23. firewhiskey incendiario

580 71 25

Harry sbuffò quando alle undici passate di Charlie nemmeno l'ombra.

Che diavolo era successo per aver fatto saltare l'appuntamento?

Dovevano festeggiare il compleanno di Charlie e invece il suo allenatore non si era presentato.

Che cavolo aveva avuto da fare?

Scocciato, decise di scendere al piano inferiore per ordinare un Whiskey dato che il cameriere sembrava essersi volatilizzato e qui si fece spazio tra i presenti.

Avrebbe ordinato un Whiskey poi, intorpidito dall'alcool si sarebbe recato nella Dark Room per svuotarsi le palle.

Quando fu vicino al bancone, la sua attenzione venne catturata dalla schiena magra di un uomo.

Il suo sguardo la percorse più volte mentre si avvicinava.

Quando fu a pochi passi notò i jeans neri dell'uomo leggermente abbassati e una pelle bianco latte spuntare dalla maglietta che si era sollevata.

Non sapeva come mai ma aveva voglia di toccare quella pelle.

Sentire se era morbida come se la stava immaginando.

Harry scrollò la testa.

Doveva fare attenzione.

I pericoli potevano essere dietro l'angolo.

La sua attenzione venne catturata dal barista che si portò una mano sul petto e chiese qualcosa ai presenti.

L'uomo che aveva attirato la sua attenzione, e ora che lo guardava da vicino aveva pure un bel culo, sbattè con forza il bicchiere di birra che aveva davanti e Harry riuscì finalmente a raggiungere il bancone ma inciampò contro uno sgabello e senza pensare posò una mano sulla schiena dello sconosciuto che si irrigidí.

"Un Whiskey..." Disse porgendo al barista la sua carta di credito.

L'uomo seduto sullo sgabello si voltò verso di lui e l'aria nei polmoni di Harry svanì e ai ritrovò a boccheggiare.

"E tu che cosa ci fai qui?" Chiese Draco Malfoy.

I due uomini si guardarono a lungo in faccia mentre il barista versava in un bicchiere il Whiskey e accettava la carta di credito.

"Potrei farti la stessa domanda, Malfoy..." Disse Harry abbassando lo sguardo sulle sue labbra.

Da quando Malfoy gli aveva chiesto scusa ed erano uscite le foto su quel giornale scandalistico mentre baciava Charlie.

Da quel momento aveva cominciato a notare e guardare Malfoy, trovandolo affascinante.

Alla fine Charlie se ne stava per andare e Harry si chiedeva come sarebbe stato sbattersi il nuovo compagno di Quidditch.

Draco sbuffò, lasciando la birra sul bancone per poi scendere dallo sgabello.

"Dove vai?" Chiese Harry posando una mano sul braccio di Draco che sentì una vampata di calore.

"Torno a casa..." Borbottò e Harry sollevò uno sopracciglio.

"Tu non vai da nessuna parte..." Disse il capitano dei Fire.
"Senti tu, dammi una burrobirra..."

"No, Potter, davvero... Torno a casa..." Disse debolmente Draco mentre Harry afferrava con la mano libera la birra e si faceva strada tra i corpi sudati delle persone che ballavano sulla pista.

Visto che Potter sembrava sordo, decise di seguirlo fino al piano superiore.

Li la musica era attutita e Draco si risparmiò dal dirgli che ci era già stato con Charlie.

~Drarry~ IL CUORE NEL BOCCINO🌈Leggi questa storia gratuitamente!