Capitolo 25

847 115 32
                                    

"Luhan! Ma cos'è successo?" Chiese Chen, una volta che ebbe aperto la porta di casa.
"Chen.. è-è successo un casino.." esclamò Luhan, asciugandosi una lacrima caduta e avanzando verso l'amico per abbracciarlo.

1 ora prima.

Luhan e Sehun stavano passeggiando per le strade di Seul, fin quando al più piccolo non venne fame.
Erano entrati in una gelateria.
Sehun parlava dei vari gusti che voleva scegliere, ma Luhan non lo stava ascoltando, troppo preso a fantasticare sulla bocca del più alto.

Presero posto e incominciarono a mangiare i lori gelati.
Ogni tanto si lanciavano degli sguardi, finché uno di loro non abbassava lo sguardo per l'imbarazzo.
Sehun non capiva, era come se la presenza del altro gli fosse familiare, ma infondo era impossibile, no?
Il biondo scosse la testa, ritornando a mangiare il suo amato gelato.
Luhan si sporcò con il suo stesso dolce, imprecando contro la sostanza che non andava via con il fazzoletto, facendo ghignare il minore.

"Beh, vedo che non sei abituato a sporcarti con sostanze bianche"

Luhan boccheggiò, sentendo le sue guance arrossarsi per l'imbarazzo.

"C-Cosa?"

Sehun alzò la testa, facendo scontrare i loro sguardi.

"Il gelato, non sei abituarti a sporcarti con esso, giusto?"

Il più grande fece una smorfia, guadagnandosi una risata dal altro.

"Yah! Oh Sehun! Non puoi prendermi in giro così!" Sbuffò il basso, roteando gli occhi.
"Guarda sei tu che pensi male" rise il minore.
"Tu.. Aish, vado in bagno a pulirmi! Mi sono sporcato anche i pantaloni, accidenti"
Luhan si alzò, stando attendo a coprire la parte macchiata con il pezzo di carta.
"Se vuoi posso darti una mano.."

Luhan strabuzzò gli occhi, sentendo il respiro mancare.

"N-non serve!" Sbottò alla fine, allontanandosi dal tavolo per raggiungere il bagno.

Il biondo rimase da solo, con un sorriso da ebete stampato sul viso.
Ormai aveva aggiunto 'far imbarazzare Luhan' alle cose preferite da fare.
Sehun seguì la figura di Luhan finché essa non fu completamente sparita, doveva ammettere che il maggiore aveva un bel sedere.
Si diede del pazzo quando la sua coscienza gli ricordo che quel ragazzo era il fratello della ragazza che a lui piaceva.
Hana..
Si era completamente dimenticato di lei.
Si era dimenticato di tutti.
La presenza di Luhan gli era così gradita che il suo cervello eliminò tutto il resto, come un universo parallelo che si era creato per rimanere da solo con l'altro.
Ma non poteva dimenticarsi di Hana, e così prese il suo telefono, deciso a contattarla.

Sehun:
Hey..
6:28 PM

Il tavolo vibrò, facendo saltare il minore, che solo all'ora, aveva notato il telefono di Luhan lasciato lì.

Sehun ritornò a guardare la chat, aspettando una risposta.
Che non arrivò.

Sehun:
So che sei arrabbiata con me
6:36 PM

Sehun:
Perché sei arrabbiata.. giusto?
6:38 PM

Sehun:
Ti ho detto che non era per te!
E mi dispiace che tu ti sia fatta una brutta idea su di me!
6:39 PM

Sehun:
Ok, si, perché mi conosci puoi pensare che io l'abbia fatto apposta..
MA NO!
6:39 PM

Sehun:
Ti prego rispondi!
6:39 PM

Il telefono di Luhan continuava a vibrare, facendo infastidire il biondo.

'Chi diavolo è?' Pensò, allungando il collo verso il cellulare dell'altro.
'No, no.. non posso. È la sua privacy, non posso violarla..'

Sehun:
Hana..
Dai!! Non posso sopportare questo silenzio da parte tua!
6:42 PM

Sehun:
Se non ti piace il mio cazzo basta eliminare la foto! Anche se in questo caso dovresti andare da un oculista, uno bravo
6:42 PM

Sehun:
Hana!!
6:43 PM

Sehun:
Che merda, RISPONDI
6:44 PM

Sehun guardò il telefono di Luhan con odio, chi poteva essere la persona che stava mandando così tanti messaggi al più grande?
La curiosità era troppa, talmente tanta da costringere il minore a prendere il telefono dell'altro senza permesso.

Si sentiva un grande peso sullo stomaco.
Si sarebbe sentito in colpa una volta letti i messaggi, ma se non lo avrebbe fatto sarebbe rimasto con il dubbio.

'E se fosse il suo fidanzato che lo contatta?'

La sensazione allo stomaco si ingrandì, facendo sospirare Sehun, che finalmente, sbloccò il telefono.

[...]

Lasciare per la prima volta le mie lettrici in sospeso? Fatto
Far in mondo che le mie lettrici avviano il piano dei coltelli del Ikea per uccidermi? In corso.
Manca poco. ☻

The Girl. Dove le storie prendono vita. Scoprilo ora