Capitolo 2

8 0 0

(scusate se questo capitolo fa schifo, cercheró di rimediare nei prossimi, detto questo... buona lettura! )

Ah mi ero dimenticata un particolare, il paradiso é diviso dall 'inferno da una specie di muro di vetro ma che non si puó rompere.

La strada per tornare a casa mia, passa da lì così ogni santissima volta mi tocca incontrare "Horan " uno stupido vampiro (vampiri e demoni vivono assieme nell'inferno ) che si crede chissacchì solo perché é l'unico vampiro biondo .

E infatti eccolo lì con i suoi amichetti che mi fissa. Uno di questi giorni glielo dico, "ma che cazzo fissi?! "... eh gia mi piacerebbe tanto.

Fingo di ignorarlo ma non funziona

'Hey angioletto! '

continuo per la mia strada facendo finta di nulla .

'Su su Erika ahahahah '

'Lasciatemi in pace '

'Uuuuuuuuuuhhhhh'

'Ma si può sapere che cazzo volete da me!?!?!'

'Eddai lasciaci divertire! '

Eppure lui stava li immobile che mi fissava...ma che cazz...

i suoi amichetti gli giravano sempre intorno, non é mica un re!

Non so perché mi fissasse sempre ma tacesse, forse gli piaceva vedermi i nervi a fior di pelle o magari... naaah comunque devo ammettere che non era male per essere un vampiro!

Distolsi i miei pensieri e tornai volando a casa.

***

'Com'é andata? '

'Guarda la mia faccia e trai le tue conclusioni'

'Cos'è successo? '

'Umano '

'Potresti spiegarti meglio? '

'Umano! Mi é stato affidato un fottutissimo umano! '

'WTF?! Quindi non si fa il pigiama party?  '

'...Non sei molto d'aiuto sinceramente! E comunque non so perché la roba da preparare é molta quindi non so se il tempo basta  '

'Uff non me lo aspettavo effettivamente.... e chi é? '

'Chi é chi? '

'L'umano '

'Harry Styles '

'Mmmmhhh... mai sentito '

'Gia io invece si... uff '

'Che? '

'Lascia perdere... lunga storia, lo conoscevo quando ero viva...  '

'Ma se tu lo conoscevi in vita... aspetta un attimo... se tu lo conoscevi quando eri in vita ora....non te lo potevano affidare e ci sono regole molto rigide su questo...loro lo sanno bene... ti potrebbe riconoscere '

'si lo so!... comunque parto domani pomeriggio '

'Ma …ma … sai che ti dico? '

'Cosa? '

'Questo lo devi fare, che ti piaccia o no e non puoi cambiare la situazione! Quindi, meglio ridere che piangere …prendila con filosofia '

'Facile a dirsi eh! Però in fondo hai ragione, mi aiuti a fare la valigia? '

'Certo cushiola '

Dopo queste parole ci abbracciammo, non posso credere che non la rivedrò per chi sa quanto tempo! Lei é la mia migliore amica!!

TORNLeggi questa storia gratuitamente!