Capitolo 3

1.3K 114 15

Pov's Emily

Era tutto cosí bello.

Era cosí bello restare ancora tra le sue braccia,sentire di nuovo il suo inconfondibile profumo e rimanere qui nel suo letto,mentre dorme russando leggermente.

Le labbra rosse,la pelle pallida e i capelli verdi...
Tutto mi è mancato di lui.

È notte.

C'è solo la luna ad illuminarmi il suo viso.E io lo guardo ammirata,perchè non avevo mai provato in vita mia ció che provo per lui.
Qualcosa di forte e che ci unisce cosí tanto.
Ricordo ancora la prima volta che ci siamo incontrati,come dimenticarsela?

Ero cosí ingenua ed innocente.
Il solo ricordo di essere cosí,mi fa quasi vomitare.
E lui è stato a cambiarmi,a riuscire a trovare la vera me,quella che doveva uscire prima o poi.
Accarezzo la sua guancia,graffiandolo leggermente con le mie unghie pitturate di rosso,mentre sorrido.

All'improvviso sento una mano che mi afferra il fianco e mi fa girare sotto di lui.
Ride leggermente,premendomi entrambi i polsi ai lati della mia testa.
Sghignazza divertito e io lo guardo impassibile.
"Che c'è tesorino?
Hai voglia di divertirti?"
Annuisco facendogli l'occhiolino mentre lui si avvicina al mio collo e inizia a baciarlo e morderlo con violenza ma è altrettanto piacevole,nonostante il dolore.

I suoi denti graffiano la mia pelle,mentre io faccio lo stesso solamente con le mie unghie sulla sua schiena pallida e illuminata dalla luna.
Si stacca dopo un po' e sento il sangue risalire in superficie,e so già che quello non sarà l'unico segno nel mio corpo.

Il giorno dopo...

Wow.
Neanche mi fossi buttata dal quarto piano di un palazzo.
Il mio riflesso sullo specchio mostra una me in piedi con morsi e succhiotti ovunque.
Collo,spalle,petto,pancia,coscie.

Sorrido perchè li amo da impazzire.
Mentre mi dirigo verso la cucina mi ricordo che Joker è andato via di mattina presto perchè doveva risolvere un'altra delle sue odiose questioni.
Cosí dopo aver bevuto un bel po' di caffè,la mia bevanda preferita,mi vesto ed esco anche io,portandomi dietro la mia amata pistola.

Ho voglia di fare casino,oggi.
Ma devo stare attenta e prudente,perchè non voglio finire ancora in quella cella di merda.

È stato orribile,lí mi sentivo cosí sola e abbandonata.
Inoltre tutti erano antipatici.

Mentre rifletto a cosa ho passato,mi avvio in un vialetto stretto e buio.
I miei tacchi fanno rumore sull'asfalto e la pistola gira tra le mie dita.

Vedo un uomo in lontanaza,in giacca e cravatta,con una valigetta in mano,quando mi sta per passare accanto,punto la pistola sulla sua testa e sparo.

Cade a terra,tramortito e gli rubo la valigetta e il portafogli,poi mi avvicino al suo orecchio.
"Era da tanto che non uccidevo,mi è mancato cosí tanto."Sussurro per poi continuare a camminare lungo la via.

"Ferma lí dove sei,Rose."
Quella voce.
La riconosco.
Mi volto.

Katherine.

"Bene,bene,bene...
Ci incontriamo di nuovo,amica mia"
Dico avvicinandomi di qualche passo,sorridendo.

"Tu vuoi proprio morire,prima o poi"
La guardo dritto negli occhi.

"Bhè,forse quella che va sempre incontro alla morte, sei tu.
Proprio come adesso."
È seria e la sua divisa da guardia,le sta proprio male.

"Oh andiamo Kate,sai perfettamente anche tu che posso batterti senza alcun sforzo."
Alzo gli occhi al cielo e sbuffo per poi sorridere di nuovo.

"Infatti non saró io quella con cui dovrai combattere,ma loro."
Indica dietro di sè.
E li vedo.

Vedo i membri della Suicide Squad.

***
Buongiorno!💘

Sono in ritardo,sí,lo so benissimo e vi chiedo davvero scusa.
Comunque come sempre spero che vi piaccia,un bacio!

➡Instagram: alteaoxa01
➡Snapchat: Altea57

The Joker 2Leggi questa storia gratuitamente!