Capitolo 12 - sono una Star !

1.2K 67 10

"E se diventi farfalla nessuno pensa più a ciò che è stato quando strisciavi per terra e non volevi le ali" (Alda Merini) 

Sono diventata una star e nella mia stanza d'albergo a sei stelle, vengono a trovarmi Arthur e la sua famiglia, insieme al padre.

I migliori complimenti arrivano da lui, Malcomess Sr.
"Dottoressa Allevi, l'ho sempre saputo che lei aveva quel qualcosa in più, oltre la tecnica, oltre lo studio. Brava. Sono fiero di essere stato uno dei suoi professori".
Lo ringrazio con un abbraccio mentre penso «secondo me si sta ancora chiedendo chi abbia 'ammazzato' il cranio di Mortimer» e sicuramente non glielo posso confessare ora.

Arthur mi si avvicina e chiede timidamente "ma... Conforti? Come mai Claudio non è qui a congratularsi con te? E a festeggiare questo tuo successo? Non vi siete riconciliati?", io lo guardo con gli occhi lucidi e rispondo tristemente "non lo sento più, non ce la posso fare. Non era destino che io fossi felice con lui, Arthur".
Poi mi scuoto, prendo in braccio la piccola Luna ci buttiamo sul letto a farci le coccole tra vice-madrina e vice-figlioccia, mentre cerco di distrarmi e dimenticare, o almeno ci provo.

La sera c'è il Clou del Congresso, il Gran Gala, la cena dove tutto il mondo importante della Medicina Legale "deve" essere presente.

E del Professor Claudio Conforti si nota solo l'assenza.

Io non ho nemmeno tempo di entrare nella sala che vengo accerchiata da colleghe e colleghi di tutto il mondo che si complimentano con me, e fanno a gara per stringermi la mano e per dirmi "Dottoressa Allevi, si ricorda di me? Ci siamo conosciuti a..." e nominano improbabili congressi a cui non ho mai partecipato, vogliono farsi un selfie con me e addirittura un paio mi chiedono l'autografo (!).

A un certo punto vedo avvicinarsi una signora bionda ed elegante, sì viene proprio verso di me... Oddio! E' lei! Patricia Cornwell! Ma che ci fa a questo congresso?
Mi si avvicina e mi stringe la mano (^)"Congratulations Dr. Allevi. May I talk with you for a while?"
"Of course Madame, but please let's seat and take something to drink. You know, I am so excited to meet my favourite writer " (e rido come una scema, senza essere ancora ubriaca).
Mamma mia che emozione, la mia (ex) autrice favorita di gialli ambientati nel modo della patologia forense. Ma che vorrà da me?
Nella mezz'ora di chiacchierata amichevole, è davvero una persona che ti mette a tuo agio, mi fa una richiesta sconvolgente. Vorrebbe il mio permesso di inserire il mio personaggio (Io!! Me stessa!! AA!!) come "ospite" nel suo prossimo libro.

E  daje !!!! (Importante Nota** con relativo quiz)
Ovviamente le dico di si, e quando inizia a parlare di compensi la fermo subito.
"I don't want any money for myself, please forward any compensation for copyright related to my person to «Make-A-Wish NGO» instead "(Nota***)
Poi ci salutiamo e io vengo di nuovo assaltata dalla folla, ancora incredula di quello che mi sta capitando.

I fotografi ufficiali del Congresso mi perseguitano e mi ritraggono mentre stringo mani, mangio, sorrido e pure  mentre guardo perplessa, per non dire inorridita, qualcuno che ha detto una enorme castroneria. Non mi abbandonano un momento e mi sento un po' a disagio così "paparazzata".
C'è da dire che sono piuttosto soddisfatta di come mi sono "assemblata" stasera, « niente male» mi dice lo specchio all'ultima occhiata che mi concedo prima di uscire dalla mia stanza.
Un abito che mi disegna le forme, un pochino più piene dopo la nascita di Claudia (passare da una prima a una terza di reggiseno dà una certa soddisfazione, ma soprattutto soddisfano le occhiate interessate degli uomini presenti).
Capelli raccolti, trucco leggero che evidenzia occhi e bocca, orecchini di brillanti (il mio primo self-regalo dopo la promozione a vice di Leo) e da ultimo la collana che mi ha regalato Claudio al mio compleanno.

Non ho potuto resistere, volevo che ci fosse anche un po' di lui, con me, a celebrare la mia consacrazione a star della Medicina Legale.

Boston - oggi

"Ops! I did it again!" , ho divagato tanto da riuscire a trasferire me, e voi con me, da un cadavere nel Boston Common al congresso di Parigi con un click. Purtroppo in questo non riuscirò mai a cambiare e resterò sempre l'Alice che avete imparato a conoscere e (spero) ad amare; nella mia mente un pensiero tira l'altro e mi ritrovo a immaginare le cose più impossibili o improbabili.
Come sarebbe bello se i pensieri si potessero trasformare in solida realtà, se si potesse anche tornare indietro nel tempo con il solo pensiero e cambiare il passato.

Ma non siamo in "Sliding doors" e non possiamo immaginare come sarebbe stato se....

***** Fine Capitolo 12

Ora abbiate pazienza, ma devo mettere ordine nelle mille idee che mi frullano in testa per continuare la storia.
Ma prima mi devo organizzare per :
- Fare autopsia
- Scrivere la relazione
- Preparare la cena per Luke e Leo

Nel frattempo mi scuso se lascio sovente alcune frasi in inglese, ma ritengo siano necessarie per il racconto. Cercherò per quanto possibile di evitarle (infatti mi sono inventata un Luke che è bravissimo a parlare italiano). Comunque sono talmente semplici che con Google translate è facile capirle anche per chi non spiaccica una parola di inglese.

(*) ve lo avevo detto che Alice tiene anche un corso universitario ? Nooo? allora devo recuperare e raccontarvi in uno dei prossimi capitoli come è Alice "professor")
(** QUIZ per voi ) Chi è che scrive sempre "daje" su twitter il giovedi? )
(***) Make-A-Wish è una Onlus internazionale che si occupa di realizzare i sogni di bambini malati di tumore, spesso in fase terminale - Io personalmente penso sia una delle più belle iniziative di volontariato esistenti)

TRADUZIONI:
(^) "Congratulazioni Dr. Allevi, Posso parlarle un momento?"  "Ma certo signora, ma sediamoci per favore e prendiamo qualcosa da bere. Sa, sono onorata di incontrare la mia scrittrice preferita"
(^^) "Non voglio denaro per me stessa, per favore faccia inoltrare ogni compenso legato ai copyright relativi alla mia persona alla Onlus «Make-A-Wish NGO» invece"

Nel frattempo aspetto i vostri voti e i vostri commenti. Grazie ! e se vi piace questa storia consigliatela agli amici

Alice Allevi, Medico Legale. Boston, MA [#Wattys2019]Leggi questa storia gratuitamente!