42•

2.3K 131 117

(Dopo che avete letto il capitolo, leggete anche lo spazio autrice che è importante, buona lettura❤)

Sapete, molte volte ci si innamora senza neanche accorgersene, perché tutto succede così all'improvviso, lui ti guarda ti sorride, e in un attimo ti ritrovi in paradiso.

Dopo aver fatto l'amore in macchina con Federico, beh si diciamo che è stato abbastanza strano, ma dopo un po' non pensi più a nulla e ti godi il momento. Ora stiamo andando a casa dei miei genitori.

-"spero solo che mi accettino per quello che sono" dice Federico guardando avanti a sé.
-"si amore stai tranquillo" dico io mettendo una mano sulla sua gamba.

Lui mi guarda per qualche secondo, per poi riportare lo sguardo sulla strada.

-"ti amo tantissimo" dice Federico -"fare l'amore con te è la cosa più bella che si possa fare" continua lui, sorridendo.
-"ti amo tantissimo anch'io Federico" sussurro io avvicinandomi al suo viso a lasciando un piccolo bacino sul suo collo.

Arriviamo fuori casa mia, entrambi scendiamo dall'auto e ci incamminiamo verso la porta di cssa mia. Federico è molto nervoso, si porta molte volte la mano nei capelli, e lo fa spesso quando è nervoso.

-"sei pronto?" domando io mentre infilo la chiave nella serratura.
-"beh in teoria" dice lui sorridendo e morendosi il labbro inferiore.

Giro la chiave ed apro la porta di casa, appena entriamo i miei genitori sono sul divano, che da come vedo ci stanno aspettando.

-"mamma, papà, lui è Federico il mio ragazzo" dico io presentando Federico  a mia madre e mio padre.
-"oh che piacere rivederti Federico, è stato divertente sfilare?" domanda mia madre.
-"il piacere è tutto mio signora, certo mi sono divertito molto!" dice il mio ragazzo con tono di voce molto convinto.
-"ciao Federico, io sono il papà di Arianna, è un piacere" dice mio padre sorridendo.
-"piacere di conoscerla signore" dice Federico ricambiando la stretta di mano.
-"allora caro Federico, accomodati pure" dice mia mandre indicando il divano.

Prendo per mano Federico, e andiamo verso il divano, per poi sederci sopra.

-"allora, raccontaci un po' di te" dice mio padre.
-"oh ehm" dice Federico mettendosi una mado tra i capelli.
-"dai non essere timido, non mangiamo tranquillo" dice mia madre per poi ridere.

Federico mi guarda, non sa che dire, e mi sta decisamente chiedendo aiuto, ma alla fine non so neanche io cosa fare o rispondere. E se gli dicessimo tutta la verità? Ovviamente dovremmo rischiare perché se poi i miei genitori non dovrebbero prenderla bene ma male, credo che non mi farebbero più uscire di casa per rivedere Federico.

-"signora io non lavoro, o meglio lavoro anche ma è uno di quelli sporchi" dice Federico capendo le mie intenzioni, mia madre e mio padre alle sue parole sgranano gli occhi non capendo.
-"cosa intendi dire?" dice mio padre cercando di farlo continuare.
-"che la mia non è una famiglia come la vostra, mio padre è scappato con un'altra, ed io per mantenere la mia famiglia ho dovuto accettare la proposta di uno dei signori più pericoli del Bronx, beh sì io vivo nel Bronx. So che ora voi pensiate che io sia un delinquente o cose del genere, ma io-" Federico si ferma un attimo e mi guarda dritto negli occhi.

-"io amo con tutto il mio cuore a vostra figlia, lei è tutto ciò che voglio. Man mano sto cercando di smetterla con questa vita ma una volta che ci sei entrato uscirne è molto difficile" continua Federico prima guardando me per poi guardare mio padre e mia madre che sono rimasti a bocca aperta.

