1 (Tradotto da Sprousetwinss)

348 18 18

Prima Parte~~La Bilancia

Morirò domani.

So che la maggior parte delle persone dicono che non possono ricordare la prima volta che hanno pianto, ma io sì. Ero una neonata. Alcune persone potrebbero avermi chiamata "Figlia di Satana". Quando nacqui, non piansi; ero una di quei bambini che erano stati condannati, e lo sapevo. Non piansi appena nata, piansi un minuto dopo quando venni marchiata.

Marchiata con la data in cui dovrò morire.

Il corridoio dove affaccia il mio appartamento, con le sue pareti grigie e la vernice scrostata, è sempre vuoto a quest'ora della giornata. Armeggio con le chiavi mentre cerco di inserirle nella serratura, i miei pensieri che mandano a fanculo tutti i miei tentativi. Giro la chiave e la porta si apre sbattendo. Non c'è nessuno che possa averlo sentito. Sono sola. Sola oggi, il mio ultimo giorno.

Faccio una smorfia dinanzi al posto in cui ho vissuti per gli ultimi anni, che non ho mai chiamato casa. Alle finestre mancano pezzi di vetro, macchie sconosciute decorano il logorato tappeto rosa. Metto a terra la borsa e mi appoggio sulla porta; chiudi gli occhi, abbandonando il mondo esterno. È così che una diciannovenne morirà? Da sola, nella sua stanza? Scivolando lungo la porta, mi mordo il labbro per trattenere le lacrime. Non voglio perdere tempo a piangere; non ho tempo da sprecare. Faccio scorrere la mia mano lungo il Marchio tatuato sulla mia pelle, tra il gomito sinistro e la mano. 10-08-14. La mia morte, stampata così chiaramente, di modo che tutti la vedano.

Nessuno sfugge al proprio destino. Mia madre incontrò il suo il giorno in cui io nacqui, e mio padre il giorno dopo, suicidandosi.

La Società, con la loro Preeminence li guida. Ecco chi è il responsabile; spero che sappiano che hanno trasformato tutta la mia vita in una continua corsa.

Mi rimetto in piedi; la vita non ha ancora abbandonato il mio corpo, e se la società dice che morirò domani, non me ne andrò senza un colpo di scena. Farò diventare questo giorno memorabile, e dannazione, sorriderò fino all'ultimo.

Apro la porta e rimango sulla soglia. Una volta oltrepassata questa linea, probabilmente non la oltrepasserò più. Dopo tutto, che senso avrebbe tornare qui? Non so dove la morte mi sorprenderà, ma sono pronta, pronta alla gara. Il mio tempo sta scadendo, e le decisioni devono essere fatte ora.

A testa alta, faccio un passo oltre questa barriera invisibile, ed un senso di libertà mi invade. La morte sarà pure a caccia di me, ma questa ragazza le farà fare una bella corsa per raggiungere il suo obbiettivo.

Mi dirigo verso l'ascensore, solamente a due porte di distanza dalla mia. Pigiando il bottone di ferro freddo, chiamo l'ascensore e, una volta aperto, entro dentro. L'ascensore si muove lentamente, ed intanto il mio tempo si sta dimezzando ogni secondo che passa.

L'ascensore si ferma al piano sotto a quello del mio appartamento, ed un uomo entra. Guarda il mio braccio e sposta subito lo sguardo. Compiangere uno sconosciuto nel suo Giorno di Scadenza -o alla vigilia- non è appropriato; invidio i suoi capelli grigi, qualcosa che non avrò mai... So di persone al di fuori degli Stati Uniti d'America che odiano le ciocche grigie nei loro capelli. Non lo capisco.

L'uomo è silenzioso, ma cosa potrebbe dire sapendo che morirò domani, mi dispiace? Mi è stato detto per diciannove anni.

L'ascensore vibra una volta giunto a destinazione. L'uomo si fa da parte, permettendomi di uscire prima di lui. Credo stia immaginando di darmi più tempo per vivere la mia vita in questo modo, il che non è un abitudine giornaliera.

Vado verso il bancone del proprietario del mio appartamento.

Mi fa un sorriso torvo. "Iris."

Gli faccio un sorriso di rimando. Ecco, l'ho fatto: ho sorriso. "Addio, Lane, abbi una bella vita."

"Anche te."

Fuori mi aspetta la sensazione della pioggia sulle braccia e sul collo.

Oh, Morte, non credere che questo mi fermerà; ho ancora delle cose da finire.

Mi scappa una risata genuina. Non avrei mai creduto che questo sarebbe successo: io che finalmente sono disposta a realizzare ciò che sono stata destinata a fare da tanti anni. Non so come, ma farò diventare tutto ciò interessante.

Farò pagare alla Società il prezzo della mia vita.

---

Ciao a tutti! Sono la traduttrice, ovvero sprousetwinss . Io e l'autrice -la proprietaria del profilo su cui è pubblicata anche la traduzione- ci siamo accordate per metterla proprio sul suo profilo, ma se avete dubbi, domande o che so io, sarò io a rispondervi. Spero che la storia vi piaccia, e che la tradizione vi soddisfi (io ci provo! haha).

Expiration Date (Italiano) Tradotto da SprousetwinssLeggi questa storia gratuitamente!