Capitolo 37 - Lectio Magistralis

1.4K 77 37

"A volte la vita ti colpisce in testa come un mattone. Non perdete la fede. Sono convinto del fatto che l'unica cosa che mi ha consentito di proseguire sia stato l'amore che provavo per quello che facevo. Dovete trovare ciò che amate" (Steve Jobs - Stanford 2005)

Sono ancora piuttosto scossa da questo ingresso in Aula Magna tra due ali di folla. Durante l'Università in quest'aula ci avevo messo piede solo una volta, all'inaugurazione dell'Anno Accademico il primo anno.

Mi guardo attorno, e inizio a scorgere volti noti, nelle prime due file ci sono tutti i membri dell'Istituto di Medicina Legale, subito dietro ci sono i miei amici, anche Silvia e Paolone con i loro bambini, vedo Sergio Einardi che mi sorride e fa segno di vittoria con la mano, e poi la Wally e Paul, e accanto a loro la mia famiglia, Marco e Yuki, Nonna Amalia, i miei genitori e quelli di Claudio (mamma Maria mi manda un bacio mentre si asciuga una lacrima) e tra loro la mia piccola Claudia, in piedi sulla sedia che si fa sentire e applaude "That's my mum ! Ciao MAMMA! Ciao PAPA'!".

Guardo Claudio che mi sorride e mi guida verso una delle poltroncine preparate sul palchetto, si leva la giacca, arrotola le maniche della camicia e inizia a parlare, completamente a suo agio.

"Amici e colleghi, cari studenti, sapete tutti che dal congresso mondiale di medicina legale del maggio di quest'anno c'è stato un boom di richieste di iscrizione a Medicina in questa Università, e in particolare di richieste di specializzazione i...

Oops! Questa immagine non segue le nostre linee guida sui contenuti. Per continuare la pubblicazione, provare a rimuoverlo o caricare un altro.

"Amici e colleghi, cari studenti, sapete tutti che dal congresso mondiale di medicina legale del maggio di quest'anno c'è stato un boom di richieste di iscrizione a Medicina in questa Università, e in particolare di richieste di specializzazione in Medicina Legale, Medicina Forense, Antropologia Forense, Tossicologia e così via. Non tutti hanno potuto essere accontentati quest'anno per il numero chiuso, ma stiamo pensando di aprire un nuovo corso di specializzazione, unico in Italia, dedicato a tutti quei giovani medici che vorrebbero iscriversi a Medicina Legale ma hanno anche il pallino dell'investigazione. Questo corso comporterà, oltre alle materie di studio tipiche della medicina legale anche di dover superare esami di legge, antropologia, tossicologia, tecniche investigative e criminologia. Il tutto in stretta collaborazione con le strutture della Polizia Scientifica, Polizia Criminale e RIS. E' ancora una idea in divenire che stiamo provando a realizzare cercando fondi e supporto da parte delle Istituzioni, ovvero dal  Ministero degli Interni insieme a quello dell'Università e della Ricerca. Bene, è su proposta del Magnifico Rettore che chiedo, di fronte a tutti voi, al Professor Alice Allevi di accettare l'eventuale posizione di Direttore di... beh il nome non l'abbiamo ancora scelto, ma ci verrà in mente. Tutti quelli che abbiamo interpellato hanno confermato che non ci sarà bisogno di un concorso o di una selezione perché solo tu hai i titoli per poter svolgere questo ruolo, e se accetti il posto è solo tuo Alice, che ne pensi? Se portassimo in porto l'iniziativa ti andrebbe di tornare in questa Università come Direttore?"

Claudio spara tutto questo tutto di un fiato e di colpo si fa silente, oddio aspetta una risposta? Subito? Ma come? Ma perché cavolo non me l'ha detto prima! Questa notte tra un riposino e una coccola ad esempio? ...Beh... adesso che ci penso forse ci aveva anche provato ma io l'ho interrotto perché mi ero arrabbiata quando stava dando per scontato che io sarei rimasta a Roma... Se solo me l'avesse spiegato ora non sarei qui a non sapere cosa dire... ma qualcosa dovrò pur dire no? Alice fatti forza e pensa... in effetti è una proposta fantastica...quasi la stessa cosa che avrei voluto mettere io in piedi a Boston, c'è lo zampino di Leo in questa idea ne sono sicura. Ma allora Leo non mi vuole più a Boston con lui? UFFA, che cavolo, ma perché mi devono mettere di fronte a queste decisioni così difficili senza preparazione! E poi mi giro verso di lui e vedo la speranza nel suo sguardo, e ci vedo anche tanto amore, e ha gli occhi umidi mentre fa passare il suo sguardo da me a nostra figlia e ai suoi genitori. Mamma Maria già si sta soffiando rumorosamente il naso, e pure mia mamma e mia nonna... e pure Lara e Silvia!! Ma che siamo diventati matti?
Non è mica il set di Titanic questo!

Alice Allevi, Medico Legale. Boston, MA [#Wattys2019]Leggi questa storia gratuitamente!