La verità è un'impresa

934 59 12

Voi nun avete idea delle cose fighe che sto a fa 'sta settimana! In pratica mercoledì Briga m'è venuto a prende a scuola ed abbiamo trascorso insieme il pomeriggio più strabiliante della mia vita! Strabiliante tralasciando il centro commerciale, si perché co' 'sta cosa che Briga me accontenta sempre, io un po' me ne approfitto...eh vabbè voi avreste fatto lo stesso...a me fa piacere trascorrere del tempo con lui fuori dall'ambito lavorativo, quindi che male c'è se invece di andare alla rosticceria sotto casa sua siamo andati al Kfc che è un po' più lontanuccio?! Certo, non avevo messo in conto il fatto che lui è una persona nota, che nonostante abbia passato i trenta da un po' è comunque un uomo affascinante e le donne, ragazzine e non, je sbavano dietro...già fa uno sforzo a venire a prendermi a scuola, perché io lo so che, nonostante lo faccia con piacere, gli costa farsi vedere lì perché lo guardano tutte e bisbigliano e si avvicinano con le scuse più assurde. Pensate che quando l'ho visto guardare stranito una ragazza di scuola mia mercoledì e je ho chiesto il perché, m'ha detto che s'era fatta fare l'autografo sul braccio perché non aveva carta! Una che stava a uscì da scola! Ve rendete conto? Vabbè ma ve stavo a dì del centro commerciale...in pratica con mamma non ci vado mai da quando siamo qui, a Londra ce n'era uno ad ogni angolo quindi potevo frequentare quel locale quando volevo, invece qui è abbastanza distante da casa...c'ero andato solo l'altra volta, sempre con Briga, ve ricordate? Eh, in pratica, visto che avremmo pranzato insieme glielo avevo riproposto e lui, come sempre, nun m'ha detto de no, che ve pare! Solo che una volta arrivati lì m'erano girate ad elica...insomma 'sto fatto che queste je devono ronzà attorno nun me va giù...nun me chiedete il perché...solo con mamma mi succede di essere così geloso...di attivare il radar come dice lei, e non so perché mi capiti con lui...però me dà fastidio...stavamo là a mangià insieme, io già m'ero immaginato un pranzo tranquillo, io e lui, a parlare di sport, di scuola, di musica...invece ce stanno queste che je se accollano e si impicciano...quindi il pranzo al fast-food è diventato un pranzo da asporto da consumare tranquilli a casa sua. Fuori c'erano altre due ragazze che je hanno chiesto se fossi io...si, perché l'ho lasciato in mezzo al parcheggio con le due e mi sono avviato in macchina sua...ce stavo a parlà io, hanno visto che stavamo andando via col pranzo...io nun me sognerei mai di interrompere il mio idolo e di essere invadente in quel modo...queste invece nun se ne fregano de niente e de nessuno e a me stanno sul culo in modo esponenziale! Però a parte il pranzo è stato un pomeriggio strafigo! È iniziato tutto con lui imbambolato davanti allo schermo, pensavo fosse successo qualcosa di grave e invece tadannn! È arrivata la certificazione, il mio singolo è oro! Capite? Il singolo mio! Disco d'oro! Nun ve potete immaginà come so' stato felice! So' praticamente saltato addosso a Briga...si...cioè...ehm...ogni tanto me capitano 'sti slanci con lui, ultimamente sempre più spesso...non so perché...e lui era tanto tanto felice per me! Ma non era l'unica novità...in pratica due riviste mensili de musica, di quelle importanti, volevano un'intervista da me! Da me capite? E hanno pure insistito! Poi ce sta pure 'na radio che me vole intervistà! Tutto grazie alla partecipazione ai Rap's Hoop! Tutto grazie a Briga! Ahhhh e nun v'ho detto il mejo! Ve ricordate il singolo per la major? Quelle barre da inserì nel duetto? Indovinate un po' chi hanno scelto? Signore e signori avete qui davanti a voi il vincitore! Eh lo so, lo so che ve l'aspettavate...d'altronde chi poteva vincere oltre me? Pensare che per uno stupido incidente, frutto di un capriccio...di una giornata no, avrei potuto perdere tutte queste opportunità...fortuna che Briga tiene a me a tal punto da bloccare tutto e far sì che tutte queste occasioni non andassero perse. Insomma, non prendiamoci in giro, io le cose le vedo! Lo vedo che io per lui non sono come gli altri qui...lo vedo che ha un occhio di riguardo per me, che mi permette cose che magari ad altri non avrebbe permesso allo stesso modo...che è felice per me, dei miei successi, dei miei traguardi, non come un capo lo sarebbe del suo artista...ma come un amico, come uno zio, come un padre...già, chissà se quei due non si fossero mai lasciati come sarebbe stata la mia vita. Chissà Briga che padre sarebbe stato...vabbè ma ora è inutile rimuginarci, non è andata così purtroppo...e mio padre è nel mondo, da qualche parte, con chissà chi...chissà se ha avuto altri figli, se ha una famiglia...alle volte me lo chiedo...com'è la sua vita, che lavoro fa, dove abita...Comunque, ehm, ve stavo a dì de mercoledì...in tutta questa panoramica de notizie fighe ve pare che nun ce stava l'intoppo? Ma ovvio che si! Samantha è riuscita ad arrivare all'accordo che le interviste le avremmo fatte via mail, loro hanno inviato le domande e noi avremmo dovuto rispondere...solo che ovviamente necessitano di tre foto ciascuna...foto che io non ho! Che ve pare che quella matta de mi' madre me ha mai fatto fa un book professionale in vita mia? Sia mai! Avrebbe significato intraprendere in modo definitivo una via da cui ha cercato, finchè ha potuto, di tenermi distante...ha sempre appoggiato ogni mia scelta, mi ha sempre seguito pur non facendo un lavoro "normale", mi ha sostenuto...felice che volessi seguire le sue orme, ma col timore che una critica feroce, che l'alone di una raccomandazione, la delusione di un insuccesso avrebbero potuto ferirmi...quindi, finchè ne ha avuto la possibilità, ha sempre cercato di tenermi in una sorta di ambiente protetto da tutto ciò che avrebbe potuto farmi star male...un book per un eventuale singolo, un'intervista o simili non era certo tra le sue priorità. E quindi, io e Briga, ci siamo ritrovati col dover chiamare l'ultima persona al mondo che avremmo pensato di contattare! Eh già proprio lui! Il fotografo dei miei stivali! Lo stesso che ha fatto le foto a mi' madre, lo stesso che Briga volevà menà la sera del video del backstage, lo stesso che ha influito sulla loro separazione anni fa! E tornamo sempre là, oggi nun ne esco! Mi ha fatto specie che Briga abbia messo da parte tutte le rancorosità nei confronti di quel Carlo là, e lo abbia chiamato senza pensarci due volte, solo perché serviva a me...non credo lo avrebbe fatto con chiunque...anzi, ad essere sincero, penso che non l'avrebbe fatto per nessun altro e questa cosa mi crea una sensazione strana dentro...un senso di legame stretto...nun ve lo so so spiegà, ma ve posso dì in tutta sincerità che nun m'era mai successo prima ed un po' mi spaventa.
Ah! Che poi nun v'ho detto l'altra novità! Mo c'avemo pure gli stagisti...non che ne avessimo bisogno, ma ogni tanto 'na cazzata Briga la deve fa...quindi mo ce stanno questi sconosciuti che girano per la Label, in realtà non so quanti siano, credo due...io per ora ne ho incontrata solo una, e me basta...
-----Avevamo appena sentito Carlo che si era accordato con Briga per fare lo shooting l'indomani...il mio primo shooting era solo l'ultima delle novità, il mio capo stava prendendo dell'acqua, non doveva essere stato semplice per lui fare quella telefonata, lo capivo e gli ero infinitamente grato per essersi sacrificato per me...gli avevo detto che andavo in bagno e così avevo fatto. Mentre tornavo nel suo ufficio, avevo inviato un messaggio ad Elisa
"Ce stanno un sacco de novità bellissime alla Label...shooting, interviste e...rullo di tamburi...il singolo mio è stato certificato oro! So' troppo felice!"
con lo sguardo fisso sullo schermo del cellulare in attesa della sua risposta non avevo visto la persona davanti a me e l'avevo sfiorata distrattamente...
<<Guarda dove vai!>> aveva detto, sprezzante... "però, figa la tipa qui" avevo pensato...in realtà era figa, si...ma non era degna di nota!
