Capitolo 25

4K 293 78

Scalcio sassolini qua e là maledendomi mentalmente per aver scelto di andare a scuola a piedi, al freddo e di lunedì mattina.

Non potevo fare finta di non aver sentito niente? No! Dovevo assolutamente fare la ragazza incazzata di turno.

"fanculo" sbotto calciando un sasso un po' più grande del solito.

Cammino un altro po' fino a quando non sento dei passi dietro di me troppo vicini per i miei gusti, aumento il passo ma questi continuano a seguirmi.

Non è proprio giornata amico.

Mi giro di scatto "senti amico non è giornata quindi o la smetti o-"

"ciao Miley" ridacchia Lily che ora è a meno di un metro di distanza da me.

"oh ciao" sbuffo alzando gli occhi al cileo "che vuoi?"

"devi venire con me, ora" ringhia cambiando drasticamente umore in meno di dieci secondi facendomi spaventare.

"no, devi and-"

"se non sali in quella cazzo di macchina" ringhia indicandomi con la testa una Mercedes dall'altra parte della strada "ti faccio saltare in aria quella testa vuota che ti ritrovi" continua aprendo di un po' il suo Bomber color militare facendomi intravedere una pistola con la canna che punta dritta dritta alla mia fronte.

Come iniziare meglio un lunedì mattina insomma.

Ingoio il litro di saliva che mi si era formato in gola e mi lascio trascinare verso la macchina.

Stai tranquilla Miley, qualcuno ti verrá a salvare, non ti preoccupare.

Improvvisamente sento uno strano odore che penetra le mie narici ed in meno di cinque secondi sono distesa senza sensi sul retro di una macchina guidata dalla fidanzata del ragazzo che mi piace non che entrambi ex-criminali e psicopatici.

Ma quella volta non potevo nascere in una famiglia di postini?

Shawn's Pov

"cazzo rispondi" borbotto iniziando a correre per tutte le vie vicine alla scuola e a casa sperando di vederle.

È la sedicesima volta che cerco di chiamare quella bastarda, mi aveva promesso che non l'avrebbe toccata, mai.

Non ho idea di che cosa le possa fare e nemmeno perchè, ma so per certo che non sará niente di normale e piacevole.

Improvvisamente il cellulare mi squilla in tasca, subito lo prendo con foga sperando di leggere il suo nome ma nulla da fare.

" che cazzo vuoi Cameron" ringhio.

"ciao anche a te bimbo" ridacchia facendomi saltare i nervi tutti in una volta.

"cosa vuoi" continuo.

"dov'è Miley? Non c'è a scuola e al cellulare non risponde" mi dice freddo.

Sospiro, se glielo dicessi magari potrebbe aiutarmi a cercarla.

"Lily" sussurro passandomi una mano tra i capelli esasperato.

"la tua fidanzatina? E che cazzo Mendes!"

"senti non è colpa mia" urlo spingendolo e facendolo barcollare.
Non appena riprende l'equilibrio vedo come i suoi occhi mi stiano fulminando.

"vado a cercarla" borbotto lasciandolo in mezzo al marciapiede iniziando a camminare verso la parte opposta.

Miley's Pov

Non ho la minima idea di che ore siano, so solamente che ho molto mal di testa e anche abbastanza freddo.

Prisoner || Shawn MendesLeggi questa storia gratuitamente!