Capitolo XX - parte I

8.7K 237 16

Oops! Questa immagine non segue le nostre linee guida sui contenuti. Per continuare la pubblicazione, provare a rimuoverlo o caricare un altro.

Erano tante le cose che Nicholas avrebbe voluto dirle ma era perfettamente conscio che una volta vuotato il sacco l'avrebbe persa per sempre e probabilmente quello poteva essere il loro ultimo incontro

Oops! Questa immagine non segue le nostre linee guida sui contenuti. Per continuare la pubblicazione, provare a rimuoverlo o caricare un altro.

Erano tante le cose che Nicholas avrebbe voluto dirle ma era perfettamente conscio che una volta vuotato il sacco l'avrebbe persa per sempre e probabilmente quello poteva essere il loro ultimo incontro.

Sospirò sulle sue labbra prima di baciarla, non meritava quel bacio ma in quel momento non gli importò, non avrebbe avuto altre occasioni per fare l'amore con lei indipendentemente dalla natura del loro rapporto.

Avrebbe dovuto provare disgusto nell'assaporare quelle labbra che con molta probabilità erano state anche di quell'Adam? Si avrebbe dovuto, ma non ci riuscì perché una parte di lui era convinta che per quanto passionali o spinti, i baci del dottor Swartz non sarebbero stati uguali ai suoi per il semplice motivo che Adam non provava ciò che provava lui.

Lambì delicatamente la fessura di quella bocca morbida quasi a chiederle il permesso di approfondire quel contatto, le mani salirono delicatamente sulla sua vita ma il corpo di Danielle non si mosse e una parte di sé sperò che fosse perché lui non aveva ancora dato il permesso di toccarlo e non perché non volesse lasciarsi andare a quel contatto. Ci aveva visto giusto perché qualche istante dopo le labbra della donna si schiusero e accolsero la sua lingua, piegò la testa da un lato e la sentì fremere di desiderio.

- Hai davvero un bel coraggio. – ammise lui quando si staccò da lei e per un attimo Danielle lo guardò confusa.

- Quindi, cara Danielle, spero che ti sia preparata psicologicamente perché ho intenzioni di rimetterti in riga. – continuò senza darle il tempo di replicare.

- Sono nelle tue mani, mio signore. – disse lei come un automa. Avrebbe voluto arrabbiarsi e dirgli di lasciarla in pace, di lasciare che lei si costruisse una vita con Adam o chiunque altro, ma si ritrovò ancora una volta inerme e impotente nelle sue grinfie ma viva più che mai.

Le mani dell'uomo risalirono velocemente alla ricerca della cerniera del suo abito e non ci volle molto per tirare giù la zip e lasciarla in lingerie.

Nicholas la trascinò piano vicino alla finestra per vederla meglio, era semplicemente stupenda e sotto l'abito indossava ben poco, lo aveva immaginato.

Vizio Di FormaLeggi questa storia gratuitamente!