Nun state a capì, vè? Oddio mo ve la spiego meglio...se avessi visto 'na foto sua su Instagram un like ce sarebbe scappato e pure un "ah però"...che vuol dire che sono impegnato, l'occhi ce li ho pure io...comunque dicevo che vista così merita, ma poi ci siamo scambiati giusto tre parole ed ho capito che nun sta bene la ragazza...me ha dato del segretario! A me!
<<Sai dov'è il capo qui?>> mi aveva chiesto
<<In questo momento è impegnato...>> avevo risposto con nonchalance...con me, per cose importantissime avrei voluto aggiungere, ma non ritenevo opportuno che la tizia sconosciuta sapesse i dettagli
<<E tu chi sei? Il segretario?>> aveva insinuato col tono di una che aveva appena visto uno scarafaggio...Ah tizia...io so' quello che sta pappa e ciccia col capo qua... 'a segretaria 'a farai te! L'avevo guardata in modo eloquente ed ero andato via senza degnarla di una risposta-----
Ve pare normale che qui tutti se prendono 'ste confidenze...io non lo so...Che ve potrei raccontà più? Del talk a cui ha partecipato mamma? Bona quell'altra! È stato peggio di un parto...lo stavamo a vedè co' Briga...nun potete capì quanto m'ha fatto sclerà quella donna! Prima m'ha indorato la pillola parlando di me come il figlio che tutte vorrebbero, quello bello, bravo, capace, intraprendente, cuore suo e blablabla...poi hanno mostrato 'na foto de lei in intimo...ve rendete conto! Lei in intimo in diretta tv! Roba da matti! Poi ha pure detto che è innamorata, cioè non è che l'ha detto...ma neanche ha smentito! Ergo, è innamorata! Per concludere non mi rispondeva a telefono! Eh ma se ne deve esse accorta che aveva esagerato...infatti s'è presentata a casa de Briga con abbondanti porzioni di sushi...la ruffiana! E abbiamo anche dormito da lui...che figata! Adoro casa di Briga...me ce trovo bene, come se fosse casa mia...credo sia piaciuta anche a mamma, fortuna che zia Franci le ha dato l'indirizzo e lei ha avuto l'idea di raggiungerci! La mattina dopo Briga m'ha svegliato per accompagnarmi a scuola, dopo essere passati da casa...mi piace questa cosa che stiamo tutti insieme, ma d'altra parte so che finirà appena questa specie de convalescenza sarà finita del tutto...per ora ho deciso di non farmi domande, ma di godermela finchè dura...e poi mamma mi ha già rassicurato sul fatto che Briga quando prende a cuore una persona non esce dalla sua vita di punto in bianco, quindi figuramose se me po' mollà a me!
Lo shooting è stato qualcosa di fighissimo...certo magari un altro fotografo al posto de quello che ha fatto del male alle persone più importanti per me sarebbe stato meglio, però escludendo i miei pregiudizi devo dire che è davvero bravo nel suo lavoro. Me ne ero reso conto già dalle foto di mamma...si, cioè se non pensavo che quella lì, con quel vestito che nun se sarebbe dovuta mette manco pe' annà a dormì dal mio punto di vista, non era mia madre, ma una donna...beh c'è da dire che le foto erano davvero fighe! Solo zia Luisa riesce a cogliere quelle sfumature di mamma, ed il fatto che ci sia riuscito anche lui vuol dire che è davvero bravo! Se invece penso che è mi' madre me immagino Carlo subire le peggiori torture per mano mia! Però con me è stato davvero gentile e premuroso...chissà se lui e Briga recupereranno mai il loro rapporto...oddio, già il fatto che semo passati da lui che lo voleva menà a lui che ce parla civilmente me sembra un gran passo avanti, un grandissimo passo avanti!
Tra le novità c'è anche il fatto che io ed Elisa abbiamo vinto il primo premio per il progetto di arte! Ve l'ho detto che è stata una settimana figa! Ovvio che non poteva essere diversamente! Abbiamo saltato l'ora di arte e quella successiva di matematica perché avevano allestito tutta una serie di banchi in aula magna, ognuno di noi era dietro il banco con il proprio progetto e i professori dell'istituto sorteggiati per formare la giuria si erano avvicinati facendosi spiegare in breve l'idea del progetto...e chi poteva vince secondo voi se non io ed Elisina?! Avevamo fatto, non che ci sia bisogno di dirlo, il progetto migliore...e pensare che quando l'ho comunicato a quei due a pranzo manco se so' congratulati...se so' solamente accertati che quel coso puzzolente si trovasse a casa di Elisa...per ora è a scuola in attesa di destinazione...io direi, che in quanto progetto vincitore, glielo potemo lassà a loro...a noi invece oltre ai crediti volevano darci i biglietti di un concerto che si terrà prossimamente a Roma...
----- <<Figo no, come premio?>> aveva chiesto retorica la mia fidanzata
<<Mmm...no!>>
<<Ma come no? Non vuoi che andiamo insieme ad un concerto?>> aveva domandato mogia
<<No...per il progetto di arte non sarebbe meglio la visita ad un museo come premio?>> si, si lo so che state a pensà...che palle! Eh ma voi non capite, peggio de quest'altra!
<<Un museo? Meglio del concerto?>> stranita era dire poco
<<Non vedrai concerti al di fuori dei miei!>> avevo dichiarato dandomi arie da padrone del mondo
<<Senti nuova divinità de noartri...! Io posso andare a tutti i concerti che voglio...>> l'importante è crederci tesoro <<ma per non intaccare il tuo ego...potrei arrivare al compromesso del museo...>> aveva replicato con fare snob
<<Oh ma io ho ottimi mezzi per convincerti...>> avevo insinuato prima di coinvolgerla in un bacio mozzafiato... -----
Briga poi ieri mattina mi ha inviato delle foto su WhatsApp
<<Che figheeee!>> aveva esclamato Elisa sporgendosi verso il mio cellulare quando aveva visto che fissavo lo schermo con troppo interesse...in effetti erano venute davvero bene, ma possibile che fossero così poche? Carlo aveva scattato in continuazione! Avevo chiesto spiegazioni al grande capo che mi aveva risposto che erano quelle selezionate da mandare alle riviste, le altre le avrei viste in seguito...voleva che le scegliessimo insieme
"Ma io mi fido di quello che scegli tu per me" gli avevo inviato senza pensarci due volte, mi fido ciecamente di lui e delle scelte che fa per me...insomma finora nessuno avrebbe fatto per me ciò che ha fatto lui, lavorativamente parlando e non...
Ed ora sono qui, di sabato, nell'ora di educazione fisica, a guardare gli altri che giocano a calcetto da un lato...le ragazze a pallavolo dall'altro...ed io seduto sul gradino che non posso fare niente co' 'sto cazzo de tutore! Mannaggia a me e quanno me vengono idee strampalate! Briga nun se fa vedè, né sentì da du' giorni...vabbè uno e mezzo...ok, ok una giornata abbondante...però me fa strano quando sparisce così, penso sempre di aver fatto o detto involontariamente qualcosa che non dovevo...
Fortunatamente la giornata finisce presto, il sabato abbiamo un'ora in meno e materie abbastanza leggere...ed io andrò a pranzo da Elisina che, per l'occasione, ha fatto venire sua madre a prenderci per evitare di farmi fare il tragitto col suo motorino. In realtà sa benissimo che non accetterei mai il fatto che lei sia alla guida ed io dietro, quindi per evitare discussioni ha chiesto a sua madre di venire. Brava tesò, ogni tanto ragioni! Sono anche preoccupato per mamma...stamattina mi ha detto che ha dei problemi a lavoro, non è mai capitato...no, non che non ha mai avuto problemi lavorativi, quelli credo capitino a chiunque...tranne a me, perché a me ce pensa Briga ovviamente...ma il fatto che me l'abbia detto è strano, dev'essere più grave delle altre volte. Le ho proposto di provare con lei...ed anche di chiedere a Mattia...cioè a Briga, me fa ancora strano che se chiami come me...ma quella è cocciuta e non vuole l'aiuto di nessuno! E pensare che col singolo che ha presentato in attesa dell'album avevamo fatto una cosa fighissima...vabbè...
