12.

1.3K 55 2

Sono passati appena 5 giorni da quella discussione con Maikol e nonostante tutto, evitarlo risulta sempre più difficile. 

Sta impazzendo anche lui senza di me. A chiunque mi conosca chiede di me, come sto, dove sono, che faccio.. Ogni tanto passa davanti al Dream, ma senza mai entrare. Come se non bastasse, mi é arrivata voce che adesso lo hanno soprannominato "lo stronzo innamorato". 

Ma la domanda che mi sorge più spontanea in questi giorni é: perché? 
Ci conosciamo appena e allora per quale fottuta ragione non riusciamo a stare l'uno senza l'altro? Perché i nostri sguardi si cercano inconsapevolmente? Perché gli hanno attribuito quel soprannome? "Lo stronzo innamorato". Scherziamo? Uno come lui innamorato di me? Ma soprattutto, perché io provo le stesse identiche cose in così pochi mesi? 

Mentre faccio questa marea di discorsi con me stessa, sono in casa da sola, Luna é al Dream e io sto mangiando un semplice piatto di pasta. 

Finché non suona il campanello. Temo di sapere chi é. Ho il cuore a mille. 

Decido di sbirciare della finestra prima di rispondere al citofono.

Merda. Proprio come immaginavo: Maikol.

Chiudo velocemente la tenda per paura di essere vista e mi allontano dalla finestra. Suona il campanello un'altra volta. Ho la tentazione di aprirgli, ma voglio resistere. Certo sarebbe tutto più facile se non fosse così attraente!

Non mi avrà mai, é troppo sbagliato.

Passati 10 minuti, mi reco ancora vicino la finestra. È andato via.

Mi siedo sul divano a leggere un libro, finché non vengo distratta dall'arrivo di un sms sul mio cellulare.

"Sono venuto a casa tua ma non c'eri, ti prego richiamami, devo parlarti.. Maikol."

Adesso ha anche il mio numero di telefono! Ma chi cazzo gliel'avrà dato? Luna é esclusa, Karmen non ce l'ha, quindi per esclusione o é stata Mery o Nina. 

Avendo lavorato stamattina, ho la serata libera, ma mi é proprio venuta voglia di andare al Dream. Devo sapere chi é stato così infame da lasciargli il mio numero, non che mi dispiaccia, ma é una questione di principio.

Mi metto il primo paio di All Star che trovo, mi infilo la giacca, afferro la mia solita borsa e percorro più velocemente possibile le scale.

Dopo pochi minuti arrivo davanti al Dream.

-Cami, che ci fai qui? Non hai il turno stasera!- esclama Karmen vedendomi arrivare.

-Lo so, ma devo parlare con Nina e con Mery..- rispondo evitando di entrare nei dettagli.

-Nina é lì, Mery ha la serata libera.- risponde Karmen indicandomi Nina.

Annuisco e mi avvicino a Nina.

-Tesoro! Mi cercavi? Hai bisogno di qual...- 

-Hai dato tu il mio numero a Maikol?- le domando non facendole terminare la frase.

-No Cami assolutamente, non mi sarei mai permessa! Però a essere sincera me lo ha chiesto l'altra sera e io non ho voluto darglielo, non mi fido di quello.-

-Ah.. Scusa Nina.. e che mi ha mandato un messaggio e le prime persone che mi sono venute in mente siete tu e Mery..- rispondo mortificata.

-Oh, Mery l'altra sera ha parlato con Maikol per mezz'oretta dopo che aveva finito il turno. Però non ho sentito di cosa parlavano.-

-Grazie mille Nina!- rispondo uscendo correndo dal Dream. Deve essere stata Mery, sicuramente.

Mi dirigo correndo verso casa di Mery, non é molto distante da quella di Nina e di conseguenza neanche da quella di Maikol.

Arrivo sotto casa sua affannata, spingo il grande portone grigio e noto che é aperto. Entro e inizio a percorrere le scale fino al secondo piano dove abita Mery.

Vorrei bussare alla porta, ma c'é qualcosa che mi trattiene, una brutta sensazione, una specie di sesto senso, ma decido di non badarci.

Mi avvicino alla porta, ma proprio in quel momento esce Mery seguita da.. Maikol!!

Rimango impietrita.

-Cami, mi hai spaventata! Che ci fai qui? Stavi venendo da me?- mi domanda Mery, evidentemente ignara di ciò che é successo tra me e Maikol.

Non riesco a risponderle. Il mio sguardo incontra un attimo quello di Maikol, non si aspettava di vedermi qui, é evidente. 

-Mmm.. Cami, lasci che ti presenti il mio ragazzo..- mi dice Mery indicando Maikol. 

Non credo alle mie orecchie! Maikol tiene lo sguardo fisso su di me, non sa cosa dire e io non so più neanche come sto.

Un velo di lacrime mi appanna la vista, allora mi volto e percorro le scale più velocemente possibile, esco dal portone e corro sempre più rapida verso casa.

Maikol, hai superato ogni limite. Mi fai schifo.

-------------------------------------------------------------------------------------

Rieccomi ragazzi!

Scusatemi davvero tanto se vi ho fatto aspettare per questo capitolo, ma é un periodo davvero difficile per me e faccio fatica a trovare l'ispirazione per scrivere.

Nel frattempo siamo arrivati a 1k di letture! Grazie di cuore, continuate così!

A presto, un bacio!

Amore folleLeggi questa storia gratuitamente!