Capitolo 4

516 13 6
                                                  

PUBBLICHE RELAZIONI!
-Capitolo 4-

L'indomani, all'alba, mentre tutti stavano dormendo, il telefono a casa di Bulma suonò.
La ragazza si alzò abbastanza rintronata e rispose.
Bulma: pronto...
Indovinate chi era? Bravi!!! Era quella svampita di sua madre!!!^_^
Mamma: ciao, tesorooooo!!!
Bulma: ciao mamma, cosa c'è?
Mamma: oh ma che brutta voooce!!! Cosa c'è, stai dormendo?
Bulma: STAVO!
Mamma: comunque siamo arrivati!
Bulma: bene, tra quanto arrivate proprio?
Mamma: ma amoooore, siamo già arrivati!!!
Bulma: cioè, mi hai chiamata è svegliata per dirmi che siete arrivati a casa?!?
Mamma: sì! Scendi ad aprire per favore?
Bulma: pure?!?
Mamma: il fatto è che quando siamo partiti ho dimenticato le chiavi...
Bulma: (allora, ripetiamo insieme: IO SONO CALMA, io sono la tranquillità in persona, sono calma, sono calma...)
Andò a svegliare in malo modo il suo neo-fidanzato, accertandosi di aver sbattuto la porta.
Vegeta: che c'è, è già pronto?
Bulma: no... sono arrivati i miei!!! Lasciamo perdere, và, perché non è giornata! non è proprio giornata...
Vegeta: cosa?!? Già arrivati m?!? Perché non ti hanno avvisata?
Bulma: e che ca##o ne so! Quella c####ona di m###a deve sempre fare tutto di testa sua...grrr! Posso venire nella camera gravitazionale con te, dopo, così mi sfogo?
Vegeta: amore, stai calma...
Bulma scese ad aprire la porta sforzandosi di sorridere.
I suoi genitori la salutarono abbracciandola, poi il padre portò su le valigie.
La madre invece si fermò al pianterreno.
Mamma: Vegeeeeta! Dove sei?
Vegeta era già sceso dalle scale, e quel giorno era più figo del solito!^_^
La madre di Bulma gli corse incontro, lo abbracciò e lo baciò. Vegeta disgustato si levò dalla sua stretta e la salutò.
Vegeta: emh, buongiorno signora Brief...
Mamma: ciao caro! Ma dove stai andando?
Vegeta: (p##la!) ad allenarmi!
Mamma: beh, adesso però dobbiamo uscire a far la spesa! Ci vediamo dopo!
Bulma: e PRENDI LE CHIAVI.
I suoi genitori uscirono. Quando tornarono li trovarono seduti sul divano a guardare la Tv.
Ad un certo punto la signora Brief corse da Vegeta e lo baciò sulla guancia, dopodiché se ne andò in cucina.
Vegeta guardò Bulma e le sussurrò: che rompi##zo!
Bulma: già... stai calmo che adesso risolvo tutto! Vediamo se non lo risolvo!...
La ragazza seguì la madre in cucina e le disse: mamma... ti dovrei parlare...
Mamma: dimmi, tesoro...
Si girò e vide la figlia che con sguardo omicida chiudeva la porta e si girava verso la madre.
Bulma: emh, sia chiara una cosa: VEGETA E' MIO! AVVICINATI DI NUOVO A LUI E VEDI COSA TI SUCCEDE!!!
Pesce e uscì dalla cucina, sua mamma era sconvolta.
Mamma: Bulma, che cosa vuoi dire? Io non capisco...
Bulma tornò poco dopo trascinando anche Vegeta, ignaro dell'accaduto.
Bulma gli disse: dirglielo, dirglielo che non ti deve rompere e sei insieme a me! Diglielo!
Vegeta: cosa? Io non...
Bulma: voi uomini...
Lo baciò, e lui chiaramente glielo restituì. La signora Brief era paralizzata.
Mamma: tesooooro! Lo sapevo che era il giovanotto giusto per te! Comunque, nel caso in cui voi lasciate, io...
Bulma: mamma, io prima non stavo scherzando! E quel che ho detto vale ancora! Ok?
Mamma: si, certo!^_^ Ma tu non dici niente, Vegeta?
Vegeta: e cosa dovrei dire, DONNA! Bulma ha ragione...e, punto primo, non ci lasceremo!
Punto secondo: nel caso in cui questo accadesse tu non sei in lista!
Mamma: c_c ma io non volevo dire nulla! Beh, visto che poi non ti devo guardare, diamoci un ultimo bacino!
Bulma e Vegeta: allora, la questione è questa: O LA PIANTI, O LA PIANTI!
Mamma: vedo che ho molta alternativa... beh, perché non uscite e andare a fare un giretto?
I due presero e uscirono, anche perché non ne potevano più di quella conversazione.
Uscirono, dunque, e decisero di andare a prendere un bel gelato.
Commesso: ciao! Desiderate?
Vegeta: PERCHÉ' MI STAI DANDO DEL TU?
Bulma: Vegeta! Beh... un cono ai gusti... banana e fragole!
Commesso: e tu invece?
Vegeta: grr...caffè...e cioccolato!
Commesso: emh...caffè c'è, ma cioccolato è finito... cosa ti metto?
Vegeta: ripetilo se hai il coraggio!
Commesso: cioccolato è finito...
Vegeta (che si prepara a lanciare il Big Bang Attack): ripetilo!
Commesso: ma cavoli, sei sordo o cosa? Ti ho detto che il cioccolato non c'è!!!!!
A quel punto si verificò un'onda anomala più grande di quella di Sumatra.
Vegeta: e ora vediamo se il cioccolato non c'è! Andiamo, Bulma!
Vicino a loro c'era un branco... di idi##i? No, di vecchiette che stavano commentando dicendo frasi del tipo "eh, i giovani d'oggi..." , ai nostri tempi non era così!" eccetera.
Vegeta le guardò male e sussurrò a Bulma: troppi testimoni!
Bulma: no! Sei matto? Ti prego, non farlo... fallo per me!
A quelle parole il Saiyan si addolcì.
Vegeta: eh, va bene...ma ti avverto: il prossimo che commenta...
Tornarono a casa, dopo che Vegeta ebbe ucciso una sessantina di persone.
Narratore di DragonBall: eh sì, Vegeta e Bulma erano proprio una bella coppia... potrebbe sembrare una giornata monotona, ma nel futuro ci saranno altre giornate da non dimenticare... riusciranno Goku (KaKaroth, ####, NdVegeta), Gohan e Junior a prepararsi per l'arrivo dei Cyborg del dottor Gelo? E Chichi, troverà il burro?
Dragon, Dragon, Dragon, DragonBall...
Dragon, Dragon, Dragon, DragonBall...
Chi sei, Goku non lo sai,
però, presto lo scoprirai...

L'ODISSEA DI VEGETA E BULMA Dove le storie prendono vita. Scoprilo ora