<<Stasera usciamo?>> chiedo ad Elisa seduta sulle mie gambe sulla sedia alla scrivania...porta il braccio dietro il mio collo accarezzandomi i capelli sulla nuca...abbiamo pranzato da poco e sua madre non ci interromperà prima di mezz'ora...il tempo di finire di sistemare in cucina...mi sono anche offerto di aiutare la signora che mi ha ringraziato con un "Quanto sei caro!" e una carezza sulla guancia, mentre la tipa qui scuoteva la testa esclamando un "ruffiano!" tra i denti...
<<Si...per questo ti ho fatto venire qui...se fossi venuta io da te non credo che mi avrebbero permesso di uscire anche stasera...>> dice leggermente nervosa per queste proibizioni dei suoi...in realtà mia madre non è che sia una pasta di miele...però non penso mi faccia problemi per l'uscita di stasera, insomma è sabato! <<Vogliamo ripetere quegli elementi di chimica che ha spiegato la prof? Daje che poi martedì ce la vediamo brutta al compito...>> continua, alzandosi dalle mie gambe e andando verso il suo zaino...ma nun se fa così, ce stavamo a coccolà e questa pensa a chimica! Mah...non comprende la fortuna di avere come fidanzato un ragazzetto affascinante e prestante come il sottoscritto!
Due ore dopo credo che abbiamo ripetuto tutto il programma, pure quello dell'anno scorso, ed io che avevo un sacco di idee carucce su come trascorrere il pomeriggio!
<<Dici che basta così?>> chiede quando vede che ho chiuso il mio libro
<<Dico che una secchiona come te non aveva bisogno di ripetere...>> la prendo in giro beccandomi un cretino...la tiro verso di me e le lascio un bacio sulle labbra...bacio che vorrei approfondire ma lei si stacca rimettendosi composta sulla sedia
<<C'è mia madre di là...potrebbe entrare da un momento all'altro...>> sbuffo...lo so che ha ragione, ma insomma qua non se combina nulla da giorni e giorni...e giorni... <<Dai ripetiamo l'ultima volta...>> propone...ma che palle...
<<Ragazzi c'è un problema!>> esclama la madre di Elisa entrando all'improvviso...che è successo mo? <<Avevo appuntamento dal parrucchiere alle diciotto, quando dovevamo accompagnare Bes...>> spiega rivolta alla figlia che annuisce <<invece ha chiamato chiedendomi se posso andare prima visto che gli sono saltati due appuntamenti e stasera ha un evento...non ho capito bene...>>
<<E quindi?>> domanda Elisa
<<E quindi dovrei andare ora...>> ma certo, vada! Si figuri!
<<Ma noi stiamo ancora ripetendo per il compito!>> si lamenta la mia fidanzata
<<Vabbè....potrei andare ora e quando torno accompagniamo Bes? Mm? Che dite?>> propone lei non proprio entusiasta all'idea di lasciarci soli
<<Si, così noi finiamo nel frattempo...>> contaci proprio!
<<D'accordo!>> sospira <<Mi raccomando eh!>> ci intima
<<Vai! Tranquilla!>>
<<A dopo signora!>> sorrido mentre lei appanna la porta <<Allora, il compito è sugli ultimi quattro capitoli...dobbiamo concentrarci su quelli...>> dico riaprendo il libro...non passano due minuti che sua madre torna da noi avvertendoci che sta uscendo e raccomandandoci di studiare...il tempo di tornare con la testa sul libro e la porta d'ingresso si chiude
<<Si, allora...il primo è su acidi, basi e sali...>>
<<Ecco...e magari lo vediamo dopo...>> insinuo malizioso alzandomi e tirando su anche lei per il braccio
<<Ma...>> tenta di dire
<<Shhhh...>> sussurro prima di catturare le sue labbra con le mie e trascinarla sul letto dove ripeteremo il nostro argomento preferito...
Sono appena rientrato, la madre di Elisa ha fatto un po' tardi ed è riuscita ad accompagnarmi solo ora...beh meglio così, io e la bionda avevamo un sacco di argomenti da ripetere...ma che sta a combinà quest'altra? Si, quest'altra bionda mezza svitata...oh da quanno se semo liberati del beccafico questa ha accorciato notevolmente i centimetri dei vestiti, sia alla base che sulla scollatura...ma il tipo non è geloso?
<<Come è andata a lavoro mà? Ma 'sta gonna rimane così?>> le chiedo mentre lei è intenta a cercare qualche cianfrusaglia nel portagioie
<<Bes...sto andando a cena a casa di zia Francy...ci sono alcuni amici suoi...oggi non è andata benissimo a lavoro non ho proprio voglia di sentire storie sulla gonna...ok?>> forse è meglio non persistere...anche perché io dovrei uscì e questa sarebbe capace de metterme in punizione...alla mia età!
<<Ok...senti ma quindi posso farmi venire a prendere qui da Giorgio?>>
<<Ok...mi raccomando quando esci chiudi tutto...e chiamami per qualsiasi cosa>> dice mandandomi un bacio ed aggiustandosi la camicetta...più che altro ce dovresti cucì 'n altro paio de bottoni...niente, è andata di nuovo in camera...ma che c'avrà mai...è da ieri che sta nervosa, sulle spine...certo che 'sto tipo sarà complessato...questa schizza per qualsiasi cosa...meglio non indagare ora...me devo fa 'na doccia e cambiarmi...e poi si esceeee! No...niente...c'è qualcuno che suona alla porta, e quella mica va ad aprire...noooo, tutto io devo fare qui! Chi sarà a quest'ora di sabato?
<<Briii!>> dico sorridendo...che bello che sia passato di qui... <<Mà vedi chi c'è>> continuo vedendola arrivare
<<Oh ciao Mattia...>>
<<Brown...>> risponde lui...sembra scazzato...che sarà successo?
<<Bri...sai che mamma...deve fa la base di una canz...>> cerco di dirgli per instaurare una sorta di dialogo...
<<Scusatemi ma sono in ritardassimo...ci sentiamo Matti>> e vola letteralmente in macchina...ma che le prende? Mah, vabbè...meno male che c'è almeno Briga qua...vorrei chiedergli se ieri è andato alla major...oh ma certo che ci è andato...vorrei sapere come è andata, se ci sono probl...
<<Ma dove credi d'annà?>>
<<A cena da Francesca...dove dovresti andare anche tu...>>
<<Emma esci dalla macchina...oh esci...nun me fa 'ncazzà>> sta urlando, ma quella parte...ma che...?
<<Bes...vado da zia, qualunque cosa chiama!>> urla anche lui prima di salire in macchina e sfrecciare via...ma qua so' tutti matti! Ma che c'hanno 'sti due? Io li farei vedè da uno bravo e manco so' sicuro che risolveremmo qualche cosa!
Ho mandato un messaggio a Giorgio dicendogli che lo aspettavo a casa mia e poi mi sono fiondato in doccia...avevo anche pensato di mandare un messaggio ad Elisa e passare qui la prima parte della serata, ma visto che siamo stati insieme nel pomeriggio non mi è sembrato il caso...sto facendo gli ultimi quattro-cinque spruzzi di profumo quando suona il campanello...è arrivato Giorgio!
<<Fratè so' pronto...du' minuti!>> gli dico mentre lo faccio accomodare
<<Peggio de 'na donna oh!>> se lamenta
<<Necessito di tempo per esaltare il mio fascino!>> replico snob mentre torno in camera a prendere il giubbotto, portafoglio, cellulare...ok, scendiamo!
Dopo essermi assicurato due volte di aver chiuso per bene tutto ci incamminiamo verso il pub dove abbiamo appuntamento, il braccio mi dà un leggero fastidio ma cerco di non pensarci...siamo arrivati da neanche dieci minuti ma io già me sto a stranì perché Elisa ancora non è arrivata, così le invio un messaggio per chiederle dove sia finita
"Sono dovuta andare da nonna con mamma...sto arrivando <3 " col cuore alla fine, paracula che non è altro!
Decidiamo di entrare perché si è appena liberato un tavolo, lascio vuoto il posto accanto a me per l'arrivo di quella disgraziata...in realtà manca anche Fede, dice che arriva con una persona...nun credo sia la tipa sua, ce ne avrebbe parlato...mah...qua nessuno è normale! Abbiamo appena chiesto alla cameriera di attendere altri dieci minuti per l'ordinazione quando vediamo entrare Federico con una ragazza, carina devo dire, non una dea ma se potrebbe fa...se non fossi fidanzato, ovvio!
