Quel ragazzo.

139 10 0

"Ciao ti chiami Julia giusto?" mi chiede. "Sisi, tu sei Biraghi vero?"

"Yes mi chiamo Francesco, ma chiamami Fra. Piacere."

Dice sorridendo.

La campanella suona, l'intervallo è finito e si ritorna in classe. Le ultime ore passano in fretta e si esce. Io ed Eleonora ci siamo organizzate e faremo un giro in città poi andremo a casa mia.

Abbiamo girato tutti i negozi e abbiamo mangiato una pizza. Sono le 3:30 il pomeriggio è ancora lungo "Che ne dici se andiamo a chiamare Mirko e ci facciamo un giro assieme a lui!?" Mi chiede saltellando (non si sa il perché) "Certo andiamo, so dove abita. Ma ascolta, non è che ti piace?? Sai lo guardi in un modo un po' come per dire 'mmmm sarai mio bello gnocco'" non faccio in tempo a finire di parlare che lei arrossisce e scoppiamo a ridere.

"Chi è?" risponde qualcuno con voce metallica al citofono, era Mirko. "Mirko sono Julia ti va di fare un giro?" rispondo alzando la voce per farmi sentire "Sisi 2 minuti e scendo."

**

Sono le 5:10 abbiamo praticamente fatto il giro turistico della città, ora io sto andando a casa e anche Mirko ed Eleonora stanno tornando.

Arrivata a casa lancio la cartella in camera, è vuota ma da un fastidio tremendo, e saluto mia mamma con un bacio sulla guancia. "Papà dov'è?" Chiedo alla mamma "arriva tra un po' oggi sono iniziati gli allenamenti e doveva conoscere i bambino che deve allenare. A proposito di allenamenti, domani iniziano anche i tuoi. Sono all'oratorio alle 18:30 fino alle 20:30/21:00." "Va bene grazie mamma!"

Ci sediamo a tavola e mangiamo, io racconto della mia giornata e lei racconta la sua lamentandosi un po' dei suoi colleghi che non fanno mai niente.

Arriva papà, lo saluto e vado in camera mia, preparo la cartella, la metto all'entrata. Mi sdraio sul letto, metto le cuffie e faccio partire la playlist, l'ho fatta partire, non dall'inizio, ma, dalla canzone 'le solite canzoni' di low low. Inizialmente era noiosa ma ora mi piace molto. Mi immergo nei miei pensieri e la prima cosa che mi viene in mente è quel sorriso, quel viso, quegli occhi fantastici, il suo sguardo.

È tardi, smetto di pensare e inizio a dormire.

**

Mi sveglio e sono ancora le 7:05 come ieri mattina, altro giorno altre materie, ma sempre a scuola si va. Preparo la borsa per pallavolo, mi preparo e io e mia mamma usciamo.

Le ore di scuola passano in fretta e io continuo a cercare il suo sguardo.

Appena accendo il telefono vedo una notifica nella cartella 'social✌️' sarà una solita richiesta su Facebook penso scocciata; parola cartella e vedo che il bollino rosso è sull'icona di ask.fm, apro l'app, vado sulle domande e leggo 'we non è che vuoi una foto? Se continui a guardarmi mi sciupi u.u... No dai scherzo, scrivi mi aspetto un tuo messaggio. ;)' la domanda non era in anonimo era stato...

È lui quello giusto? ❤️Leggi questa storia gratuitamente!