44- Un peso nel cuore💥

324 16 4

Pov's Carmen

X: Carmen Ferreri,è la prossima
Mi alzo dalla sediae mi sistemo un po i capelli lisci
Busso ed entro nella stanza
C: buongiorno
X: buongiorno a lei.Ho visto il suo curriculum e vedo che ha delle buone esperienze ed ottime capacità.Vorrebbe parlarne?
C: prima di tutto la ringrazio,e comunque si,ho partecipato ad Amici,un università di musica ed eccomi qui,a cercare di realizzare il mio sogno di diventare un'insegnante di canto
Eccomi qui,in un studio a fare un colloquio di lavoro,un lavoro che deriva da una passione
Un passione che aveva anche lui...

Carmen basta,é inutile che fai così,non si ricorda di te,non puoi deprimerti.

È vero,non posso continuare a piangere
Lui non si ricorda di me
Questà è la crudele verità
X: signorina,qualcosa non va? Perché piange?

La mia vita non va,mio marito non va ...anzi la sua memoria non va

C: ehm..mi scusi,sul serio
Mi asciugo frettolosamente la lacrima che mi era scesa
X: comunque,lei ha delle ottime capacità canore,le faremo sapere
C: grazie,grazie mille
Esco da quel luogo e mi siedo su una panchina in cui scoppio in lacrime
Sono fragile
Troppo fragile
Ma sono anche troppo giovane per vivere queste cose
le storie degli altri sono tipo:
Si fidanzano
Si sposano
Hanno dei bimbi
Non litigano mai
E poi ci sono io che mi porto un peso dentro
Un peso nel cuore
Ma non solo uno
Me ne porto tanti
Perchè nessuno pensa a me
Nessuno

All'improvviso mi ricordo che ora fosse
Le 17
Torno a casa per prendere i bambini per portarli dal padre
Busso alla porta e ad aprirmi vedo 2 occhi di ghiaccio
I: ehi
E: papà!
Prende i due bambini in braccio e li porta dentro
C: ciao
I: emh..ciao
A: papà,papà guarda cosa abbiamo portato

Pov's Irama

A: papà,papà guarda cosa abbiamo portato
Vado verso la bambina dai capelli oro e la trovo con un sacchettino
E: é per te,aprilo,l'abbiamo scelto noi
Apro il sacchettino e trovo delle piume
I: cosa sono?
A: ma come,le indossavi sempre
I: si,certo...
E: non ti piacciono?
I: certo che mi piacciono,anzi venite qua che mi aiutate a metterle,dico mentre li porto per mano nel salotto
A: ecco fatto,stai benissimo
C: Adri,Edo venite un secondo

I giorni passano e questa ragazza con i suoi bambini vengono ogni giorno a trovarmi. Non so chi siano queste,ma sento come un qualcosa che mi lega a loro,un qualcosa di forte,difficile da descrivere.La loro presenza non mi da fastidio,anzi mi fa stare bene.Stare con loro,vedere i loro sorrisi,giocare con i bambini mi fa sentire apprezzato e mi riempie il cuore di gioia.Ma non capisco questa senzazione...
N: amore,sono pronta- emh..ciao Carmen

Pov's Carmen

N: amore,sono pronta- emh..ciao Carmen

Si presenta nel salotto con un rossetto rosso fuoco,un vestito a rete nero molto corto che non lascia scoperto grazie ad una sottoveste nera e con dei tacchi vertiginosi

C: ciao
N: beh...noi dovremmo andare,non è vero amore?,dice prendendo la mano di Filippo
I: si,dove andiamo?
N: dove andiamo sempre amore,dice stampandogli un bacio sulle labbra
C: allora io vado,ciao,dico prendendo le manine dei bambini e andando via da quella casa

Ma dove devono andare?!
"dove andiamo sempre"...
Vestita così neanche in discoteca la fanno entrare
vado da mia madre per lasciare i bambini
Mc: tutto bene Carmen?
C: si,sono solo un po stanca,dico facendo un sorriso più falso di Nicole

Esco e faccio un giro per schiarirmi le idee
Amo Filippo,ma non posso continuare cosi
Per amore si fa tutto,ma se poi non viene ricambiato?
Cosa dovrei fare?!

Mentre cammino vedo un macchina parcheggiare vicino a me...

Anche lontani,siamo più vicini?Leggi questa storia gratuitamente!