Ballando col demonio

166 13 58


Susanna era giovane e bella e lavorava come barista in un noioso paesino sperduto sulle colline ricoperte dai vigneti della Val Tidone.

Era un caldo pomeriggio di mezza estate e lei, da dietro il bancone, mesceva vino bianco frizzante a quattro clienti vecchi e miserabili. Bevevano tutti i giorni vino bianco Ortrugo o Malvasia sino a sbronzarsi: non c'era altro da fare in quel paese, a parte ubriacarsi o aspettare la morte.

I giovani erano già andati via quasi tutti da tempo, ed anche Susanna sognava di fuggire un giorno insieme ad un principe affascinante e tenebroso, qualcuno che la portasse lontano da quelle colline, in groppa ad un maestoso destriero dal manto nero come la notte.

Intanto giocava la sua partita a scacchi con la noia scrivendo storie di amori travagliati e leggendo romanzi d'avventura.

"Ue Mario, hai letto? Il Vescovo ha nominato altri tre esorcisti questo mese" disse uno dei clienti del bar mostrando la prima pagina di un quotidiano locale.

"Urca Piero, hai ragione, domenica lo ha detto anche don Michele durante l'omelia: il Diavolo è in mezzo a noi!"

"E sì, guarda, leggi qui, nell'articolo dicono pure che hanno iniziato a stampare e distribuire un vero manuale per riconoscere la presenza del demonio"

"Per la Marianna, e come si chiama questo manuale?" domandò Mario, tracannando il suo bicchiere di Malvasia frizzante.

"Si chiama De Cura Obsessis, roba forte, un manuale per riconoscere la presenza del diavolo. Credo che per farsi un'idea più precisa bisognerebbe leggerlo però" spiegò Piero, con aria turbata, mentre a sua volta svuotava d'un fiato un bicchiere colmo di Ortrugo.

"Lo ha detto anche la Madonna ai veggenti di Mejugorie: Satana vuole toglierci la gioia" aggiunse un terzo vecchietto dallo sguardo cupo e le mani artritiche.

Susanna non credeva più in Dio, aveva perso la fede quando ancora era una ragazzina. E disprezzava quei vecchi senza un futuro, bigotti ed ubriaconi tutto chiesa, vino gutturnio e superstizioni.

Talvolta, per non sentire le loro assurde storie, si rifugiava nelle sue fantasie, oppure attraverso il suo smartphone di ultima generazione si perdeva tra le pagine di un sito di abiti alla moda o di scarpe all'ultimo grido.

In questo modo capitò quel giorno sul negozio virtuale scarpedaurlo.com e vide un paio di meravigliose scarpe da ballo a tacco alto.

Erano magnifiche, di luccicante vernice rossa, a punta e con il tacco stretto e slanciato.

Già si stava immaginando con il suo vestito nero preferito volteggiare sulle piste da ballo con quelle nuove splendide e sfavillanti scarpe rosse come il fuoco.

Non poteva resistere, ed in pochi secondi inserì i dati della sua carta di credito e le comperò. Il sito prometteva consegna in 24 ore soddisfatti o rimborsati.

Era una giornata strana e tetra e faceva un caldo infernale in quel piccolo paese, il più crudele e noioso borgo della valle.

Luca e Marcellino entrarono nel bar. Erano gli ultimi due giovani rimasti.

Luca era uscito da poco di prigione. Era un tipo tozzo e grasso, con braccia bovine e occhi rabbiosi. Sarebbe presto tornato in carcere c'era da scommetterci.

Marcellino aveva la faccia paffuta e l'aria stupida, viveva ancora con sua madre e faceva finta di fare lo scrittore. Da sei anni era innamorato di Susanna ma lei non lo calcolava.

"Facci due calici di Gutturnio frizzante bellezza" disse Luca con voce arrogante ed un subdolo luccichio dentro gli occhi.

"Perché sei tornato in paese?" chiese Susanna sospettosa, versando da bere e guardandolo come se lui fosse un insetto insignificante.

Colline insanguinateLeggi questa storia gratuitamente!