<<Bella regà!>>
<<Ciao Fede>> salutiamo
<<Buonasera...>> esordisce timida la ragazza
<<Lei è mia cugina, Nausicaa, si è trasferita a Roma da poco...così l'ho portata con me...>> ci spiega
<<Hai fatto bene!>> esordisce Giorgio <<Piacere Giorgio...>> continua il mio amico
<<Io sono Besta...Bes...>> mi presento
<<Nausicaa piacere...ma puoi chiamarmi Nau...>> sorride, eh bella tranquillizzate perché qua finisce male se arriva Elisina mia! <<Mi metto qui?>> sta per dire indicando il posto accanto a me...veramente...
<<Veramente quello è il mio!>> esordisce la voce del mio angelo alle mie spalle <<Ciao amore>> mi saluta, prendendomi il viso con la mano e lasciandomi un bacio sulle labbra <<Ciao a tutti...tu sei?>> dice rivolgendosi alla nuova arrivata, tesoro un attimino meno stronza e potresti pure risultà cordiale!
<<Nausicaa piacere!>> le sorride lei
<<Io sono Elisa, la fidanzata di Bes!>> sottolinea...brava tesò, falle capì chi comanda!
<<Bes! Ecco dove ti avevo visto! Al concerto a Torino!>>
<<Eri al concerto?>> chiedo stranito...nun me sembra del nord dall'accento, credo che prima abitasse comunque nei dintorni
<<No! Ma ho seguito tutto il live su internet!>>
<<Eh ma dal vivo è più bravo...>> si intromette la mia ragazza addentando una patatina...potresti quasi sembrà gelosa...ma quasi eh! <<Assaggia amore!>> continua poi, rivolgendosi a me e passandomi una patatina, imboccandomi...tesò io nun te lo vorrei dì ma so' uguali alle mie eh! È capace pure che l'hanno fritte 'nsieme! Le sorrido lasciandole un bacio stampo per tranquillizzarla e lei sorride di rimando...
<<Siete proprio carini!>> esclama Nau...che dolce però 'sta ragazza
<<Grazie!>> solo a me sembrava acida? No, vè?
Nausicaa doveva andare in bagno, Marika si è offerta di accompagnarla, Fede e Giorgio stanno a parlà de un'app di calcio che io ovviamente già ho...ed io mi sono abbracciato Elisa che si è appoggiata al mio petto
<<Nun me piace come te guarda quella...>> sussurra mogia
<<Perché come me guarda?>> chiedo con lo stesso tono di voce e sorridendo della sua gelosia infondata...non risponde, quindi le alzo il viso verso il mio scuotendo la testa per invogliarla a rispondermi
<<Come una che se vorrebbe fa un giro de lenzuola co' te!>>
<<Addirittura?>> rido mentre lei mi lascia uno schiaffo sul petto <<Ahia!>>
<<Te ce sta bene! Quella te salterebbe addosso...e se vede!>> sottolinea
<<Ma no amò...e poi io ho te che me ne faccio delle altre?>> sorrido baciandola...
<<E così studiavi al conservatorio?>> sta chiedendo Giorgio...me pare troppo interessato il mio amico
<<Si...ora qui non so se continuerò...>> risponde la nuova arrivata <<vorrei almeno continuare con le lezioni di canto...>>
<<Canti?>> domando, beccandomi un'occhiataccia di Elisa
<<Si! È la mia passione!>> e si vede...le si sono illuminati gli occhi...
<<Anch'io...>> confermo retorico
<<Lo so!>> ride lei <<Sei bravo!>> aridaje...questo lo avevi già detto
<<Amore mi accompagni fuori?>>
<<Fuori? E che devi fa?>>
<<Bes!>>
<<Andiamo...andiamo...scusate!>> dico alzandomi <<Torniamo subito!>> continuo mentre mi infilo il giubbotto.
Siamo appoggiati al muro accanto all'entrata del pub ed Elisa mi sta abbracciando da quando siamo usciti
<<Se può sapè che te prende?>>
<<Volevo stare un po' con te senza quella tra i piedi...>> afferma lagnosa, scuoto la testa
<<Ma te pare che te fai rovinà la serata da lei?>>
<<Me pare si! Ma la vedi come te guarda?>>
<<Eh ho capito! E che vogliamo fa? Cavarle gli occhi?>> sorrido
<<Dici che se può fa?>> esulta lei...rido scuotendo la testa <<Uff!>> sbuffa ma non riesce a trattenere un sorriso...ad un tratto si fa seria <<Tu non sei geloso come me...a situazione inversa tu te la saresti presa con me...>> si, probabilmente si
<<Può essere...>>
<<Non è giusto...>> si lamenta, mentre io mi stupisco di quanto ormai abbia imparato a conoscermi
<<No, non lo è!>> confermo...restiamo ancora un po' abbracciati, se questo la fa stare meglio chissene degli altri dentro. Una coppietta è appena uscita dal locale e ha la macchina parcheggiata proprio di fronte a noi
<<Dai sali in macchina...>> sta dicendo lui
<<Ma nun ce penso proprio!>> replica lei <<Piuttosto chiamo un taxi!>>
<<Ma dove credi d'annà? Che stai a fa?>>
<<Sto a cercà il numero del taxi...tu puoi andare...>>
<<Ohi...nun me fa 'ncazzà>> sta alzando la voce lui <<posa 'sto telefono!>> tenta di toglierglielo dalle mani
<<Ma nun ce penso proprio...vai a vedere se la cameriera vuole ancora il tuo aiuto!>>
<<Ma ti ho spiegato che l'ho solo aiutata a raccogliere i menù che le erano caduti!>>
<<Certo e le stavi controllando se le tette fossero al loro posto, beh pe' te è tutto normale!>>
I due continuano il loro battibecco ma io non li ascolto più...al loro posto vedo altre due persone, a me molto più care...li vedo litigare nello stesso modo, per gli stessi futili motivi...nella mente un pensiero che non sono disposto ad accettare...i due si stanno baciando appoggiati alla macchina, devono aver risolto...ed io al loro posto continuo a vedere uno a cui esce un tatuaggio dal collo del giubbotto ed una cascata di boccoli biondi...scuoto la testa come a voler allontanare quell'immagine...la ragazza abbracciata a me mi chiede cosa c'è che non va...ha notato il mio cambiamento repentino, come avrebbe potuto non farlo...la guardo sorridermi, finalmente più tranquilla rispetto a prima e non me la sento di appesantirla con le mie teorie...magari un'altra volta...
I genitori di Elisa sono venuti a riprenderla, erano a cena da una zia e appena hanno finito hanno chiamato la figlia per riportarla a casa, ed io sono in giro con Giorgio e Fede...le ragazze le abbiamo riaccompagnate a casa...ed io e i miei due amici ci stiamo concedendo una sigaretta in relax sulle panchine della piazzetta vicino casa mia...mi ritornano in mente le immagini di prima e decido di scrivere al mio capo
"Brì tutto a posto?"
"Si...perché? È successo qualcosa? Me devo preoccupà?" mazza come va subito in panico però...
"No...no...è che vi ho visti strani prima con mamma..." tentiamo...vediamo che risponde
"È tutto ok...lo sai che ogni tanto scazziamo...tu dove sei?" mmm, gli dico che sto per tornare a casa, non so neanch'io perché...forse non voglio che lui e mia madre rientrino prima di me, forse voglio che sappiano che sarò in casa al loro rientro...che poi sono andati con due macchine, perché Briga dovrebbe passare da casa mia...mi chiede come mai e gli rispondo che Elisa è già a casa e che non voglio si impensierisca per Nausicaa...che in realtà è a casa sua, ma dettagli...je devo fa sapè appena rientro...je mando una emoticon e rimetto il telefono in tasca, non so neanche io a che volevo arrivare quando gli ho scritto...
<<Oh Bes ce sei?>> Fede mi sta sventolando una mano davanti agli occhi
<<Si si scusate...>>
<<Ma è tutto a posto...? È da quando sei rientrato al pub che sei strano...problemi co' Elisa?>> sorrido...magari fosse solo questo...
