The Wedding ( You and I... we're the infinite)

74 5 2

CORINNE'S POV

stanotte non ho dormito molto , troppa ansia!

È stata una di quelle notti infinite che sembrano non passare mai,  e cerchi in tutti i modi di ingannare il tempo che sembra farsi burla di te che stai impazzendo.

E ora sono le 5 del mattino e io mi sono appena svegliata , avrò dormito al massimo 3 ore , minuto più minuto meno...oggi é il grande giorno!

Vado farmi una doccia,  ma non riesco per nulla a rilassarmi e dopo inizio a prepararmi .

Mi acconciano i capelli, semi raccolti con delle ciocche ricce che ricadono sulle spalle, un trucco leggero in modo che si addica a quello di una sposa.

Indosso l'abito , e provo un emozione unica,  adesso mi sento davvero una sposa , guardo il mio riflesso sullo specchio ; Soni davvero io ? sono una sposa!  ...

Ha delle applicazioni in pizzo , fasciato in vita, con una forma a trapezio.

É stato difficile sceglierlo ero davvero indecisa.

Sono le 8 circa ..

E quando dopo essermi preparata prendo in mano il bouquet  le gambe tremano e il nervosismo predomina.

Scendo le scale.. e gli occhi iniziano a farsi pesanti , le ragazze e i miei genitori tutti schierati ad attendere il mio arrivo .

Alla fine delle scale trovo Greg , il fratello maggiore di Niall che mi prende a braccetto,  troppa emozione ..e se non riuscissi a reggere ? No, no devo farcela.

K:"sei bellissima !"

G:"mio dio manca poco Corinne ,davvero poco !"

Io:"grazie di avermelo ricordato Geo "

E:"non ci credo ancora che ti sposi ..sorridi!"

"Grazie a tutti ..okay ora ..andiamo.?"

rispondono tutti di si .

mia madre si avvicina a me , guardadomi come una madre fiera di sua figlia. 

"Mi mancherai ..ormai sei cresciuta , la mia piccola principessa adesso è una donna e fra poco si sposa"

mi dice lei abbracciandomi con una tale forza che non riesco quasi a respirare. 

io: "Ti voglio bene , ma ..mamma mi sto sposando non vado in guerra , va tutto bene !" la cosa strana ..è che sono io adesso a dover rassicurare lei quando io sono ansiosa,  un ansia più o meno comparabile a quella di un agente che deve decidere se tagliare il filo rosso o blu , rischiando che la bomba scoppi.

Un'auto mi aspetta fuori , mio padre vi sale con me e parliamo un po' mentre siamo diretti in chiesa.

mio padre non ha proferito parola , tranne

" lo ami ? lui ti ama ? se si , sarete felici e ricorda che dovete starvi vicino "

NIALL'S POV

stamattina mi sono svegliato prestissimo… ho preso la mia chiatarra e ho suonato un po' per calmarmi. 

Touch life being myselfLeggi questa storia gratuitamente!