"Fra non ci crederai mai, ma stavo per baciarti"

2 0 0

"Posso solo dirti che ti accorgi che ti piace qualcuno quando quel qualcuno riesce a sorprenderti ogni volta. Poi per l'anima gemella è un po' più difficile, perché lì ogni cosa di te è collegata all'altro" iniziò Niccolò, rispondendo alla domanda di Giuliano.
"Quindi se ci fosse questo.. ragazzo..."
"Non è importante cosa ha tra le gambe, se ti piace, va' oltre ogni convenzione sociale, devi sentirti libero"
"Sì ma..."
"Ma niente, ora vedi come ti ci trovi, parlaci, passaci del tempo, costruisci dei ricordi con lui"
"Ma poi Davide come ha reagito?"
"Eh fra'..."

Ma Giuliano doveva andare a cena e la conversazione si spense sul più bello, senza riprendere ulteriormente.
Mentre se ne stava in camera, una volta mangiato quelle due cose come al solito, isolato persino dal mondo online iniziò a pensare su come agire. Come prima cosa, conosceva questo ragazzo da pochissimo, nemmeno un giorno completo, non poteva assolutamente credere che gli piacesse, lo conosceva appena. Eppure sembrava che si conoscessero da tutta una vita. Forse sarebbe stato meglio stroncare tutto sul nascere, così da evitare a se stesso e all'altro dei dolori inutili. Magari poteva anche mettere subito in chiaro che non aveva intenzione di proseguire su un altro livello, ma poi avrebbe subito capito come era davvero. Probabilmente doveva solo stare in silenzio, far finta di nulla, come aveva sempre fatto, lasciare che le cose vadano da sole 'che tanto poi Raffaele si sarebbe stancato di lui - si erano stancati tutti, pensò.

Bzz Bzz

Non aveva mai odiato una vibrazione così tanto come in quel momento, voleva evitarlo, voleva non parlarci e non rimanere intrappolato in una relazione impari. Era troppo curioso, voleva sapere chi fosse. A dir la verità, sperava fosse lui, voleva solo vedere se era lui davvero.
Così era già nella fase di attesa-illusione, perché era solo il gruppo della sua classe. Bloccò il telefono e lo lanciò da qualche parte nella camera senza nemmeno farci caso. Frustrato da tutte quelle emozioni in un solo momento, si buttò a letto: faccia sul cuscino e il corpo inerme. Col buio che lo circondava, gli occhi chiusi, la mente troppo confusa per poter ancora restare sveglia, si addormentò.

Bzz Bzz
Bzz Bzz
Bzz Bzz

Il cellulare, perso nei meandri della sua stanza vibrava senza che lui se ne accorgesse, mentre quasi troppo tranquillo cominciò a sognare.

Era lui in una casa che non conosceva, in una camera non sua, su un letto che non aveva mai visto prima. Giuliano si guardava attorno per capire dove fosse, perché fosse lì. Poi la porta si aprì ed entrò un gatto bianco panna che uscì poco dopo lasciando la porta aperta dietro di sé. Così fece per alzarsi ma vide qualcun'altro entrare. Era Raffaele. Lo salutò e si sedette vicino a lui, iniziarono a parlare del più e del meno anche se Giuliano continuava a sentirsi un po' a disagio perché era tutto così nuovo che non riusciva a concepirlo. Poi Raffaele restò in silenzio, iniziarono a guardarsi, entrambi così imbarazzati e così inesperti. Mentre si guardavano iniziarono ad avvicinarsi, la mano di De che si appoggiò delicatamente tra il collo e la mascella di Giuliano, le loro labbra si stavano sfiorando. Potevano sentire l'uno il respiro eccitato dell'altro.

Ma la mattina arriva troppo in fretta perché i sogni belli possano continuare. Una nuova interminabile giornata di scuola gli si prospettava davanti e non sapeva bene come comportarsi con la vita. La sveglia ancora che suonava e l'unica parte di lui che si era alzata era quella che doveva controllare in queste situazioni. Non poteva di certo uscire dalla camera con un'erezione così prorompente quindi doveva farsela passare, velocemente.

Bzz Bzz

Si ricordò del telefono disperso in camera che probabilmente era arrivato al 2% e sarebbe stato senza batteria per tutto il tempo a scuola, senza musica, senza De.

Che cosa era successo? Perché così tanti messaggi?

22.01
Fra' scusa, mi sa che oggi ti ho imparanoiato

22.32
Però sei simpatico, ceh dai, non te la sei presa?

23.14
Forse sei andato a dormire

23.20
Buonanotte Giu'

00.27
Non riesco a dormire coddi

6.50
Buongiorno! Sai che ti ho sognato? Fra non ci crederai mai, ma stavo per baciarti"

Niente in quel momento poteva aumentare la sua erezione più di quel messaggio, ma il problema ora era un altro: come avrebbe dovuto rispondere?

-Maria

Ti ricordi il primo love che ti ho messo?Where stories live. Discover now