Louis’s pov

Trascorsi la maggior parte del tempo in classe pensando al ragazzo che avevo lasciato qui dieci anni fa. Al ragazzo dai capelli chiari, che avrà sicuramente tinto, e cresciuto e gli si sono anche arricciati i capelli.

Ci sto mettendo tutto me stesso per non girarmi e vedere quel volto, che non ho ancora visto. Ma la sensazione orribile nel mio intestino mi dice che è lui, è Harry.

La classe si svuotò completamente subito dopo il suono della campanella. Non ebbi nemmeno il tempo di raccogliere i miei libri e notai il riccio e il suo amico dirigersi fuori dalla porta.

Notai anche che Liam, il primo della classe, era già in piedi che camminava indietro e il riccio si prese la libertà di prenderlo a spintoni cosi da cadere indietro.

Mi alzai, misi i miei libri sotto al braccio e mi avvicinai.

“Hey, hai bisogno di aiuto?” sorrisi raggiungendo il ragazzo, si sedette e mise una gamba sulla sedia.

“uh.. si, grazie” prese la mia mano per aiutarlo a tirarlo su.

“di niente. Sono Louis, Louis Tomlinson comunque”.

“Liam Payne” sorrise timidamente stringendomi la mano.

“Allora, quei ragazzi?” chiesi cercando di capire se era lui “mi sai dire qualcosa su di loro?”

“Niente, è la loro natura essere stronzi. Si chiamano Zayn Malik e Harry Styles, hanno un altro amico, Niall Horan, lui non è male come loro” Liam disse mentre ci dirigemmo nel corridoio.

“Oh” dissi sicuro di quello che ho sentito.

Era lui.

“Si, mi sono trasferito qui in quarta elementare e Harry era un bambino molto tranquillo. Poi, in seconda media, Zayn si è trasferito qui. Molti ragazzi hanno cercato di essere suoi amici ma lui gli ignorò e ha fatto il possibile di essere amico di Harry. Ora i due regnano nella scuola e riescono ad ottenere ogni ragazzo o ragazza che loro vogliano” Liam ridacchio.

“Gay?”

“beh, si, Harry e Niall. Niall è pienamente gay, invece Harry e bi-direzionale.. io anche sono gay ma non nel modo..” guardò Louis preoccupato.

“Lo stesso” sorrisi.

 “Che materia hai ora?” chiese Liam

“Storia”.

“oh merda, viene pure Harry” disse.

“Cosa?” ansimai.

“Harry Styles. Lui ora ha storia. Solo lui, non i suoi amici. Buon divertimento.”

“Grazie” dissi dirigendomi verso la classe.

“Ci vediamo a pranzo !” gridò Liam ormai lontano nel corridoio.

Mi sedetti ad un banco vicino la finestra, è stato fatto per due studenti.

Lasciai cadere lentamente la mia borsa a terra mentre guardavo distrattamente fuori dalla finestra.

Sentii dei passi dietro di me, mi girai e ritrovai il ragazzo dai capelli ricci che mi fissava senza emozioni.

“ciao”.

“cosa vuoi” disse prendendo il posto vicino a me non essendocene altri nella classe.

“sono Louis” dissi a voce bassa

“buon per te..” disse, ignorandomi e cominciando a giocare con il su telefono.

“emh..”

“si!?” scattò rivolgendosi verso di me.

“I.. non importa.” Scossi la testa.

Alzò la testa e tornò a giocare con il suo telefonino. Mi sedetti accanto a lui cercando di combattere le lacrime.

Non si ricorda di me.

Ho passato gli ultimi dieci anni a pensare, ogni giorno, a lui. E ora? Non si ricorda più di me.

Presi lenti e profondi respiri, cercando di calmarmi e di non andare in iperventilazione.

Come può non ricordarsi di me?

--------------------------------------------------

Ragazzeeeee, scusate :(

Non ho avuto molto tempo a disposizione in queste settimane, spero mi perdoniate con questo capitolo. Si, è corto, lo so. Fatemi sapere se vi piaceee.

Non so come dirvi grazie per i bellissimi commenti e i voti che mi avete dato. Vi è piaciuta vero?

Grazie c:

Cercami [Larry Stylinson story]Leggi questa storia gratuitamente!