Capitolo 75

1.2K 55 8

Non è facile vivere quelli che sai essere gli ultimi giorni con la persona che ami, con la consapevolezza che presto dovrai andare via. Non ho ancora detto niente a Cameron e non saprei proprio cosa inventarmi,e mancano solo tre giorni, dopodomani parto. In realtà non ho ancora detto niente a nessuno, ho troppa paura di come possano reagire. Ho deciso, li riunirò tutti e gli spiegherò la situazione, ovviamente omettendo qualche dettaglio (non posso mica dire loro tutta la verità).

Decido di saltare la lezione di storia e mi dirigo in biblioteca, cercando di non incontrare Cameron nei corridoi.

'Non puoi evitarlo per tutto il giorno'

A me basta evitarlo qui a scuola, anche perché dopo pranzo gli dirò tutto, più o meno...
Prima di attraversare il corridoi per entrare in biblioteca, controllo che non ci sia nessuno e poi mi fiondo all'interno della stanza. Chiudo la porta e tiro un sospiro di sollievo.

Afferro il cellulare e apro la chat del gruppo in cui ci sono tutti i miei amici...

Io: Oggi pomeriggio venite nel mio appartamento, devo parlarvi di una cosa importante. Non mancate!

Nash: Mi preoccupi sorellina...

Io: Tu vieni e basta

Shawn: Io ci sono

Aaron: Anche io, sono proprio curioso

JackG: Non posso mancare!

Eli: Tesoro ,però pulisci tu la casa visto che stai facendo venire tutti!

Io: Certo Eli, pulisco io..... ;)

Charl: Porto Zack da mia madre e poi vengo!

Cameron: Ci vediamo dopo piccola, devi anche spiegarmi il motivo per cui mi stai evitando da stamattina...

Io: :)

Dopo aver ricevuto la conferma da tutti i miei amici, avviso anche mia madre e mia sorella, che rispondono dicendomi che ci saranno.

Scivolo per terra e porto le gambe al petto, per poi circondarle con le braccia.

"Ho paura...." Sussurro a me stessa, sperando che nessuno mi abbia sentito
"Christina Grier che ha paura? Oddio ora casca il mondo" invece a quanto pare...
Mi volto e vedo Jennifer che mi sorride lievemente, io le faccio un cenno e lei si siede accanto a me.

"Cosa è che ti porta ad avere paura?"mi chiede con tono premuroso. E' strano vedere la stessa ragazza che, in passato, mi ha minacciato più volte, che si preoccupa per me.

"Sinceramente non lo so, credo di aver paura un po' di tutto" dico guardandola, facendole scuotere la testa, contrariata.
"Non hai paura di tutto Cris, tu hai semplicemente paura di una sola cosa che però occupa uno spazio molto grande, così tanto da sembrarti infinita. Non si può avere paura di tutto, tu non puoi. Ti osservo sempre e vedo che tu le paure le affronti a testa alta e non ti tiri mai indietro, ho visto che tu gli ostacoli non li raggiri, tu li salti per poi atterrare sempre e solo sulle tue gambe..." mi guarda in modo sincero mentre mi parla, così tanto da vedere nei suoi occhi un velo trasparente che la spoglia di tutte le sue emozioni.
"Sei una stalker?" chiedo sarcastica, facendola ridacchiare.
"No, diciamo che osservo attentamente le persone. Tu sei una delle persone che guardo con più attenzione, hai tanto da far scoprire di te, sei come un pacco regalo avvolto da una carta colorata e brillante ed io sono una bambina curiosa di sapere cosa c'è dentro di te"
C'è un momento di silenzio ma dopo un po decido di parlare e cercare risposte alle mie domande:
"Jennifer, tu cosa nascondi?" le chiedo seriamente
"Cosa vuoi dire? Io non nascondo niente..." dice abbassando lo sguardo
"Stai mentendo" dico con tono duro "Tutti quanti hanno i propri demoni, non credo che tu sia un'eccezione alla regola" dico guardando attentamente la sciarpa avvolta al suo collo, che lei stringe con forza. Come un lampo le tolgo la sciarpa, rimanendo di sasso.

