4.

1.6K 77 1

Lo continuo a fissare con aria di sfida e lui fa lo stesso. Se c'è una cosa che ho imparato con il passare degli anni e di non abbassare mai lo sguardo. Vorrei proprio sapere cosa pensa, perché continua a fissarmi?

I miei discorsi mentali vengono immediatamente interrotti da quella voce fastidiosa che sono obbligata a sentire ogni giorno. Karmen.

-Ah eccoti qui!- dice dirigendosi verso questo "Maikol". Rimango scioccata, si conoscono? Ma rimango ancora più sbalordita quando quella gatta morta gli stampa un bacio sulla guancia.

-Ciao.- gli risponde Maikol con la più totale indifferenza espressa in faccia. 

Per un attimo rimango piacevolmente soddisfatta nel vedere la faccia delusa di Karmen e sapere che questo famoso Maikol non é uno sbruffone solo con me, ma é proprio stronzo di suo.

Di scatto Karmen si gira verso di me. Cazzo, mi ha visto che li stavo fissando.

-Cami, non ti pago per guardare i bei ragazzi, vai subito a lavorare altrimenti questo mese non vedrai neanche un centesimo!- mi dice con disprezzo attirando l'attenzione di tutti i clienti presenti nel Dream.

Io senza neanche rispondere vado dritta dietro al bancone, mi metto il mio grembiule e mi dirigo verso tre ragazzi vicino al bancone.

-Prego, ditemi pure.- dico con un sorriso. 

Cavolo sono tutti e tre veramente carini, ma quello a destra é il più affascinante.

-Tre birre, per favore- dice quello di mezzo.

Mi dirigo a prendere le birre quando ad un certo punto vengo interrotta da una voce.

-Cami!- sento dire da una voce maschile non molto distante da me.

Mi volto e mi accorgo che é Maikol, sempre seduto al suo tavolo. Mi ha chiamata per nome? 

-Voglio che mi serva la ragazza stasera- dice rivolgendosi a Karmen.

Cosa? Io devo servire quello stronzo? Non se ne parla nemmeno.

-Ma posso benissimo farlo io Maikol, la ragazzina é un'incompetente!- risponde Karmen evidentemente infastidita dalla richiesta.

-Forse non hai capito, ho detto che stasera voglio mi serva la ragazza, non é una domanda. Capito adesso?- dice Maikol guardando Karmen con aria minacciosa.

-Ho capito..- dice rivolgendosi a Maikol -Cami stasera tu servi questo tavolo, chiaro?- continua rivolgendosi a me.

-Va bene Karmen..- rispondo.

Cazzo, ci mancava solo questa! Farà di tutto per mettermi in imbarazzo! Resisti Cami, puoi farcela su.

Karmen si dirige a prendere le birre al posto mio e le porta ai tre ragazzi di prima, mentre io mi dirigo verso la fossa dei leoni, il tavolo di Maikol.

-Allora l'ho azzeccato il tuo nome, eh Cami?-  mi dice Maikol per poi scoppiare in una fragorosa risata.

-Sì, proprio come io ho azzeccato il tuo, vero Maikol?- chiedo a mia volta, incrociando le braccia e assumendo un'aria di sfida.

Per qualche secondo mi guarda stupito, non si aspettava una simile risposta. A mia volta lo squadro da testa a piedi e solo adesso mi rendo conto di quanto sia bello. Occhi scuri come la notte, capelli neri corti ai lati e poco più lunghi sopra, pettinati perfettamente in su. Indossa la stessa camicia bianca di questa mattina che sembra stia per strapparsi da un momento all'altro per quanto é robusto, un po' sbottonata, con una cravatta nera leggermente allentata, sotto pantaloni abbastanza eleganti, neri come la cravatta, in una di quelle sue enormi mani tiene un calice con dentro del vino e nell'altra il sigaro che sta fumando.

-Ah hai già indagato su di me, dolcezza?- risponde.

-Ti piacerebbe tesoro, ma peccato che so il tuo nome solo perché sono obbligata a sentirlo da questa mattina.. Ah, e non chiamarmi mai più dolcezza.- dico quasi con presunzione.

-Questa é la prossima preda Maikol!- dice ridendo un uomo seduto di fianco a lui. Di conseguenza tutti quelli seduti al tavolo iniziano a ridere. 

Io la prossima preda di quel maleducato? Istintivamente prendo uno dei bicchieri pieni di vino appoggiati sul tavolo e lo rovescio in faccia a quel uomo che ha sparato l'ultima stronzata. Di colpo tutti smettono di ridere, tranne Maikol, che ride ancora di più.

-Guarda un po', ce n'é anche per te.- dico versando un altro bicchiere di vino, questa volta sulla camicia bianca di Maikol.

Improvvisamente il suo sguardo ritorna gelido.

-Te ne pentirai, stanne certa.- dice Maikol alzandosi di scatto e guardandomi dritto negli occhi.

-Buona serata.- dico sorridendogli ironicamente.

Così mi reco dietro il bancone, tolto il grembiule ed esco dal Dream, anche se il mio turno non é finito. 

Karmen mi licenzierà, ma non mi importa, il rispetto viene prima di tutto.

-----------------------------------------------------------------------------------------------

Secondo voi cosa succederà?

Maikol la farà pagare a Cami?

E Karmen la licenzierà?

Comunque so che é presto per chiedervelo ma voglio una vostra opinione, come vi sembra la storia fino ad ora?

Ciao a tuttii.


Amore folleLeggi questa storia gratuitamente!