<<È gelosa de tu' cugina...>> sorrido
<<De Nausicaa?>> ride <<Ma no! Po' sta tranquilla! Se vuoi ce parlo io...>> propone buttando in aria una nuvoletta di fumo
<<Ma nun ce sta bisogno...mo vedi che je passa...>>
<<Guarda Bes veramente...lei è una tipa timida, tranquilla...nun se metterebbe mai in mezzo! È solo che 'sta cosa che canti probabilmente je piace perché è una sua passione...so' pure annato a sentirla qualche volta alle manifestazioni, è brava...>> spiega
<<Una sera di queste organizzamo un karaoke allora!>> si intromette Giorgio mentre noi ridiamo a crepapelle...diciamo che una campana sarebbe più intonata del mio amico qui <<Ahò ma che c'avete da ride! Che amici infami!>> ci insulta ridendo prima di buttare la cicca nella ciotola con la sabbia posta all'estremità del cestino per i rifiuti accanto a lui <<Cazzo ho finito le gomme!>> esclama con le mani nelle tasche <<Mi' madre me fa nero se me sgama a fumà!>> la mia se ne accorgerebbe pure se ne mangiassi una confezione intera, solo che fa finta de niente finchè je dice così la testa <<Mattì le annamo a prenne a quel bar vicino casa tua? Sicuro è aperto!>> annamo...tanto me scoccia rientrà, non so manco io perché...
E invece abbiamo fatto proprio bene ad annà...mentre passavamo nei pressi de casa mia, sul marciapiede opposto, ho visto l'auto de mi' madre che varcava il cancello...e subito dietro indovinate un po'? Esatto...ha aspettato che mia madre entrasse, che il cancello se chiudesse, ha lampeggiato con i fari per salutarla e se ne è andato. Ora secondo voi è solo gentilezza? Insomma il beccafico manco aspettava che il cancello se chiudesse, sgommava via subito, nonostante mamma fosse sola in casa...perché Briga la scorta con la macchina? Però se fosse qualcosa in più non sarebbe sceso anche lui? Anche solo per salutarla come si deve! O forse dal mio messaggio ha pensato che fossi già in casa e non voleva rischiare che li scoprissi? Questa faccenda mi è sempre meno chiara...ed io odio non sapere le cose, specie se si tratta di loro!
Il bar per fortuna è aperto, propongo ai miei amici di sederci fuori e prendere qualcosa perché non mi va di rientrare subito e loro accettano, così restiamo per un po' a chiacchierare del più e del meno al tavolino del bar...quando vediamo però che si è fatta una certa decidiamo di rientrare, domani non uscirò con loro...ho la cena a casa del grande capo...speriamo bene!
Bisogna spiegare ai nonni che il telefono nun se usa prima delle undici di domenica mattina! Cazzo, hanno chiamato all'alba...no, nun sto a fa i capricci, manco mi' madre ha capito che hanno detto...anzi, mi ha seguito subito appena le ho proposto di andare a dormire un altro po' perché questi so' proprio senza vergogna a fa telefonate a quell'ora! Ieri sera ho cercato anche di fare delle domande a mi' madre, le ho rimesso in mezzo la cosa dell'amante ma lei probabilmente era scazzata con lui...ora, se erano scazzati, Briga l'avrebbe riaccompagnata uguale? Mah...abbiamo parlato di lavoro, di opinioni diverse e poi abbiamo deciso che fosse meglio andare a letto...mia madre non è molto di compagnia quando ce l'ha con qualcuno per qualcosa. Comunque ci siamo rimessi a letto dopo la fantomatica telefonata di cui non ricordiamo il contenuto, la spalla stamattina mi dà più fastidio rispetto a ieri, mi ha messo subito la pomata ed io penso solo a quanto stavo meglio quando la settimana scorsa erano entrambi in giro per casa, preoccupati per me, che facevano di tutto per farmi stare bene...
<<Che dici...secondo te posso chiamarlo Briga?>> le chiedo, triste per il ricordo che mi ha attraversato la mente
<<Credo che non sia il caso Bes...ha detto ieri sera che era molto impegnato...>> ah già! Sicuramente avrà un sacco da fare alla Label, visto che l'ha praticamente abbandonata per più di dieci giorni per stare qui con me...vabbè, come non detto...
Briga mi ha mandato un messaggio stamattina per ricordarmi della cena, come se avessi potuto dimenticarla, gli ho risposto definendolo vecchio...dite che s'è offeso? Ma no, m'è pure venuto a prende, è davanti al cancello...dice che non vuole che gli altri arrivino prima di noi a casa sua...in effetti...mamma mi ha accompagnato fino alla macchina, niente stanno ancora scazzati...quindi l'ha scortata con la macchina pur avendocela con lei... 'sta cosa me puzza...
<<Ma te rendi conto che hanno organizzato un pigiama party? Manco fossero quindicenni!>> esclamo tuffandomi sul divano di casa sua, che ormai sento anche mia...dice che è una scusa per fare inciuci tipici femminili...eh, ho capito, ma quelle se sentono ogni minuto e secondo! E poi così io nun so che c'hanno da dì! Niente, questo nun capisce che quelle tutte insieme so' pericolose!
Briga sta cacciando letteralmente tutti, cioè quello ce prova pure a fa il gentile, ma sta rosicando...peggio de me...avemo perso, e avevamo i traditori in casa...io li avrei mandati a pedate nel cu...nel cuore, cuore della città che a quest'ora deserta è bellissima! Mentre loro vanno via penso che dovrò andar via anch'io...sono rimasto con mamma che avrei dormito a casa di zia Franci...devo chiamare zio Fulvio e farmi venire a prendere...certo, perché zia torna a casa sua a dormì...chissà se ci fosse stato mio padre...se avrebbe permesso a mia madre di dormire fuori...Briga vedendomi pensieroso crede sia per la partita, ovvio che sto a rosicà per la partita...ma ero pensieroso per altro...mi dice che posso restare a dormire qui, non c'è bisogno di chiamare zio...in realtà avrei voluto chiederglielo...sto bene con lui, però magari je dava fastidio...invece me l'ha proposto! Decido di avvertire mia madre che mi dice che può anche venire a prendermi...ma questa è scema! Però mica posso dormì col jeans, a casa de zia c'ho un cambio...qua no...
<<Sali in camera mia...le tute sono nell'anta vicino alla finestra...e nel primo cassetto del comò ci sono delle magliette...io chiudo tutto qui e salgo...>>
Che ve dicevo che nun je do fastidio? Me presta pure le cose sue...allora l'anta con le tute deve essere questa...ma quante ne ha? Vabbè scegliamone una semplice pe' dormì...mi spoglio completamente, rimanendo coi boxer, ripiego tutto e poggio sul puff...maglietta, maglietta...ah sì, primo cassetto ha detto...ullallà ma che abbiamo qui? All'angolo del cassetto, tutto attorcigliato, c'è un indumento di pizzo...un perizoma di pizzo ad essere precisi...hai capito il capo!? Questo c'ha una tra le mani con ottimi gusti in fatto di biancheria...altro che mi' madre...come ho potuto pensarlo?! È che me so' fatto travià! Quelli discutono in continuazione per qualsiasi cosa...ve pare? Vediamo che dice l'uomo tutto d'un pezzo
<<BRIGAAAAAA!!>> urlo e dopo poco appare sulla porta trafelato...ma se nun c'hai l'età pe' fa le corse su per le scale perché te ostini a provacce dico io! Prendo il discorso alla larga...giusto per godermi la sua espressione esterrefatta per il mio ritrovamento
<<Se può sapè che stai a dì?>> chiede stufo dei miei giri di parole, mentre io alzo la mano facendo penzolare l'indumento dall'indice
<<Se ancora qualcuno avesse dubbi sulla tua propensione a tombeur de femmes...>> lo prendo in giro...manco tanto, sai quante se ne sarà ripassate questo?!
<<Lo...ehm...lo avrà dimenticato qualcuna...>> è in difficoltà...te credo! Conservi 'sti cimeli!
<<Eh certo...del resto come faceva ad indossarlo di nuovo? Però è un'ottima idea...di sicuro non sarai indeciso sul regalo di Natale...>> rido mentre lui mi risponde che non è roba per me ed io gli rammento che al piano di sotto...
Lo stronzo però sa perfettamente quali punti colpire, così propone una sigaretta...ehm...e che je dico? Non fumo? Me scoppierebbe a ride in faccia! E così lo seguo in quello che è, a suo dire, il suo posto preferito...è una veranda...in pratica c'ha 'sto balcone enorme e l'ha fatto chiude tutto a vetri...c'è una vista che è uno spettacolo, ricoperti dal cielo stellato...se me ripresta casa ce potrei portà Elisa...le sdraio sembrano comode...a proposito di comodità la spalla ha iniziato a tirare di nuovo e lui se ne è accorto immediatamente! S'è pure arrabbiato che non glielo abbia detto subito e mi ha mandato a prendere la crema che abbiamo comprato l'altro giorno quando io ero fuori casa senza medicine...