Spero solo che lo accettino per ciò che è, come ho fatto io, perché io nonostante sapessi della sua vita abbastanza incasinata gli sono stata vicina, ho cercato di aiutarlo, anche se molte volte abbiamo avuto dei momenti no anche noi, che poi sono cose normalissime in una coppia, sono cose che succedono ma che poi se è vero amore passa tutto.

-"Federico si vede che tieni molto ad Arianna" dice mio padre con tono di voce abbastanza serio -"come lei si è fidata di te, anche noi ci fidiamo di te" continua mio padre per poi sorridere.

I miei genitori sono delle persone abbastanza severe, ma hanno un cuore enorme. Quando vedono che qualcosa oppure qualcuno ci rende felici, loro sono disposti a tutto pur di non toglierci quella felicità.

-"grazie davvero" dice Federico abbracciando mio padre, per poi abbracciare a mia madre.
-"benvenuto in famiglia Federico" dice mia mamma.

Federico a quella frase, le sue meravigliose labbra si curvano in uno splendido sorriso.

*

-"i tuoi genitori sono delle persone davvero bellissime" dice Federico abbracciandomi.

Siamo su una spiaggia, e il tramonto fa di certo la sua scena. Sono tra le sue gambe, e lui mi abbraccia da dietro, e ogni tanto mi lascia dei leggeri bacini sul collo.

-"tu sei una persona bellissima, Federico" dico io incrociando le mie mani con le sue, per poi girare il viso verso destra e vedendo un castello ormai dal tempo rovinato.
-"che guardi?" domanda Federico guardando la parte in cui sto guardando io.
-"quando eravamo piccoli io e mio fratello giocavamo al principe e la principessa, e che quel castello lì" dico io indicando il castello -"fosse la nostra casa" continuo io.
-"ci sei mai entrata dentro?" domanda Federico stringendomi di più a lui.
-"purtroppo no" dico io sospirando.

Mi alzo da terra, e prendo Federico per mano, che è impegnato a guardare il castello.

-"sei la mia piccola principessa" dice Federico baciandomi.
-"e tu il mio principe" dico io ricambiando il bacio.

Dopo circa 45 minuti di macchina, Federico mi porta a casa.

-"allora ci vediamo domani, okay?" dice Federico -"ah domani ti porto io a scuola" continua lui.
-"ma no dai, non voglio farti svegliare alle 6 del mattino" dico io facendo il musino.
-"non è affatto un problema per me, ci vediamo domani principessa" dice Federico andando verso la sua auto.
-"a domani amore mio" sussurro io per poi ridere.

*

È mattina, sono fuori casa aspettando l'arrivo di Federico, mia madre e mio madre sembrano molto felici della mia relazione con Federico.

Finalmente dopo 5 minuti vedo arrivare l'Audi bianca di Federico. Salgo in macchina saluto il mio ragazzo e metto la cintura. Federico alza una benda, rossa.

-"che ci fai con una benda?" domando io ridendo.
-"oh beh, non è per me, ma per te" dice lui mettendo la benda sui miei occhi.
-"no Federico sei serio? Io devo andare a scuola" dico io non vedendo nulla.
-"per oggi salti" dice lui con tono di voce convinto.
-"almeno mi dici dove andiamo?" dico io sbuffando.
-"eh no amore mio, è una sorpresa" dice Federico mettendo una sua mano sulla mia gamba.

N/A: salve ragazze, come state? Volevo dirvi che la storia sta per svolgersi al termine, perciò credo che ci saranno altri 2/3 capitoli e TREMENDA finisce qui. E nulla volevo chiedervi, volete il sequel di questa storia oppure ne volete una nuova? Fatemelo sapere nei commenti, per me è importante un vostro parere.

E nulla, vi lascio alla lettura.

Xoxo 28.01.2018

Tremenda «Federico Rossi ||FF||»Dove le storie prendono vita. Scoprilo ora