Capitolo 26

4.1K 288 143

Vi succede mai di sognarvi cose che sapete che tanto non succederanno mai ma che alla fine accadono?
Come l'elezione di Trump, l'interrogazione a sorpresa, la morte di Allison, l'adozione di Helena?

È la stessa cosa che sta accadendo ora, solo che in chiave un po' più, diciamo, drammatica rispetto a quella che mi ero immaginata.

"lei non può entrare" sento la voce dell'infermiere e subito apro gli occhi venendo accecata.

"le devo solo parlare" la voce di Shawn mi arriva alle orecchie chiara e tonda, anche se un po' sbiascicata.

"non nel suo stato, torni quando sarà più limp-"

"io faccio quel cazzo che voglio" tuono  svegliandomi completamente.

Mi metto a sedere ed apro gli occhi incontrando i suoi, sono lucidi e gonfi con delle borse molto notevoli sotto di essi, appoggia una mano al muro come per sostenersi e non appena fa un passo verso di me rischia di cadere a terra.

"signore se n-"

"può restare" sorrido dolcemente all'infermiere che alza le spalle e borbottando esce dalla porta.

"che ore sono?" chiedo più a me stessa che a lui non volendo tirare fuori il discorso di Lily e altre cose futili.
Sblocco il cellulare: undici e mezza di sera.

Non appena rialzo gli occhi vedo Shawn che continua a fissarmi.

"io le avevo detto di non toccarti merda!" urla ad un certo punto scaraventando dall'altra parte della stanza una sedia.

Prendo paura e mi rannicchio sempre di più sotto le coperte.

"stai calmo Shawn per favore" sussurro, si gira verso di me e mi guarda.

Uno scambio di sguardi in cui non ci capisco un cazzo, non perchè sia pieno di passione o cosa solo che io sono spaventatissima e legata a tremila fili senza via di fuga mentre lui è ubriaco marcio e probabilmente ancora più instabile del solito.

"mi dispiace io non volevo" borbotta avvicinandosi a me barcollando.

"Shawn hai bevuto per favore non ne possiamo parlare un'altra volta?" sussurro gentilmente.

" no Miley non c'è tempo da perde-"

"cosa ci fai tu qui?" alle sue spalle spunta Cameron perfettamente lucido e abbastanza incazzato.

"stavo giocando a briscola!" risponde Shawn perdendo per un attimo l'equilibrio.

"esci subito da qua" ringhia Cameron mettendosi perfettamente davanti a lui, Shawn scoppia a ridere e io mi sbatto la mano libera sulla fronte. Possibile che mi piaccia una persona così stupida?

Ad un certo punto Cam prende sotto braccio il diciottenne e lo trascina fuori mentre quest'ultimo si divincola senza peró riuscire a fare niente.

Mi agito sul letto non riuscendo ad alzarmi mentre vedo i due che continuano a spintonarsi in corridoio.

Faccio per alzarmi ma non appena appoggio i piedi per terra sento una fitta alla gamba destra, con tutte le mie forze mi tiro sù. Sto per urlare quando vedo tutto nero.

Shawn's Pov

È da quando mi hanno cacciato via dall'ospedale che sono seduto sul davanzale della camera guardando fuori.

Quanto sono stato stupido ad innamorarmi di Miley e coinvolgerla in tutto questo, ma soprattutto essere entrato da sbronzo alle tre di notte nella sua camera di ospedale e facendola ripiombare in uno stato quasi catalittico.

Sospiro per riuscire a calmarmi, manca solo una settimana e dopo sarò libero.

Per ora non ho fatto niente per cui sia il caso di risbattermi in cella ma ho la paura costante di cosa deciderò quel fatidico 1 Novembre.
Avrò il coraggio di rimanere al suo fianco nonostante non ne siamo più obbligati? Tornerò nell'oblio da cui sono venuto?

Miley's Pov

Bip, bip.

Cerco di aprire gli occhi ma la solita luce li colpice facendomeli chiudere di scatto.

"buongiorno fiorellino" ridacchia Cam appoggiando la sua mano sulla mia coscia coperta dal lenzuolo bianco che puzza di ospedale.

"oh fanculo" borbotto togliendo la sua mano e mettendo la faccia contro il cuscino.

Lo sento ridere mentre la sua mano mi accarezza i capelli.

"Cam cosa è successo?" chiedo con la voce assonnata guardandolo negli occhi.

"oh niente sei svenuta per una man-"

"lo sai che non intendo questo" lo blocco.

"il coglione era entrato ubriaco e avevo paura che potesse farti male dato che ho visto volare una sedia" ringhia.

"eri ancora qui?" chiedo cercando di cacciare indietro le lacrime che vogliono uscire, perchè Shawn non può rendere le cose piú facili?
Perchè deve sempre fare la scelta sbagliata?
Perchè non può essere rimasto lui qua tutta la notte?

"esatto" mi sorride dolcemente Cam.

"ti ringrazio"sussurro spostando gli occhi dai suoi.

"e di cosa?" sussurra al mio orecchio. Solo ora noto come si è avvicinato velocemente a me, sento il profumo di menta che esce dalle sue labbra così perfette contornate da un piccolo anellino.

"di aver-"

Non riesco a finire la frase che le sue labbra sono premute sulle mie, metto a fuoco prima la sua immagine e poi quella del ragazzo dietro di lui.

È in piedi sulla soglia con in mano un mazzo di rose bianche, è vestito in maniera impeccabile poi arrivo finalmente alla sua faccia.

Gli occhi sono spalancati, la bocca è chiusa in una linea sottile, il mazzo di fiori ora é per terra. Rialzo lo sguardo e lui è sparito.

Cameron finalmente si stacca e noto solo ora che ha un sorrisetto soddisfatto sul volto.

"tu" ringhio attaccandomi alla parete.

"tu lo sapevi"continuo trattenendo le lacrime.

"non potrete mai essere felici Miley"

OKAY SORRI PER IL RITARDO MA DAVVERO QUESTA SETTIMANA NON HO AVUTO UN SECONDO LIBERO TRA PALLAVOLO 6 GIORNI LA SETTIMANA, STUDIO E VARIE ALTRE COSE.

sto anche litigando un sacco con la mia famiglia in questo periodo e mi fa stare abbastanza male.

siamo quasi alla fine e ho giá scritto il capitolo finale, mi manca solo l'epilogo ma lo voglio fare mooooolto originale quindi boh.

love u ( vi ricordo che su twitter mi chiamo Lukezzata per qualunque cosa)

Prisoner || Shawn MendesLeggi questa storia gratuitamente!