<<In settimana abbiamo il controllo...>> mi dice mentre me la spalma
<<Si, credo che mamma abbia già preso appuntamento...>> confermo
<<Fammi sapè che giorno dobbiamo andà>> dice mentre mi rimette la fascia
<<Perché, vieni anche te?>> cioè, insomma...non...non credevo che se lo ricordasse...e ancor meno che venisse anche lui!
Siamo tornati in camera sua, dormiremo entrambi qui in questo lettone enorme e comodissimo...mi ha detto che potevo chiamarlo se avevo fastidi oggi e non me la sono sentita di mentirgli...
<<Volevo farlo, ma poi mamma ha detto che aveva saputo alla cena da zia Franci che eri impegnatissimo col lavoro, nun te volevo disturbà...>>
<<Tu me puoi disturbà tutte le volte che vuoi...>>
<<Si, cioè...grazie...però non sapevo se...>>
<<Ogni volta che ti serve qualcosa, anche la più stupida...anche quella che ti sembra una sciocchezza o il più grande problema della tua vita, sappi che io ci sarò sempre...sarò qui ogni volta che avrai bisogno di me...>> deglutisco, ho un nodo in gola, me viene da frignà e nun so perché, vorrei abbracciarlo ma non mi sembra il caso...lui lo capisce e spegne la luce, augurandomi la buonanotte. Grazie Brì!
Vengo svegliato da qualcuno che me sta a riempì de baci...nun può esse che sia Briga! Però questo profumo...è mamma! Mamma? E che ce fa qua?
<<Dobbiamo andare a scuola Bes...ti ho portato lo zaino, un cambio...e anche i krapfen per te e Briga...>>
<<Briiiiiiiiiiii...mamma c'ha portato i bomboloniiii>> grido felice dell'idea di mamma...vado in bagno a farmi una doccia e cambiarmi e poi mi catapulto giù prima che quello se magni tutti i bomboloni! Mamma si fa dire della serata e le spiego che siamo stati benissimo, abbiamo mangiato, visto la partita e che Briga ha cacciato quelli...le chiedo do' va vestita così e dice che ha una conferenza stampa anche se non ha ancora risolto quel problema a lavoro e Briga ovviamente se intromette e iniziano a discute loro due...mah...
<<Vieni a studiare da me anche oggi?>> sono appoggiato al muretto davanti scuola con Elisa addosso che me sta a lascià un sacco de bacetti sul collo...se continuamo così non entreremo neanche l'anno prossimo...
<<Se studiamo come sabato sì!>> rispondo malizioso
<<Cretino! Mamma non ci lascerà soli di nuovo...neanche sabato voleva farlo...>>
<<Meno male che ha cambiato idea allora...>> sorrido prima di baciarla
<<Già...mi mancavi un sacco...>> replica lei baciandomi a sua volta...hai capito la pischella...
Queste ore sembravano non finire mai...odio il lunedì! Vedo la macchina di mamma...la deve smette de fa la figa, prima che io meni qualcuno! Ma che sta a parlà da sola? Ah no, messaggia...
<<Co' chi stavi a scrive prima?>> le chiedo appena arrivati a casa, risponde nessuno...messaggia co' nessuno...se chiamerà Ulisse l'amante!
<<Era il tuo capo...>> ammette dopo un po' di battibecco...eh? No, no qua ce sta qualcosa che nun quadra!
<<Briga?>>
<<Voleva...sapere...se venivo a prenderti io...visto che te faceva male il braccio...e non voleva te stancassi...tanto fosse stato qualcun'altro non te l'avrei detto comunque...>> questo è da vedere...ma che Briga volesse sapere del braccio te la bevi solo te, m'ha sempre scritto...l'avrebbe fatto anche ora...le do simpaticamente della stronza e questa che dice? Che lo pensa pure il mio capo! Ma avrà bevuto!
<<E c'ha anche ragione...ma scusa quando te l'avrebbe detto?>>
<<Bes...per favore oggi...lasciami stare...>> no bionda, nun è che oggi nun è giornata...è che me stai a nasconne quarcosa ed io scoprirò cos'è e saranno cazzi! Pe' te e pure pe' lui se c'entra qualcosa!
Mi chiede come è andata da Briga...ah, ma questo è un ottimo argomento per capirci qualcosa in più...
<<Mà...tu nun poi capì che ho trovato nel comò de Briga...>> le dico a un certo punto tentando di carpire ogni sfumatura delle risposte che mi darà
<<Cosa?>> accenna un sorriso che in realtà sembra solo di circostanza...
<<Un...chiamiamolo...souvenir...>> temporeggio
<<Cosa Bes?>> quanta curiosità mammina
<<Un perizoma de pizzo mà....nun poi capì...sbrandellato...>> sbrandellato...strappato a metà, ma se non esagero io chi può farlo!?
<<Un cosa?>> rido, tentando di far passare la cosa sottobanco, ma lei è troppo seria per i miei gusti...insomma dovrebbe riderne con me, non fare quella faccia <<Ma poi tu metti le mani nelle cose che non ti riguardano Bes? Ti ho insegnato queste cose? Cavolo!>> certo, perché te stai a 'ncazzà per l'educazione...ed io te credo...
<<Mamma...mi stavo mettendo la tuta...è stato lui a chiedermi di aprire e di prendere le cose liberamente...io non mi sarei mai permesso...però non c'è bisogno che te la piji così...>> eh...perché la piji così mammì? Dice che devo ricordarmi che è il mio capo...e tu mamma, te lo ricordi? <<Ovvio che lo so...ma secondo te che c'è farà? La collezione?>> insisto e lei dice che è sempre stato strano...secondo me stavi a dì stronzo...ma vabbè...rincariamo la dose <<In effetti ultimamente è un po' strano...sicuramente c'ha sotto mano una tipa figa...ecco perché fa tutto il misterioso...>>
<<Ah però...beh certo...uno come lui mi stupisce che non abbia intrallazzi strani...anche se devo dire che con gli anni è cambiato un po' in questo>>
<<Naaa...Briga anche se è più vecchio è comunque figo...tu non sai quante je vanno dietro...quante...>> è gelosia quel lampo che ti ha attraversato gli occhi?
<<Bes...senti devo andare da zia Tina...e poi devo passare da un negozio...ti lascio solo una mezz'oretta ok?>> mi dice appena abbiamo terminato il pranzo...da zia Tina eh? Chissà se piombassi alla Label all'improvviso...
"Amo ma te sei perso pe' strada?" Elì e 'n attimo bella de casa...ho appena finito un'estenuante prova tecnica co' mi' madre per cercare de cavarle qualcosa de bocca! E quella se n'è uscita per andare da zia Tina...non voglio andare alla Label, voglio ragionare con calma sulla cosa, arrivare ad una conclusione, metabolizzarla e quando sarò pronto ad accettarla vedrò la realtà per quella che è...intanto vado dalla mia fidanzata che me aspetta e magari je chiedo che ne pensa de tutta 'sta storia!
<<Me vuoi dì perché stai strano da sabato sera?>> sbotta all'improvviso chiudendo il libro con un tonfo
<<Ma niente...apri 'sto libro che domani ce sta il compito...>>
<<Le sappiamo le cose...allora?>>
<<Ho notato atteggiamenti strani tra mi' madre ed il mio capo...>> inizio tentennando
<<Bes! Ancora con questa storia? Ma perché te sei fissato così?>>
<<Vabbè niente lascia sta...>> dico stranito...cioè me dice sempre che so' un tipo che nun parla mai dei problemi suoi, che nun je dico le cose, che nun la rendo partecipe...poi me voglio confidà co' lei su una cosa che me sta a fa venì 'n sacco de dubbi e lei se ne esce così...ma vaffanculo!
<<No, scusa...>> dice venendomi vicino e prendendomi la mano <<ti ascolto...>> continua sedendosi sul letto e invitando me a fare lo stesso, tirando la mano che mi aveva preso nella sua
<<In pratica...te ricordi che già ti avevo detto che la sera del compleanno delle gemelle me sembrava che ce fossero stati degli sfioramenti in macchina?>> annuisce <<La situazione sta peggiorando!>>
<<Peggiorando in che senso?>> chiede stranita, non capendo
<<Settimana scorsa che entrambi erano nel traffico?>> domando retorico
<<Bes abitamo a Roma però...>> risponde lei con tono petulante
<<Vabbè vabbè...quando Briga m'è venuto a prenne qualche giorno fa?>>
<<Eh...che è successo?>>
<<Profumava de cioccolato!>>
<<Mazzaaaaa!>> esclama lei <<Prova schiacciante!>> ride...e viene da sorridere pure a me...ma possibile che so' matto?
