Il compleanno di Allyson

2K 81 1

Tre giorni mancavano al compleanno di Allyson.
Come passa il tempo, pensò sua madre mentre si stava cambiando per andare al lavoro.
-Fra tre giorni fai 29 anni piccola mia!
-Mamma non me lo ricordare va.
-Ma guarda che sono gli anni più belli, hai incontrato pure un ragazzo; spero soltanto non ti dia delle disgrazie e poi mi devi dire cosa vorresti ricevere come regalo.
-Non voglio niente, non ti preoccupare per me, e poi Jared mi sembra tanto dolce con me, poi si vedrà quel che succederà.
-Comunque riguardo alla proposta... Non ci buttare la testa, pensaci con calma anzi perche oggi non vai con lui a vedere la casa? Mi fate qualche foto cosi almeno vedo un po com'è fatta.
-Va bene andiamo oggi però, ora ho una fame da lupo voglio mangiare un bue intero.
-Allyson ultimamente questa settimana hai sempre fame hahaha.
-Lasciami mangiare ahahahah e vai a lavoro va.
Ashley bacia sua figlia sulla guancia e va via.
Allyson si prepara una bella tazza di latte con 5/6 biscotti, 1 croissant alla nutella, una spremuta di arancia e 2 fette biscottate.
Mangia tutto in fretta e poi corre a lavarsi, oggi va a vedere la casa con Jared.

Bussa alla porta di Jared con molta ansia, lui le apre la porta e la saluta con un bacio.
-Buongiorno, amore mio.
-Buongiorno! Andiamo a vedere la casa, sei pronto?
-Prontissimo fammi mettere le scarpe, entra.
Chiude la porta e si siede su una sedia.
Lui era vestito normale come sempre, un jeans e una camicia blu, e le nike bianco e nere.
I capelli erano sempre perfetti, lui era perfetto per lei.. Un uomo capace che la facesse svegliare dalle tenebre lo aveva trovato, e forse lo stava anche perdendo.
Lui finì di aggiustarsi i capelli poi prese le chiavi della sua macchina e le infilò in tasca.
-Andiamo, disse lui.
-Si.

Uscirono dall'albergo, nel parcheggio c'era la sua macchina, la Ford fiesta rossa fuoco acceso.

Arrivati alla casa al mare, ad accoglierli era un dipendente dell'albergo, Charles Vuitton, uomo di 50 anni, alto moro occhi azzurri, in pratica un bell'uomo per la sua età, si manteneva bene.

-Buongiorno signori, benvenuti, avrete già notato il mare vero? Che bellezza unica è Brighton?
-Buongiorno, si si e bellissima la vista, davvero fantastica disse lui, stringendo con dolcezza la mano di Allyson che pareva rimanere silenziosa e ansiosa.
-Eh, eh si molto bella, rispose Allyson.
-Prego, venite pure, questo è il salotto, molto bello eh? Il tavolino di vetro rende la sala ancora piu bella, con il tappeto in pelle e i divani molto comodi, ecopelle! Quello invece è un mobile a vetrata, qui invece c'è la cucina è molto spaziosa e stanno due fornelli e due forni.
Andando sempre dritto troviamo il bagno, piccolino con vasca e doccia in marmo, qui poi stanno due stanze da letto molto grandi come vedete.
Se preferite farvi un giro fate pure, io sono qua fuori.

Allyson era meravigliata, le piaceva molto quella casa, aveva cambiato idea subito anche se questo non voleva dire però lasciare Jared ....

-Faccio qualche foto per mia madre e poi possiamo andare.
-Va bene, comunque mi piace molto anche perche c'è vista mare!
-Mi scusi noi abbiamo finito, le facciamo sapere comunque, disse Jared a Charles.
-Va benissimo! Allora è stato un piacere, arrivederci!

I due stavano tornando al parcheggio auto quando Allyson cadde per terra.
-Qualcuno mi aiuti! La mia ragazza sta male! Gridò Jared a squarciagola pregando che qualcuno lo sentisse, mentre lui cercava invano di farla riprendere.
Da lontano arrivò il receptionist e un altro uomo, sarà stato un cliente.
Chiamarono l'ambulanza e la portarono in ospedale.

Amore improvvisoDove le storie prendono vita. Scoprilo ora