L'Orefice ed i bicchieri

134 9 0


Alla fine il giorno era arrivato. Nel pomeriggio del 22 giugno 1940, partirono alla volta di Lodi. Il commissario Segugio, il professor Bardazzi, e l'autista idiota della Balilla nera dell'OVRA.

Prima di quella trasferta, Bardazzi si era recato più volte al Gatto Nero, la sua locanda preferita. Con la bella stagione, gli abiti indossati dalla graziosa figlia dell'oste erano divenuti più leggeri. Le gonne un po' più corte terminavano poco sopra le ginocchia e lasciavano scoperte e ben in vista le caviglie. Al professore piacevano le caviglie fini e sottili, pensava che una bella caviglia fosse importante almeno quanto delle belle gambe. Le gambe piacevano di più, come recitava il ritornello della canzone del 1938 cantata dal tenore Enzo Aita e dal Trio Lescano, ma era anche vero che in fatto di donne il professore aveva i suoi gusti particolari.

E per la giovanissima Marianna nutriva una passione inconfessata ed inconfessabile. Riteneva che fosse la ragazza più bella del suo quartiere, e non era sicuro se tutte le volte che gli era sembrata anche la più bella del mondo glielo avesse detto o lo avesse solo pensato. Poiché questo succedeva in genere dopo il terzo fiasco di vino, tutto era possibile. Il fatto che l'oste non lo avesse ancora picchiato, gli faceva però sospettare che sino ad allora si fosse attenuto ai soli pensieri. Eppure lui era certo che la fanciulla conoscesse il suo segreto. Sapeva come far capire ad una donna il suo desiderio con un solo sguardo. Ricordava di aver visto Marianna arrossire almeno un paio di volte dopo aver incrociato uno di quei suoi sguardi, e questo per il momento gli bastava. In futuro avrebbe trovato il coraggio di farsi avanti e di sedurla, ma a quell'altezza di tempo era distratto da altri pensieri e si accontentava di fantasticare attorno alle sensuali caviglie della giovane.

L'appuntamento con Metrofane Prassede era stato fissato per la sera, in una fiaschetteria vicina al centro della cittadina, dietro la cattedrale. Arrivarono a destinazione dopo un bagno di caldo. L'estate era appena iniziata e la pianura padana era già coperta da una cappa di umidità e arsura. Il cielo era terso e non si muoveva una foglia, tutto era fermo, come fosse stato fissato in una fotografia.

Segugio e Bardazzi furono ricevuti senza convenevoli dal proprietario della fiaschetteria, verso l'orario di chiusura. Era un vecchietto simpatico, con le labbra permanentemente stirate in una smorfia beffarda, lunghi capelli bianchi e due occhietti furbi, oppure folli, o forse entrambe le cose.

Il vecchietto li condusse nel retrobottega dove era stato ricavato un cucinotto. Il signor Prassede era in piedi dietro ad un tavolo e stava disossando un grosso prosciutto. Il suo volto paffuto era coperto da un paio di baffetti neri, gli occhi erano svegli, ma uno era più grande dell'altro ed erano di colori diversi: verde-grigio quello piccolo, color ambra quello più grande. Le sue dita erano piccole, ma le muoveva con perizia. Di mestiere faceva l'orafo, e sapeva bene dove mettere le mani.

"Mi sembra che non sia ancora abbastanza stagionato" disse il vecchietto in dialetto, toccando il prosciutto e guardando Prassede con quel ghigno da schiaffi stampato in faccia.

"Prova un poco a ficcartelo nel culo, e vediamo se non è abbastanza duro" gli rispose l'orefice, mentre affettava la coscia del maiale adagiata sul tagliere.

Alla sua destra sedeva un omone con una gamba di legno, i capelli grigi, la fronte larga, le labbra fini e il naso carnoso. Alla sua sinistra due ragazzotti che a quelle parole si piegarono a ridere sotto al tavolo con le lacrime agli occhi.

Sembrava che nessuno avesse fatto caso all'arrivo dei due investigatori. Così Segugio si innervosì di nuovo e molto. Dal suo punto di vista, per il solo fatto di indossare la divisa della milizia, la gente avrebbe dovuto portargli rispetto. Le ragioni per cui si trovava lì quella sera conferivano anche maggiore importanza alla sua autorità, e la maniera scanzonata con cui era stato accolto lo mise subito di pessimo umore.

Mussolini e i 3 libri esotericiLeggi questa storia gratuitamente!