"Ridammi quella sciarpa!" mi urla contro con gli occhi imperlati dalle lacrime
"Chi ti fa questo?" chiedo con tono duro indicando i suoi lividi violacei, con lo sguardo
"Nessuno, ho avuto un incidente..."sussurra lei
"Non prendermi per il culo Jennifer! Alza la maglietta!"le ordino facendola sussultare per il tono che ho usato. Lei scuote la testa, allora avvicino il braccio al suo torace e afferro con la mano un lembo della sua maglietta, tirandola in su, scoprendo delle enormi chiazze scure sulla sua pelle chiara.
"Dimmi subito chi è stato!" le impongo urlandole contro, facendole mordere il labbro inferiore, magari per trattenere le lacrime.
"Ti ricordi quando al parco ti avevo chiesto cosa fosse sul serio l'amore?"chiede con tono basso
"Si certo, tu stavi piangendo e sono venuta a chiederti cosa avessi" dico ricordando quello che era successo quel giorno "Quindi? Centra qualcosa con la persona che ti picchia?" chiedo all'improvviso, avendo già un ipotesi su questa storia...
"La persona che mi ha procurato questi lividi è il mio ragazzo. Io lo amo così tanto da non fare caso a quando torna dai bar ubriaco e inizia ad insultarmi e lanciarmi oggetti, lo amo così tanto da non importarmi se mi causa del dolore fisico perché la cosa importante è che lui mi fa soffrire dentro, ed è questa la cosa che mi fa stare male..."

IL POMERIGGIO

Dopo aver ascoltato le parole di Jen le ho detto che l'avrei aiutata e poi sono andata in classe per le ultime due lezioni del giorno. Adesso mi trovo a casa mia, nella mia stanza, a pulire il grande caos che mi circonda, mentre ho la testa piena di pensieri.
Non so come prenderanno la notizia i miei amici, la mia famiglia e, soprattutto, Cameron: anzi, lo so benissimo, lui soffrirà tantissimo...

"Cris sono arrivati tutti, puoi anche smettere di pulire, hai fatto un bel lavoro"mi dice Ari per poi farmi cenno di andare in soggiorno.

Entro nella stanza e vedo tutti quanti che mi guardano curiosi, impauriti e ansiosi. Il mio sguardo va subito su Cameron che mi guarda con un sopracciglio alzato e una strana espressione, credo voglia parlare.

"Cris, prima che tu ci dica questa cosa importante, avrei bisogno di parlarti" dice il mio ragazzo,avvicinandosi a me per poi trascinarmi nella mia stanza.
"Cosa c'è?" chiedo nervosa
"Perché mi eviti?" chiede serio
"Non dovresti rispondere ad una domanda con un'altra domanda"
"Non ho voglia di giocare, su parla"
"Io non ti ho evitato" dico stupidamente
"Certo, ed io sono un unicorno" dice ironico
"Okay non posso essere seria se mi parli di unicorni!"dico trattenendo una risata mentre lui mi guarda furioso. Quando si tratta di unicorni io impazzisco

'Placati e fai la seria'

"Cris, parla" dice serio
"Okay, mi hanno contattato per lavorare in una casa discografica e, magari, pubblicare un album tutto mio. Se le cose vanno bene potrei anche fare un tour mondiale" dico tirandomi le dita delle mani nervosamente
"Ma è pazzesco! E' una notizia bellissima!" dice euforico, baciandomi "Ma questo cosa c'entra con il fatto che mi hai evitato tutto il giorno?"chiede confuso.

Proprio nel momento in cui sto per parlare e dirgli tutto, Nash spunta all'improvviso nella mia stanza con un'espressione tristissima.

"Cris, perché non ci hai detto che parti per New York? Perché?" ha un tono così pieno di dolore che vorrei andare da lui e stringerlo forte a me, ma l'unica cosa che riesco a fare è guardare Cameron che stringe forte i pugni e si morde il labbro inferiore dalla rabbia.

"E' questo il motivo per cui mi hai evitato tutto il tempo? Avevi troppa paura di dirmi la verità eh. Beh, sai cosa? Buon viaggio! Spero che New York sia di tuo gradimento!" detto questo, Cam esce dalla stanza sbattendo la porta violentemente, lasciandomi sola in un vortice di paure che pian piano mi trascina verso di se'.

In questo momento mi vengono in mente le parole che mi ha detto Jennifer qualche ora fa:

'Non hai paura di tutto Cris, tu hai semplicemente paura di una sola cosa che però occupa uno spazio molto grande, così tanto da sembrarti infinita'

La mia paura è una vita senza Cameron, e questo incubo sta diventando realtà . Quello spazio così grande lo occupa solo lui, ma adesso che è andato via, è solo un enorme vuoto che giace dentro di me...

BUON NATALE GENTE!
Come vanno le vacanze?
Credo che in questi giorni potrò aggiornare spesso visto che non ho la scuola e quindi, probabilmente, la storia finirà per la fine delle vacanze :)
Volevo avvisarvi che la storia cambierà il titolo in 'Un Disastro Di Emozioni', vi piace? Spero di si!
Ora vi lascio alla vostra vita evado via.....ADDIOOO!


Brittle Souls [IN REVISIONE]Dove le storie prendono vita. Scoprilo ora