Capitolo 7

1K 43 1

Stamattina per poco non sentivo la sveglia. Mi sono dovuta preparare a gran velocità. Indosso un tailleur e le scarpe con il tacco che mi fanno sembrare alta. Ho sistemato i miei capelli in una treccia. È pratica, quando non hai il tempo di asciugarteli.

La hall dell'ingresso è piena come sempre, così mando un saluto a Alyx che è già immersa nel lavoro. Una volta in ufficio, inizio a tirar fuori le mie cose, quando Alexander mi chiama.

Alexander: "Buongiorno, Rose."

Io: "Buongiorno! Tutto bene?"

Alexander annuisce con uno dei suoi sorrisoni, per poi passarmi un documento.

Alexander: "Potresti portare questo a Jack? Non ho il tempo per farmi da segretario..."

(ah,perchè evidentemente io ce l'ho!)

Tra Alexander e Jack è sempre stata un po' complicata. A Alexander non piace prendere ordini, men che meno da Jack!

Io: "Ehm... sì, ok, se ti è d'aiuto."

So quanto è impegnato. Alexander mi mette la mano su una spalla, strizzandomi l'occhio.

Alexander: "Grazie. Sapevo di poter contare su di te. È all'ultimo piano."

Io: "All'ultimo piano? Quello del signor Carter?"

Alexander: "Sì, esatto. Devi solo salire e lasciarlo a Jack."

Devo ammettere che la curiosità ha la meglio su di me. Non che la ragione sia esaltante, ma avrò finalmente l'opportunità di conoscere il tanto chiacchierato big boss dell'ultimo piano...

Io: "Ok. Vado subito."

Alexander: "Grazie, Rose. Sei la migliore!"

Alexander è davvero gentile, dispensa sempre sorrisi e incoraggiamenti. Alan dice sia un malipolatore, ma credo che il termine sia un po' esagerato. Lo osservo tornare al suo ufficio, per poi fermarsi al cubicolo di un collega a controllare qualcosa sul suo schermo.

Alan salta fuori, trasportando la sua attrezzatura da motociclista. Mi guarda con un sorrisone.

Alan: " Buongiorno, angelo! Dove vai di così fretta?"

Io: "Mi dirigo a incontrare il grande capo in persona, il signor Carter! Si faccia da parte, signore!"

Alan: "Eh?"

Alan mi fissa, come se avessi appena detto qualcosa di incredibile.

Io: "Scemo! Devo portare questi documenti a Jack, all'ultimo piano..."

Alan: "Davvero...? Poi devi raccontarmi tutto! Sono sicuro che lassù il pavimento è in marmo e le porte in oro massiccio!"

Scoppio a ridere di fronte all'espressione trasognante di Alan.

Io: "Già. E si dice che, quando tossisce, gli escano diamanti da dietro..."

Alan: "Argh, questa non la sapevo!"

Sorrido a Alan divertita, per poi allontanarmi verso l'ascensore.

_____

Se vi piace il capitolo mettete una stellina o un commento....

Personal ManagerDove le storie prendono vita. Scoprilo ora