<<Pure mi' madre profumava de cioccolato!>>
<<Eh...in effetti saranno gli unici due al mondo che acquistano quel tipo di bagnoschiuma...ce l'ho pure io de là sulla mensolina nella doccia...>> replica placida
<<Nella doccia...>> insinuo malizioso mentre lei mi dà uno schiaffetto sul braccio accompagnato da un lagnoso "daiiii", prima di incitarmi a continuare <<Ok...Briga m'ha detto che il bar aveva avuto un problema con un macchinario...ma era sfuggente...cioè nun m'è sembrato sincero>> fa si con la testa <<Poi...aspè famme ricordà...ah! Mercoledì? Il talk de mi' madre? Nun so se l'hai visto...>>
<<Figurati se mia madre se lo perdeva!>> esclama ridendo
<<Vabbè...comunque io, come sai, lo stavo a vedè co' Briga...già quando lei parlava de innamoramento e cose così era stranito, quando ha detto il motivo per cui era andata via da Roma ha fatto un'espressione strana...ma la cosa più strana è stata la foto in intimo...>>
<<La foto in intimo?>> chiede confusa
<<Si...qualunque uomo avrebbe apprezzato...qualunque uomo tranne me ovviamente...>> scuote la testa <<ma lui era come infastidito...>>
<<Infastidito?>>
<<Si...si...l'ho guardato bene! Je dava fastidio...!>>
<<Vabbè ma comunque sono stati insieme anni fa...certe cose restano sempre...>> prova a dare una spiegazione lei
<<Nooo...manco io ho una gelosia così retroattiva...>>
<<Forse prova ancora qualcosa per lei?>> azzarda
<<No, no!>> smentisco subito <<Vabbè te stavo a dì, che poi la mattina dopo è venuto a svegliarmi...già il fatto che sia entrato nella stanza dove dormiva mi' madre nun m'è parso proprio tanto normale...>>
<<Ma daiiiii! Che troglodita!>>
<<Vabbè vabbè lassamo sta 'sta cosa...mentre parlavamo del fatto...de che stavamo a parlà? Ah si, se me poteva accompagnà a vedè la partita d'allenamento...comunque mi' madre stava solo con la maglia...nun me domandà perché...e quello je ha guardato le gambe!>>
<<Eh Bes...ma tu alle volte te dimentichi che è un uomo però...>>
<<Seh vabbè...ma sai quante ne ha viste quello? Te pare che se mette a guardà mi' madre...>>
<<Me pare sì!>> ride
<<Ohhh e zittate!>> si mette una mano davanti alla bocca, ma continua a ride la stronza <<E quando je s'è buttato praticamente addosso facendole il solletico? E quanno se so' messi a discute dei vestiti scollati de mi' madre? Per non parlare de sabato quanno dovevano annà tutti e due da zia Franci...mamma se l'è svignata appena l'ha visto...e quell'altro l'è corso dietro...la voleva fa scenne dalla macchina...nun puoi capì come s'è incazzato...senza motivo poi...>>
<<Vabbè ma scusa non sarebbe una cosa bella se fossero di nuovo innamorati?>> chiede lei con gli occhi a cuoricino
<<Innache? No no...ma te nun ha capito niente...quella è mi' madre oh! E l'altro è Briga! Ma che stai a dì?>> mi alzo dal letto di scatto...mo je sbrocco pure a quest'altra
<<Appunto!!>> urla...ma che te urli? Tanto c'hai torto <<Due delle persone più importanti della tua vita che stanno insieme...>> si alza anche lei, piazzandosi di fronte a me
<<Ma nun stanno insieme!!!>> esclamo, muovendo le braccia dall'alto verso il basso, in un gesto secco, per dare più enfasi alle mie parole...ma è de coccio
<<Ma che ne sai te?>>
<<Io voglio solo capì il senso logico de tutte 'ste stranezze...>>
<<No, tu vuoi sentirti dire quello che vuoi te...perché il senso logico de tutte 'ste stranezze, come dici te, ce sta! È l'unico possibile! E a te nun te va giù...>>
<<Stai a blaterà cose senza senso!>> dico, accompagnando le mie parole con la mano che scaccia l'aria, come a voler eliminare quelle ciance che danno voce ai dubbi che ho in testa da un po'.
Mi sveglio stranamente presto, senza sveglia...non che sia riuscito a dormire chissà che...ieri sera sono tornato a casa abbastanza stranito dopo la...chiamiamola discussione...con Elisa, poi una volta qui a casa mamma mi ha detto che sarebbe venuto uno a cena...Mario...e quindi pure Briga...ho evitato qualunque allusione e mi sono goduto la cena, la testa già me scoppiava abbastanza. Tutti i tarli che me stavano a rosicà la testa da quando avevo iniziato a cercare di capire con Elisa il comportamento di quei due, m'avevano talmente riempito la mente che avevo bisogno di svuotarla...di fare un respirone enorme e tranquillizzarmi un attimo. Li ho guardati mentre cenavamo, solo qualche giorno fa avrei pensato che l'invito a cena a Mario era solo una trovata di mia madre per introdurre piano piano un uomo nella nostra vita, invece mi sono subito reso conto che no, è davvero solo un amico...mentre quei due non me la stavano a contà per niente giusta. Mario m'è simpatico, dicono che è un chitarrista bravissimo...amicissimo di Briga e mamma lo conosce perché qualche volta era andato al Talant pe' suonà co' Briga e poi lui e mamma hanno fatto delle collaborazioni anche in seguito, le ha fatto degli arrangiamenti...lei ha aiutato lui che ha un gruppo...robe così...ma che ore so'? Manco le sette...che pizza! Mo me ripasso qualcosa per il compito va, tanto de dormì nun se ne parla...
<<Me dispiace pe' ieri...>> si scusa Elisa venendomi incontro appena mi vede arrivare davanti scuola
<<Mm!>> resto sulle mie
<<Cioè io me scuso...per una cosa per cui non me dovrei manco scusà, chiariamolo...e tu che me dici? Mm?>> si altera leggermente...ma io non ho voglia de discute a prima mattina...la prendo dalla vita e la bacio... <<No, me devi risponne!>> uff...ma io ho sonno! Sbadiglio vistosamente e muovo la spalla a scatti...speriamo che il controllo vada bene che io nun ce la faccio più a tenè 'sto coso... <<Non hai dormito? Ti fa male la spalla?>> chiede apprensiva, accarezzandomi una guancia...poggio il viso di lato, sulla sua mano e chiudo gli occhi...non lo so perché sto così stranito...in realtà lo so, ma non voglio pensarci!
<<Abbracciami!>> dico tirandola a me e stringendola per quanto mi è possibile.
<<Perché non ti piace questa ipotesi?>> mi chiede durante l'ora di supplenza...alle ultime due abbiamo il compito, ma nessuno dei due ha intenzione di ripassare...la guardo, scuotendo la testa mogio...non voglio parlarne qui, non voglio che qualcuno senta cose mie private... <<Andiamo nei bagni di sopra?>> la guardo spalancando gli occhi <<A parlare...>> spiega, vabbè se anche vuoi fare altro non è che mi scandalizzo...la prof ci accorda il permesso di uscire, sta leggendo una rivista...vedo che è entusiasta di fare la supplenza!
Elisa sta prendendo le scale per il piano di sopra...non voglio andare nei bagni con lei, me sentirei a disagio anche a darle un bacio sapendo che di solito ci si va con tipe di cui a stento te ricordi il nome...la tiro con me e andiamo in uno dei laboratori in disuso che ormai usano come un enorme ripostiglio...
<<Staremo meglio qua...>> dico sedendomi su un banco fuori dalla visuale che si ha dalla porta, in modo che non ci becchino...lei si mette tra le mie gambe
<<Allora?>> chiede
<<Che?>> cerco di rimandare l'inevitabile
<<Ma come che? Possibile che questa cosa ti spaventi così tanto?>>
<<Non è che me spaventa...>> provo a spiegare
<<Allora cosa?>> domanda cercando di comprendere quali pensieri mi attraversino la testa...la realtà è che sono talmente tanti e talmente diversi tra loro che nemmeno io so a che sto pensando
<<Ti rendi conto che non è possibile una cosa del genere?>>
<<Ma perché no?>> insiste lei
<<Perché no! Mia madre...col mio capo...no, no e no!>>
<<Bes però se analizziamo tutte le cose che hai notato la conclusione non può essere che una...>>
<<E se invece ce ne fosse un'altra che ora ci sfugge?>>
<<Tipo?>> chiede
<<Tipo...tipo...che ne so, se ho detto che ce sfugge è perché non la sappiamo, no!?>> rispondo mentre lei ride lievemente...scuoto la testa, che situazione strana...
