66

306 23 52

Filippo mi stringe a sé ancora una volta e la sua fragranza irrompe nelle mie narici.

Singhiozzo come non mai, invece lui mi accarezza la testa, poco dopo mi rilasso sotto il suo tocco delicato.

-Cosa è successo, Rose?- mi domanda poco dopo alcuni istanti.
Singhiozzo, tremo, in seguito tiro un sospiro e mi asciugo le lacrime con le dita.
-M-mi ha lasciata...- balbetto guardandolo negli occhi.
-Perché?- mi chiede alzando un sopracciglio.
-P-perché...-

Deglutisco e cerco di placare i singhiozzi.

-Perché ci ha visti abbracciati. In realtà penso che l'abbia fatto principalmente perché d-domani parte per la Spagna e starà via per un bel po'- gli spiego.
-Davvero?- sgrana di poco gli occhi.

Annuisco, poco dopo posiziona una mano sulla mia guancia e inizia ad accarezzarmi lentamente.

-Se in parte è anche per colpa mia, corro subito a parlargli. Sono entrato solo da pochi giorni nella tua vita e non è giusto che io rovini un bel rapporto come questo- borbotta ritirando la mano.

Fa per andarsene, ma lo blocco.

-Filippo...- mormoro stringendogli dolcemente il polso.
Lo guardo per alcuni secondi negli occhi, infine mi mordo il labbro.
-Rimani qui, non cambierà idea. Adesso ho solo bisogno di un abbraccio- bisbiglio debolmente.

Mi fissa, in seguito sospira, apre le braccia e mi accoglie al loro intorno, per poi stringermi forte e farmi sentire il suo affetto più profondo.

-Grazie Irama- sussurro contro il suo petto.
-Non ringraziare, piccola- farfuglia continuando a stringermi tra le sue braccia, proprio come se fossi la perla più rara di questo mondo.

Sospiro e mi godo tutto l'affetto di questo ragazzo, un perfetto sconosciuto, che sento di conoscere da una vita.

***

Mi sono calmata qualche oretta fa, adesso siamo in giro per Milano. Dopo quell'abbraccio caloroso non ho più detto una parola, così anche Irama.

Ogni tanto i nostri sguardi si incontrano, lui mi sorride ed io a stento arrossisco.

-Ormai è notte fonda, dovrei tornare al mio appartamento. Tu hai un tetto per stanotte?- mi domanda infilando le mani in tasca.

Aggancio il suo sguardo magnetico e scuoto la testa senza alcun timore.

-Condivido l'appartamento con Federico, ma non ho proprio il coraggio di rientrare in quelle quattro mura sapendo che sicuramente lo incrocio. Mi farebbe troppo male vederlo solo per altre poche ore e non vederlo più d'improvviso domani mattina- gli spiego.
-Ho un grosso nodo al petto, Filippo- sussurro agganciando il suo sguardo.

Mi fissa e annuisce dopo le mie parole, subito dopo mi afferra la mano e si posiziona davanti a me.

-Se ti va, puoi stare da me stanotte- sorride.
Incrocio il suo sguardo e mi mordo il labbro inferiore, poco dopo mi stringe la mano, così aggancio nuovamente il suo sguardo magnetico.
-Non vorrei disturbare, Irama...- sussurro.
-Chiamami Filippo- ridacchia di gusto.

Abbozzo un sorriso e incontro per l'ennesima volta le sue iridi chiare.

-Comunque non disturbi, anzi, mi farebbe piacere ospitarti- borbotta standomi alquanto vicino.
Mi sorride come se fossi la stella più bella dell'universo, infine accetto la sua proposta e ci incamminiamo verso il suo appartamento.

***

Faccio il mio ingresso dopo di lui, Filippo chiude la porta alle mie spalle e mi raggiunge nel bel mezzo del salotto: mi ha colpito parecchio l'accoglienza che questa piccola casetta offre.

Mi guardo intorno e sorrido compiaciuta.

-Bello- borbotto soddisfatta togliendomi la felpa nera.
-Chi? Io?- ironizza il tipetto intrecciando i miei occhi.

Scoppio a ridere per la sua battuta, in seguito mi avvicino al divano e appoggio la mia felpa su un punto ben preciso, dopo di che mi giro verso Filippo e lo sorprendo a fissarmi.

Subito dopo fa finta di nulla, viene verso di me e sfoggia un mezzo sorriso.

-Ti mostro la mia camera?- ridacchia afferrandomi per mano.
Arrossisco all'istante, poco dopo mi riprendo e allontano i vari pensieri.
-Certo- sorrido leggermente più rilassata.

Ridacchia, fa intrecciare le nostre dita e mi trascina con sé in una camera.

-Bella...- espongo guardandomi intorno.
Filippo mi sorride compiaciuto, mollo la presa e mi avvicino al letto.
-Ah!- sospiro una volta affondata nel materasso.
-Fai con comodo, eh- borbotta appoggiandosi con la spalla destra allo stipite della porta.

Ridacchio di gusto e gli rivolgo un sorriso caloroso.

-Hai sonno?- gli domando notando i suoi occhi leggermente rossi.
-Eh, un po'- mi spiega avvicinandosi al letto.

Si siede di fianco a me e inizia ad osservarmi con quegli occhioni stupendi.

-Che c'è?- sorrido divertita.
-Niente- borbotta, per poi sfiorarmi la fronte con la mano.

Mi accarezza teneramente, mi godo le sue carezze, poi gli afferro lentamente la mano con la quale mi sta coccolando e l'avvicino alle labbra.

-Grazie- sussurro dopo avergli stampato un leggero bacio sul palmo.

Abbozza un sorriso dolcissimo, io mi mordo il labbro inferiore, in seguito si posiziona un'atmosfera strana intorno a noi.   

Lentamente si avvicina al mio viso, è come se fosse spinto da qualcosa verso di me. I suoi occhi si illuminano immediatamente, mi mordo il labbro e scorgo il suo volto avvicinarsi sempre di più al mio. 

Il suo respiro caldo si tuffa sul mio collo, quest'ultimo è così dolce e leggero.

Si avvicina ancora un po' al mio viso, le nostre labbra sono veramente vicine e avverto il suo cuore battere alquanto velocemente.

-Filippo...- bisbiglio col fiato corto.
-Ehi- mormora.

Con le labbra mi sfiora il naso, dopo di che sospira.

-Scusa, scusa- borbotta ritornando come prima.
-Non volevo, credimi. È che...- sussurra spiattellandosi una mano sulla fronte in modo sonoro.
-Tranquillo- sussurro mettendomi a sedere.

Gli afferro le mani e lo guardo negli occhi.

-Non mi devi spiegazioni- borbotto sorridendo.
-Mmh, okay- farfuglia.

Mi alzo e metto da parte ciò che stava per succedere.   

-Non ho un pigiama, come si fa?- gli domando raggiante.
Si alza e mi passa accanto, per poi aprire un'anta e tirare fuori un suo maglione enorme di color blu elettrico.

-Questo potrebbe andare?- espone divertito chiudendo l'anta aperta poco prima.
Sorrido e l'afferro, in seguito la stringo leggermente a me e avverto la fragranza di Filippo.

Spazio autrice

Sinceramente: vi piacciono queste parti con Irama? Sinceramente a me piace tanto come personaggio, e a voi? Piace?

Fatemi sapere se vi piace la sua presenza in questo libro, è importante.

Ancora grazie di tutto, vi voglio bene.
[21:16 13/02/18]

UN'AVVENTURA D'AMORE Dove le storie prendono vita. Scoprilo ora