuovo il gioco.

"Bhe stammattina mentre venivo ho fatto un nuovo record.264" dico senza togliere lo sguardo dai miei vestiti che sto mettendo nei vari scaffali.

"Wow sei davvero brava" dice alle mie spalle ridendo.

<I pazienti delle sale 150 fino alla 200 scendano in sala accoglienza> ripete una voce fuori al corridoio.

"Bene dobbiamo andare.Ti aiuto dopo a sistemare le ultime cose" mi prende per un polso e mi incita ad uscire.

Io lo precedo e lui è dietro di me.

Scendiamo alcune scale e sento dire da Harry "È questa"

Entriamo e vediamo tutte sedie a cerchio con un ragazzo di spalle e alcuni seduti.

Harry già si è andato a sedere.Mi fa cenno di sedermi vicino a lui e quel ragazzo vedendo Harry si gira verso di me.

"Dottor Pay...ehm Liam!" dico avanzando verso Liam e stringergli la mano.

"Non sapevo che lavorassi qui" dico

"Bhe ho sempre lavorato qui.Vedo che tu hai fatto la delta giusta.Ora vai a sederti vicino a Harry"

Saluto Liam con un cenno della mano e mi siedo accanto ad Harry che mi guarda.

"Lo conosci?" mi chiede.

"Si era il mio psicologo prima di venire qui.Tu lo conosci?" chiedo.

"È il nostro professore d'accoglienza.Se ti ha detto di chiamarlo per nome va bene,ma davanti agli altri ti conviene prof." annuisco e piano piano arrivano molti ragazzi.

"Bene ragazzi oggi abbiamo una nuova arrivata.Lei è Dolisha Carrer" dice il mio prof indicandomi.

Tutti dicono in coro "Ciao Dolisha"

Mi sento una malata mentale.

"Allora per conoscierci meglio iniziamo a parlare dei nostri problemi e poi ne discutiamo.Prendiamo 2 ragazzi e 2 ragazze.Harry,Niall,Samantha e...Dolisha"

Ti pareva se non sceglieva me.

"Inizia tu Samantha"

dopo un po' capisco che Samantha ogni notte si sveglia e le vengono attacchi di panico tipo che si sente affogare o bruciare tra le fiamme.

Niall invece ogni volta che va a fare una passeggiata a allucinazioni come un uomo che lo accoltella o Dio che lo porta negli inferi.

Che brutte cose.

Finalmente arriva il turno di Harry e rimango sconvolta da quello che dice.

Stanza 183Leggi questa storia gratuitamente!