<<Ora che vuoi fa?>>
<<Voglio scoprire la verità...>>
<<Glielo chiederai quindi?>>
<<No ovvio che no...cioè mi hanno, mi hanno mentito fino adesso...>> dico realizzando davvero solo ora che se l'ipotesi di Elisa fosse giusta la conseguenza sarebbe che mi hanno mentito
<<Non ti hanno mentito...ti hanno omesso una cosa...>>
<<È uguale!>> replico piccato
<<No, non lo è!>> risponde a tono
<<Invece sì...nun me hanno omesso che hanno mangiato un dolce di nascosto a colazione...se questi stanno...stanno...vabbè hai capito...!>>
<<Ma non saresti contento?>> chiede portandomi i capelli dietro l'orecchio...
<<N-no...>> dico insicuro
<<No?>> chiede sorridendo
<<No!>> confermo testardo mentre lei sospira...la attiro a me, ho bisogno di un bacio, di dimenticarmi per cinque minuti di questi pensieri che mi attraversano la mente...le nostre lingue che si scontrano mi fanno allontanare da tutte quelle ipotesi assurde, concentrando la mia attenzione solo su di lei che tiene il mio viso con le mani mentre il bacio si fa più audace ed i miei jeans più stretti...le mie mani fanno su e giù per la sua schiena, le sue si infilano sotto il mio maglioncino, strofinando i miei fianchi e provocandomi un brivido lungo la spina dorsale...sposta le mani in avanti infilandole nei miei jeans che ha appena sbottonato...reclino la testa all'indietro...
<<Eli...>> tento di dire
<<Shhh...rilassati...>> mi dice mentre mi lascia un bacio umido sul collo e aumenta la pressione e i movimenti della sua mano...la prendo per i fianchi, stringendoglieli ogni volta che lo stomaco mi si contrae...fino a rilassarmi completamente...
<<A parlare eh? Ti eri portata pure i fazzoletti!>> la prendo in giro mentre butto quei pezzi di carta sporchi in uno dei sacchi d'immondizia che si trova qui dentro
<<Cretino! Mamma mi riempie le tasche...sta per iniziare la primavera ed io sono allergica alle graminacee...>>
<<Quindi sarai tutta un etciù!>> la sbeffeggio
<<Quindi finiranno le incursioni nei laboratori...>> sorride sadica
<<Oh cazzo!>> sbarro gli occhi
<<Proprio quello, Marrone!>> esclama avviandosi alla porta.
Il compito è andato alla grande, erano tutte risposte multiple da completare in un'ora e mezza e nell'ultima mezz'ora la prof li ha corretti avendo già con sé il foglio con le risposte...ed ovviamente il sottoscritto ha preso uno dei voti più alti...che ve lo dico a fa! Per festeggiare abbiamo deciso di andare al Burger King...devo avvertire mamma, ma prima voglio aspettare che quella di Elisa le risponda
"Ha detto che va bene!" dice euforica guardando prima il cellulare e poi me...immaginate se mo mi' madre se fa venì in mente de dì de no!? Che figura de me...menta!
"Mami compito da otto e mezzo...vero che posso annà al Burger King con gli altri?"
Mo me risponderà che mangio solo schifezze, che da quando sono a Roma faccio come me pare, che me do alla pazza gioia, che devo mangiare san...eccola!
"D'accordo amore! Mi raccomando...fammi sapere se devo venire a prenderti"
Eh? Chi è questa che mi ha risposto al messaggio? E che ne ha fatto di mia madre? Però...! Meglio tenersela buona...mannamole un cuoricino che quella se ingiuggiola subito...
Stiamo mangiando la...ehm ho perso il conto, comunque l'ennesima porzione di patatine...ma so' troppo bone...poi coi sacchetti svuotati al centro del vassoio e tutte le salsine buonissime sopra...Elisa s'è messa la classica coroncina e sta facendo foto su foto...la mette anche a me e mi scatta una foto...
<<Guarda che bella!>> esclama mostrandomi lo schermo del suo cellulare con la mia foto
<<Figa! Mandamela che la pubblico!>> dico prendendo il mio dalla tasca
<<Certo...così tutte quelle galline te scriveranno sotto amoreeeee come sei belloooo sposamiiiii!!>> risponde con la voce da stupida...che cretina che è!
<<Gelosa!>>
<<Io? De te? Tsè!>> fai la stronza, fai...mo vediamo se continui
<<Beh allora potevamo invitare Nau...>> insinuo...bastardo, lo so...e ne vado pure fiero!
<<Nau...?>> aggrotta la fronte, confusa...quando un lampo le attraversa gli occhi che riduce a due fessure, fulminandomi <<Nau! Cor ca...cavolo!>> esclama perentoria mentre io rido e i nostri amici ci guardano
<<Io voglio 'n altro panino!>> propone Fede
<<Si pur' io...>> mi accodo...il mio amico si alza ed ordina per tutti, tornando subito da noi e iniziando a fare battutine sulle ragazze sedute all'altro tavolo che non fanno altro che guardarci...
<<Non è possibile!>> si lamenta Eli scuotendo la testa e poggiandola sulle braccia incrociate sul tavolo...tesoro è il prezzo da pagare per stare con un figo come me!
Sto rientrando a casa dopo un pranzo fighissimo con i miei compagni, per fortuna il fastidio alla spalla sembra essersi calmato rispetto a stamattina...non vedo mia madre in giro
<<Mààà...sono tornato!>>
<<Amore mi sto vestendoooo!>> urla dal piano di sopra...ne approfitto per andare in bagno prima che venga qui e mi riempia di domande...tutta quell'acqua e quella Coca-Cola...me sta pe' scoppià tutto...mazza mà che casino hai lasciato pe' fatte 'na doccia...ma che è st'odore? Mi ricorda qualcos...cioccolato! C'è lo stesso odore che aveva il mio capo quando è venuto a prendermi settimana scorsa! E non credo che Briga compri lo stesso bagnoschiuma di mia madre...una cosa alla volta, prima la liberazione della mia pora vescica! Ecco, usciamo dal bagno e mettiamo in difficoltà la bionda...ma dov'è andata che 'sto bagno è pieno de sabbia!?
<<Mà!>> dico trovandomela davanti <<Tutto ok?>>
<<Si...si...pensavo andassi direttamente alla Label...il Burger non è lì vicino?>>
<<Si mà, so' venuto a posà lo zaino e cambiarmi che puzzo de fritto!>>
<<Bravo a mamma...io vado giù che devo chiamare zia Franci!>> ma do' scappa? Tranquilla che non voglio sapè do' sei stata! Lo scoprirò da solo!
Cambiato e profumato mi sono diretto alla Label e sto entrando nell'ufficio del capo...ho pure bussato, senza aspettare che rispondesse prima de entrà...me pare ovvio!
<<Bes!>> eh? Che c'ho? Qualcosa sulla faccia?
<<Ciao Brì...>> tento di sembrare tranquillo e mi siedo
<<Tutto ok a scuola?>>
<<Si, si...avevo compito...te ricordi?>>
<<Ah già...e com'è andato?>>
<<Bene...bene...>>
<<Sono contento!>> perché nun me sembri sorpreso?
<<Senti...te volevo chiede...visto che non posso ancora suonà...se la sala nun è occupata, mica me potrei mette de là a provà dei suoni col synth?>> voglio fargli sentire la nuova barra già con un'idea in testa per l'arrangiamento
<<Si...si certo...>>
<<Ok, allora vado!>> dico alzandomi intenzionato a lasciare il suo ufficio per dirigermi in una delle sale prova...ma che diavolo? Che è 'sta roba a terra? Sabbia? Guardo Briga cercando una risposta nel suo sguardo ma lo vedo sorridermi apparentemente tranquillo, gli lancio un'ultima occhiata e mi chiudo la porta alle spalle uscendo in corridoio...
"Me sa che l'ipotesi giusta è la tua..." – Elisa – invia.

~ ADESSO INTORNO A TE ~Read this story for FREE!