43- I brividi..🦋

333 20 0


Pov's Carmen
Non si è ancora trovato l'assassino di Filippo,nessuna prova,nessuna testimonianza.Giuro,sto impazzendo.

Domande sopra domande,io non so nulla ricordo solo quella sagoma,la sagoma di mio marito steso per terra,cosparso di sangue.Niente di più.
Esco dalla caserma,si è quasi fatta sera,non so dove andare.
Chiamo Filippo.

*in chiamata*
C:Pippo dove sei?
F:ho finito di lavorare,tu?
C:passi a prendermi in caserma?
F:arrivo.
Dopo 10 minuti dalla chiamata arriva Filippo,inizia a farmi domande il perché sia qui.Comincia a correre veloce,allontanandosi rapidamente dalla caserma.Era molto teso stando in quel posto.
Ma comunque adesso non so cosa fare.
Ad interrompere i pensieri è Filippo che mi chiede di andare a prendere qualcosa insieme ai bambini.
Accetto così ci avviamo verso casa per andarli a prendere,ed usciamo.

A:Ciao mamma!!
E:ciaoo
C:Ciao amori,volete uscire?
A/E:si!
Ci dirigiamo verso la macchina di Filippo ed andiamo a mangiare qualcosa.
Durante la cena vedo una forte intesa tra i bambini e Filippo,ne sono contenta.Se non fosse per lui,sarai caduta davvero in depressione.Si sta prendendo cura di me.

C:bene,noi andiamo a casa.Domani dobbiamo andare da Filippo
F:oh.. alle mie parole lui rimane un po' deluso
C:ma potremmo vederci quando alloro saranno a casa sua,aggiungo
Lui sorride.
C:Ciao Pippo,grazie,lo saluto con un bacio sulla guancia ed un abbraccio.
A/E: Ciao pippo!!!
F:Ciao piccoli,ciao Carmen!

Il giorno dopo..
Pov's Nicole
È da qualche giorno che Irama sta qui a casa da me,non ricorda assolutamente nulla ed io non posso fare a meno che essere felice.
Ancora dorme quindi decido di andare da lui per svegliarlo visto che a momenti arriveranno i mocciosi di quella sfigata.

Gli accarezzò leggermente la fronte finì ad arrivare ai capelli,poi lascio tanti baci sul suo viso,finalmente è sveglio.

N:buongiorno amore,dico sorridendo
I:giorno
Lo prendo e lo porto giù a fare colazione.
Ci abbracciamo e ci baciamo tutto il tempo,nessuno potrà dividerci.
Suona il campanello,so già chi è.

Pov's Carmen
Oggi i bambini dovranno andare da Filippo,io non ho nessun coraggio per poter varcare la soglia della porta per poi mettere piede in quella casa.
Arriviamo e ci apre Nicole..
Mi squadra dalla testa ai piedi.

C:ciao
Faccio entrare i bambini,e lei si scansa,sta per chiudere la porta ma la fermo.

C:stai calmina,eh!
Sento delle urla dall'altra parte della casa
F:amore chi è?

Mi si blocca il cuore,non batte più niente dentro di me.Sono un semplice corpo che si muove.Non vivo nessuna emozione.
Ogni minima cosa che provo riesce sempre a farmi male.

Pov's Irama
F:allora? Chi è?
Vedo i bambini dell'altra volta avvicinarsi,con la stessa ragazza di prima.
Loro si buttano su di me,per abbracciarmi e portano anche delle piume,ma cosa devono fare?

A:papà papà,oggi metti queste! dice mostrandomi le piume.

Papà? Io? Papà?
Impossibile.
Ma cosa stanno blaterando?

Resto in silenzio,non so cos'altro dire.Vedo la ragazza avvicinarsi a me.
Si siede accanto a me,mentre io ho in braccio i due bambini.

C:non sai chi sono,vero? dice con voce tremante
F:no,dico schietto
Lei abbassa la testa in segno di disperazione,la vedo esausta.

F:ehi ma che hai?
C:niente,dice asciugandosi le lacrime.
Sento di dover fare qualcosa,ma non capisco cosa!
Ad un tratto la bambina che avevo in braccio dice..

A:Papà,è la mamma!
Mamma?
Non riesco,sono stanco.

La porta sbatte e entra Nicole.
N:adesso basta,fuori!
Ne ho abbastanza!

Pov's Carmen
Ma guarda questa,prendo i bambini e corro via piangendo.
Chiamo Filippo,è l'unico che adesso sa come calmarmi.Mi raggiunge ed iniziamo a parlare in un parco,mentre i bambini giocano.

F:stai tranquilla,tutto si sistemerà.
C:non se sono sicura,dico piangendo
F:shh,mi da un bacio sui capelli e poi mi riaccompagna a casa.

Pov's Irama

F:Perché hai cacciato quelle persone?
N:Cazzo,Irama,non capisci! Tu non capisci!
Non conosci quelle persone,ti potrebbero fare del male.
Abbasso lo sguardo.

Forse è vero,ma non sembra,cosa dovrebbero farmi quei due piccoli e quella ragazza?

I:scusami amore,è colpa mia.
N:no tranquillo,dice avvicinandosi.
Mi bacia,ogni volta desidero sia l'ultima,ma non so perché.

Ci stacchiamo per prendere fiato e..
N:ti aspetto di là,dice con un sorrisetto perverso.
Penso già quali siano le sue intenzioni.
I:arrivo,un attimo.
Chiude la porta,ed resto solo in quella stanza per un paio di minuti.
Giro per tutta la stanza,fin quando noto che sul tavolo ci sono quelle piume che ha dimenticato la bambina.

Poggio la mia mano su di esse è un leggero brivido percorre tutta la mia schiena,non so cosa mi stia succendendo..

Angolo autrici:
Ciao ragazzi! Vi volevamo ringraziare per le 13,9ml di visualizzazioni!!❤️
Cosa succederà secondo voi?
...

Anche lontani,siamo più vicini?Leggi questa storia gratuitamente!