Quarantuno

1K 72 10

Jasper non si è più fatto sentire e questo mi terrorizza parecchio. Lui ha detto esplicitamente che mi avrebbe trovato, ovunque io mi trovi. Sto cercando in tutti i modi di stare attenta e concentrarmi su me stessa, ma ogni minimo rumore dietro di me mentre cammino mi spaventa. Sono in un perenne stato d'ansia e non so come uscirne, nonostante Beth sia quasi sempre al mio fianco. Ho paura di Jasper, lo ammetto, perché è imprevedibile e senza pietà. Pur di raggiungere il suo scopo è capace di ogni cosa.

«Che ne dici di un giro in centro?» chiede Beth. Ultimamente mi piace vestire in modo colorato, non solo perché le temperature sono più calde, ma anche per questo mio cambiamento che ho deciso di intraprendere. Il taglio di capelli è stato la prima tappa ed ora è il turno dei vestiti. In genere mi piace indossare jeans stretti e magliette piuttosto larghe, non perché mi vergogno del mio corpo. Voglio stare comoda e anche le mie sneakers preferite aiutano.

«Volentieri.» esclamo, per poi infilare il giubbotto di jeans. Seguo la mia amica all'esterno e noto Shawn di fronte alla mia casa. È fermo, immobile e non accenna a muoversi. Mi fissa, quasi aspettasse delle parole da parte mia.

«Kimberly, ti devo parlare.» mormora, avvicinandosi a me. La mia espressione è impassibile e alquanto delusa, ma non mi lascio prendere in giro ancora una volta. Non sto bene in questo momento e soltanto vedere Shawn mi rende ulteriormente nervosa. Sono spaventata per il mio futuro con Shawn, se esisterà ovviamente, e il solo pensiero di lui assieme ad Ivy mi fa venire la pelle d'oca.

«Devo andare, Shawn. Va' da Ivy piuttosto!» esclamo in preda alla rabbia. Perché mi sento così? Shawn non ha fatto nulla di male, eppure vedere Ivy mi sta facendo impazzire.

«Io voglio te, mi manchi.» sussurra, guardandomi negli occhi.
Beth ci osserva estasiata, con le mani sopra le guance e un sorriso da ebete in faccia. Mi sta incoraggiando di andare da lui, di perdonarlo, di tornare a vivere felice con Shawn. Purtroppo, la mia coscienza non la pensa alla stessa maniera e grida di lasciarlo qui, a patire le pene dell'inferno per me, fargli provare tutto ciò che ho passato io.

«Oh, guarda. Qualcuno ti sta aspettando!» lo informo, indicando la ragazza sulla marciapiede. Si volta, per vedere di chi si tratta, ed io ne approfitto per entrare in macchina. Beth mette in moto e Shawn cerca in tutti i modi di fermarci. Dopo vari tentativi, riusciamo ad uscire dal parcheggio e percorrere la strada verso il centro della città.

«Perché non sei andata da lui?» mi chiede poi Beth. Ignoro la domanda, osservando lo specchietto retrovisore. Lei non si arrende e si lamenta della mia scarsa attenzione, del fatto che abbia la testa tra le nuvole e quant'altro. In realtà sto soltanto riflettendo sulla mia stupidità, perché l'ho lasciato nelle mani di quella strega? Forse Shawn non merita una ragazza come me, ma Ivy è completamente da scartare. Lei non ha le qualità che la fidanzata di Shawn deve possedere, è bugiarda e falsa, più falsa dei suoi capelli tinti.

«Non ne ho la più pallida idea, okay? Shawn non può essere felice con una come me, non merito il suo amore.» spiego, appoggiando la testa al sedile. La macchina è di mia madre, infatti non c'è uno strato di polvere e il vetro è lucido e trasparente. Non ho ancora la patente, non chiedetemi il perché, ma sto frequentando dei corsi. Non voglio più dipendere da Beth o da mia madre, vorrei essere autonoma e andare ovunque io voglia e quando desidero.

«Non dire una parola in più, Kim! Forse è proprio Shawn che non merita una ragazza bella e intelligente come te. Ivy è solo la stronza di turno che cerca di separarvi, ma voi siete troppo legati e non ha alcuna speranza.» esclama con enfasi. È molto determinata e convinta, per questo calca la voce e gesticola.

«Ha pure detto che vuole te. Solo te.» aggiunge, rivolgendomi un sorriso deciso. È seriamente intenzionata alla buona riuscita del suo piano, ovvero convincermi nel tornare con Shawn. Io sono ancora innamorata di lui, follemente innamorata, eppure non riesco a pensare alla sua felicità con me.

Non sono il tipo di ragazza con cui si cerca di instaurare un rapporto decente, in quanto riesco sempre a rovinare tutto. Il mio carattere riservato non aiuta affatto e la situazione peggiora se si aggiunge il mio passato turbolento e solitario.

«Ora pensiamo alle spese, per favore.» la prego, uscendo dalla macchina. Mi avvio verso il centro commerciale, sempre colorato e luminoso. Il parcheggio è quasi tutto pieno ed è un miracolo se abbiamo trovato un posto libero vicino all'entrata. Beth mi raggiunge correndo, lamentandosi del dolore ai piedi e del mal di testa, che la stressa dall'intera mattinata.

«Domani sera ci sarà un festa poco lontana dal centro. Che ne dici di andare?» chiede con il labbruccio.
Percorriamo il centro commerciale in tutta la sua lunghezza, fino a raggiungere le scale mobili. Il terzo piano è il più interessante, in quanto i negozi sono tutti adatti alle ragazze della nostra età. Non li frequento spesso, ma conosco comunque le marche di vestiti alla moda. Beth ne parla ininterrottamente e mi mostra le fotografie di ragazze famose per i loro outfit ogni volta che trova l'occasione.

«Non saprei che cosa indossare.» mi lamento, sospirando. In realtà non sono una ragazza a cui piace ubriacarsi e divertirsi in questo modo, magari baciando ragazzi completamente sconosciuti e ballando con loro. Devo ammettere che anche il ballo non è mai stato il mio forte e fin'ora non me ne sono mai vergognata. Adesso, invece, vorrei aver seguito un corso di danza, così da non fare brutta figura in eventi come questo.

«Siamo qui per questo, tesoro.» esclama, indicando i vari negozi di fronte a noi. Noto marche come Louis Vuitton, Gucci e Calvin Klein. Non entrerò mai là dentro, questo è certo.
«C'è l'imbarazzo della scelta ed io sono una ragazza molto indecisa.» borbotto e alzo le spalle, osservando le commesse camminare avanti e indietro e dando informazioni ai clienti.
Beth sbuffa e mi trascina all'interno del primo negozio cui passiamo di fronte, afferrando ogni vestito che le sembra adatto ad una ragazza come me.

A/N
Eii! La prossima settimana sarà un inferno (causa scuola😂) ma cercherò di aggiornare al più presto possibile❤
Grazie ancora di tutto x

Ti Scatterò Una Foto | Shawn MendesLeggi questa storia gratuitamente!