8.Guariscimi le ferite

336 22 0

"Ma guarda che faccia da neonato succhia latte"commenta Cam, riferendosi ad Andrea in tv, mentre io rido come una scema.

Siamo nella sua stanza d'albergo, stesi sul letto a guardare un'intervista di Andrea, e ovviamente Cameron non può evitare di fare i suoi soliti commenti.

"Ma come ti è uscita questa?"chiedo, divertita dalla sua gelosia.
"A te non sembra che abbia la faccia di un bambino?"chiedo curioso, guardandomi.
"Ehm,no"dico semplicemente, dato che non è per niente così.

Andrea ha un aspetto anche abbastanza maturo per la sua età, e penso che questo Cameron lo sappia bene.

“Ciò non gli permette di dire cazzate”dice, dato che Andrea sta rispondendo ad alcune domande sulla nostra presunta relazione.
“Beh ma non è colpa sua, siamo stati obbligati”dico, accoccolandomi al suo petto caldo.
“Cosa intendi?”chiede confuso.
“La mia manager mi ha minacciata di licenziarmi se non avessi accettato di far finta di stare con Andrea, e penso che per lui sia successo lo stesso”gli spiego, mentre lui mi ascolta attentamente.
“Che stronza”dice, penso riferendosi a Melissa.
“Si,lo è”dico, ridacchiando leggermente.

Spesso mi pento di aver chiamato Melissa quel giorno, e di non essere direttamente andata via da Miami per evitare che succedesse qualcosa a Cam. Ammetto che mi piace sentire le persone cantare le mie canzoni ed emozionarsi vedendomi, però forse tutto questo non è per me.

“Fatto sta che la dovrebbe smettere di dire quelle cose”dice Cameron, svegliandomi dai miei pensieri.

“Beh diciamo che io e Jane ci siamo trovati in un certo senso, penso sia stato amore a prima vista”dice Andrea, dalla tv.

“Sta fingendo”gli dico io, ricordandogli che non è vero ciò che dice Andrea, ma che è tenuto a dirlo.
“Mi da lo stesso fastidio che le persone pensino che state insieme, soprattutto perchè tu sei solo mia”dice dolcemente, dandomi un bacio sulla fronte.

Dire che mi sono mancati momenti come questo è il minimo. Penso che ora come ora potrei urlare a gran voce di essere felice, già, ora con lui accanto sono felice.

Un pensiero però mi balena per la mente: e se ci fosse nuovamente il rischio che gli succeda qualcosa? È o non è da egoista volerlo al mio fianco quando, accanto a me, rischia di farsi del male?

"Forse stiamo sbagliando Cam"dico, staccandomi dalla sua presa per poterlo guardare negli occhi anche se, ora come ora, vorrei evitare di guardare la sua espressione ferita.
“Che stai dicendo?”mi chiede, confuso e con un pizzico di rabbia. 
"Cameron, perchè non capisci? Non posso rischiare"dico con tono dispiaciuto.
“Rischiare cosa Jane?”mi chiede,furioso.
“Di farti del male…”dico con tono basso.

Vederlo così arrabbiato e frustrato mi fa male, io non voglio che pensi che faccio tutto questo per farlo soffrire, anzi, l'unica cosa che voglio è la sua felicità.

La sua mano mi alza il mento delicatamente, facendomi incontrare il suo sguardo non più furibondo, ma dispiaciuto.

“Forse non hai ancora capito, Jane, che tu non potresti farmi del male. In tutto questo tempo ho sofferto, molto, non a causa tua ma proprio perchè tu non eri con me. Ammetto che la tua aseenza mi ha devastato l'anima:svegliarmi e ricordare che durante il giorno non avrei potuto guardarti nei tuoi splendidi occhi blu, o baciarti con tutto l'amore che provo per te, mi spezzava il cuore. Voglio che tu capisca, una volta per tutte, che tu mi fai stare fottutamente bene Jane, che tu sei l'unica in grado di allontanare da me tutto il dolore del passato, che tu riesci a farmi sentire speciale per qualcuno. Quindi smettila cazzo, smettila di dire stronzate e curami le ferite che mi ha provocato tutto questo tempo lontano da te”

Parla con le mani che tremano, con gli occhi che traboccano di sincerità e il cuore che batte all'impazzata , proprio come il mio.
Non riuscendo a rispondergli a parole, faccio l'unica cosa che può fargli capire quanto lo ami:lo bacio.
Lo bacio come se non ci fosse un domani, come se il mondo potesse scomparire in questo esatto momento, lo bacio come se lui fosse l'unico appoggio a cui aggrapparmi per evitare di cadere nel buio totale.

Il bacio si fa più intenso, tanto che sento un caldo tremendo, pur avendo soltanto una sua maglietta. In un attimo ci troviamo stesi sul letto, lui che padroneggia su di me, mentre continuiamo a baciarci senza mai staccarci. 

Mi sfila la maglia ed io faccio lo stesso con lui, che inizia a darmi una serie di baci che partono dalla guancia fino all'incavo del mio seno.

"Ti voglio Jane"sussurra,tra un bacio e l'altro.
"Sono già tua Cam"dico a fatica, a causa dei baci e dalle sue labbra a contatto con la mia pelle chiara.

Lo sento sorridere, e in un attimo gli ultimi indumenti finiscono da qualche parte della stanza, mentre i nostri corpi si muovono insieme in una danza meravigliosamente stupenda.

Mi ero quasi dimenticata della sensazione che provavo ogni volta che i nostri corpi diventavano una cosa sola. Mi ero dimenticata del suo sorriso alla vista del mio viso arrossato. Mi ero dimenticata di tutto questo, e ho fatto male.

"Sei unica Jane"dice Cam, prima di darmi un bacio sulla fronte e stendersi accanto a me.

Sorrido a quelle parole, anche se forse me ne sarei aspettata altre. Sono così felice e completa in questo momento, che non voglio pensare a quello che potrebbe succedere, non voglio pensare a nulla che possa distrarmi dall'amore che provo per questo ragazzo.

"A cosa pensi?"mi chiede, notando il mio silenzio.
“Penso a quanta fame ho in questo momento”mento, allontanandomi da lui ,per guardarlo meglio.
“Non sei l'unica piccoletta, anche io ho un certo appetito”confessa lui, divertito dal modo in cui sono scappata dalla sua tortura di baci.

Posso fingere quanto voglio, ma lui riuscirà sempre a capire perfettamente quello che mi passa per la testa, e quindi penso abbia capito perfettamente che pensavo ad altro, e non al cibo.

“Pizza?”chiedo, sorridendo largamente.
“E netflix?”continua lui, ed io gli salto addosso, facendoci finire di nuovo stesi sul letto.

Lo ammiro mentre ride per la mia reazione da bambina, ed io lo seguo, poi lui mi guarda seriamente ed uno dei suoi sorrisi più belli gli si stampa sulle labbra.

"Ti amo Jane"

Da quanto tempo aspettavo di sentire di nuovo queste parole? Decisamente troppo.

"Ti amo Cam"

Ed è così che ci perdiamo l'uno nell'altra, baciandoci con così tanto sentimento che penso che in questo momento saremmo in grado di far sorridere il mondo intero.

Two Souls In OneDove le storie prendono vita. Scoprilo ora