CAPITOLO 33

GRETA'S POV.

《Buongiorno》Dissi scendendo le scale per poi baciare la guancia di Liam.

Notai che era impegnato a sistemare nel piatto il bacon.

《Vedo che va meglio, ne sono felice》Disse sorridendo.

Mi sedetti davanti a lui e incominciai ad abbuffarmi. Il bacon era cotto alla perfezione, leggermente croccante ai bordi, proprio come piace a me.

《Liam è squisito, dove hai imparato a cucinare così bene?》Chiesi abbastanza sorpresa.

Anche se era maleducazione, stavo masticando e non riuscivo a smettere di ingerirne.

《Mia mamma è una di quelle donne che tiene alla casa, lei amava cucinare e mi ha tramandato la passione. Mi piace aver pulito in casa, odio il disordine》Spiegó lui.

Quindi la madre è morta? Un groppo mi si formó in gola a quel pensiero.

《Dalla tua espressione credo tu abbia capito male, ho usato l'imperfetto poiché lei abita a Londra e la vedo una volta all'anno...》Si fermó a riprendere fiato. 《...e tra qualche giorno arriverá, perció voglio farmi trovare pronto》

È bellissimo vedere come li brillano gli occhi parlando della sua adorata mamma, si nota che le vuole bene e da come la descrive deve essere stata un'ottima madre. Il fatto di poterla vedere solo 1 giorno su 365 deve essere orribile e straziante. Arriva al mattino e già sa che dovrà andarsene la sera.

《Vorrei proprio conoscerla》Dissi, ed è la verità.

Voglio conoscere la donna che ha cresciuto questo splendido ragazzo nonostante tutti i problemi che aveva. La morte alla nascita, i reni, le iniezioni...eppure lei lo ha sempre amato, in ogni singolo modo.

Credo sia questo che faccia una donna una vera madre, amare il proprio figlio incondizionatamente senza pregiudizi, affrontando ogni genere di ostacolo.

《Comunque dove eravamo rimasti ieri? Ah si...io in questi giorni non ti ho cercata pensando ti infastidissi della mia presenza》

《Liam come puoi pensare una cosa del genere...sono io che mi sento imbarazzata e fuori luogo a parlartene...ma il bacio che ti ho dato prima di andartene, beh dimenticalo. È stato un errore e non so perché io lo abbia fatto davv...》Non potei finire la frase che le sue labbra si poggiarono sulle mie, unendosi in un bacio a dir poco stupendo.

《Devi imparare a parlare meno e agire...quel bacio non è stato un errore e nemmeno quello che ti ho dato io ora, perché sappiamo entrambi che è questo ció che volevamo fin dall'inizio...》Fece una breve pausa, cercando di leggere il mio sgaurdo 《Ma cerca di non farmi ingelosire con un finocchio la prossima volta》Disse facendomi strabuzzare gli occhi.

《Calum è gay? Quindi quando è uscito insieme a Josh loro due...oh cazzo stanno insieme?》Ancora non riuscivo a connettermi.

Sono entrambi dei bei ragazzi, non hanno l'aria di esseere omosessuali.

《Ahaha esatto, anche se vederti fare box è tremendamente eccitante, mi distrae troppo》Disse mordendosi il labbro inferiore fra i denti, rilasciandolo in seguito di un rosso più intenso internamente.

《Nessuno ti dice di guardarmi》Sorrisi provocandolo.

《Sai ero anche preoccupato, ho visto il polso fasciato, che è successo?》Chiese prendendolo fra le mani, ma subito ritrassi il braccio.

《Oh ehm mi avevi stretta un po' troppo quando ti avevo pregiudicato, e ti chiedo ancora scusa per quello》Dissi, sperando che non approfondisse la questione.

《No è a me che dispiace di averti fatto male, posso vedere?》

《No!》Urlai.

GuardLeggi questa storia gratuitamente!