curiosità #16

38 6 0

mentre facevo ricerche sulla depressione per scrivere questo romanzo ho scoperto due cose interessanti: 

1- su wikipedia c'è un'intera pagina dedicata agli scrittori suicidi. ce ne sono oltre cento e nell'elenco si trovano i soliti David Foster Wallace, Sylvia Plath, Virginia Woolf, Cesare Pavese...  compaiono anche parecchi scrittori di cui ho letto qualcosa e che però non avevo idea che fossero morti suicidi. Non che saperlo avrebbe cambiato qualcosa.

Per esempio, Romain Gary, autore  di un romanzo che si intitola "La vita davanti a sé" si è sparato in bocca.

Sandror Marai, autore de "Le braci" (romanzo che io ho trovato insopportabile ma che tutti adorano), si è sparato alla tempia.

Franco Lucentini (che in coppia con Carlo Fruttero ha scritto parecchi gialli) si è gettato nella tromba delle scale come fece Primo Levi.

https://it.wikipedia.org/wiki/Categoria:Scrittori_suicidi

2- uno studio evidenzia che l'incidenza dei suicidi tra gli scrittori è del doppio rispetto alla popolazione "normale". come a dire che l'osservazione e l'analisi della realtà e della natura umana cui ti costringe la scrittura non può portare altro che a rendersi conto di quanto tutto sia brutto, stupido, inutile. 

o ci sono altre letture di questo risultato che non colgo?

https://www.theatlantic.com/health/archive/2012/10/study-writers-are-twice-as-likely-to-commit-suicide/263833/

Aria e altri coccodrilliDove le storie prendono vita. Scoprilo ora