Capitolo 12

5.3K 339 92

Lo guardo storto quando torna in camera da letto, non la smette di guardare il cellulare e sorridere.

"cosa stai leggendo?" chiedo, non mi importa di cosa penserà di me. Questa Lily magari è la sua fidanzata e io sono solo l'intruso. Non ho mai ricevuto ripercursioni in amore, forse perché non mi sono mai innamorata ne mai nessuno si è mai innamorato di me. Dio non pensiate che sia innamorata di quel pazzo per carità, ma penso che stando così vicini io abbia maturato un senso di di fratellanza. Si, proprio fratellanza.

"è Lily?" continuo dato che non mi caga di striscio.

"cosa?No, mi si sono rinnovati i giga di internet" dice continuando a sorriedere e io rimango basita: passa dall'essere un mezzo filososfo a essere il primo tra i nati dal culo.

Domenica.

La cosa che più odio di tutta la mia vita. E' troppo lontana dal venerdì sera e ataccata al lunedì mattina.

Per tutto il giorno mi trascino per casa non sapendo cosa fare anche perché la maggior parte delle volte mia mamma mi chiude il wi-fi dicendo che non mi fa bene. I miei amici sono ancora caput dal sabato sera e dal venerdì precedente. Di fare i compiti non ci pernso minimamente quindi eccomi qua, sdraiata sul divano a mezzogiorno inoltrato con ancora il mio bellissimo pigiama addosso.

Shawn è appena uscito perchè ha detto che aveva delle faccende da sbrigare mentre tutto il resto della mia famiglia si è svegliata alle sette per andare ad un mega torneo di hockey di mio fratello.

Il cellulare alla mia destra vibra proprio quando trovo America's Next Top Model del 2011. Lo prendo svogliatamente e scorro il dito sullo schermo con estrema lentezza.

Cameron Dallas: hai qualcosa da fare questo pomeriggio?

Roteo gli occhi al cielo, questo ragazzo è peggio di mia madre quando quella volta le ho detto che avevo una verifica importante il mese seguente. Era insopportabile: ogni volta che mi vedeva diceva "ma perchè non stai studiando?" "quest'anno ti bocciano!" " se non porti a casa almeno una C non vedi più il tuo cellulare!" e così via.

you: si devo studiare

Cameron Dallas: tu studi?

Cameron Dallas: tu sai leggere?

you : ah ah ah molto divertente, ciao Cameron.

Blocco il cellulare e lo lancio sulla poltrona quando il campanello inizia a trillare. Sbuffando raggiungo la porta e trascinando i piedi, la apro e sbarro gli occhi.

"cosa ci fai qua?!"urlo per la sorpresa.

Mi sorpassa e molto tranquillamente si sdraia su quello che dovrebbe essere il mio divano. Lo guardo ancora in piedi davanti alla porta d'ingresso con le braccia incrociate e il sopracciglio alzato.

"dato che avevi impegni per oggi pomeriggio sono venuto qua prima" mi risponde addentando un pezzo di barretta di riso soffiato al cioccolato che avevo lasciato sul tavolo.

"senti Cameron non ho idea di come tu ti sia improvvisamente interessato a me e sinceramente non mi interessa, quindi prima che tornino i miei è meglio che tu te ne vada"

Si mette a sedere e gira la testa a destra così che i nostri occhi riescano ad incrociarsi.

" i tuoi genitori sono ad un concentramento di hockey e Shawn invece è con una biondina, quindi" inizia imitando la mia voce "posso benissimo rimanere qua".

Lo incenerisco con lo sguardo e lui di rimando mi mostra un ghigno per niente simpatico, anzi, abbastanza pauroso.

"Shawn è con una bionda?" chiedo ritornando sulla terra, che sia la famosa Lily? Annuisce distratto per poi rispondermi che gli aveva visti quando stava venendo qua.

"ah" riesco a dire, il mio istinto di fratellanza mi dice che non è nulla di buono.

"ti va di andare in un posto?" chiede alzandosi dal divano e passandosi più volte le mani sui pantaloni.

"mh, dove?" chiedo allontanandomi un po' da lui che sta camminando verso di me. 

"sorpresa, ma forse è meglio che ti cambi" ridacchia toccando il mio bellissimo pigiama rosa.

Annuisco incerta e salgo su per le scale correndo, infilo un paio di sknny neri strappati sul ginocchio, la maglietta enorme della Vans e le scarpe dell'omonima marca.

Lo raggiungo di sotto e noto che sta continuando a guardarsi attorno divertito.

"cosa guardi?" chiedo mentre prendo la giacca in jeans messa sopra ad una sedia.

"è strano pensare che in questa casa ci abiti un assassino" ribatte acido con una risatina forzata che mi fa gelare il sangue nelle vene. Shawn mi aveva detto che lui sapeva per cui non c'è nessun problema, spero.

"sprizza gioia e amore da tutti i pori" continua e quando rialzo lo sguardo noto che si è avvicinato velocemente a me "soprattutto bellezza" mi sussurra all'orecchio.
Mi allontano subito facendofinta di avere un attacco improvviso di tosse che lo fa ridaccchiare e abbassare lo sguardo.

"mh, Cameron non mi sento tanto bene forse è meglio ch-"

"no" dice in modo tanto autoritario che secondo me le pareti hanno vibrato. Mi zittisco all'istante.

"cioè" sospira passandosi una mano tra i capelli con fare nervoso e addolcendo il tono "per favore".

"va bene" sospiro. Spero solo che il posto dove stiamo andando non sia isolato dal resto del mondo.

"seriamente Cameron?" inizio a dire guardando in alto.

"ci divertiremo" ridacchia prima di prendermi la mano e trascinarmi verso il portone centrale.

Ci avviciniamo al bancone delle scarpe e poi ci avviamo invece verso la pista dove corrono senza sosta almeno una decina di palle.

So che prima della fine del pomeriggio avrò ucciso qualcuno, o per lo meno spaccato qualcosa.

Appena metto il piede sulla lastra di parquet chiaro che ricopre le piste da booling scivolo con un piede e vado a sbattere contro un gruppi di ragazzine che si stavano facendo un musical.ly. Beh dai sono sempre meglio di Shawn!

Balbetto delle scuse e continuo a camminare con la mano di Cam sulla schiena che mi tiene in equilibrio.

"non ci credo" borbotta stupefatto Cameron non appena ci sbattono fuori dall'edificio. Io mi limito ad abbassare la testa abbastanza in soggezione.

"ma come cazzo hai fatto a rompere una lampada attaccata al soffito!" sbotta. Io alzo le spalle, in realtá mi si erano incastrate le dita sui buchi e per toglierle ho sforzato il lancio...

" e come hai fatto a beccare in testa quella vecchia!" continua.

"è lei che si è messa nella mia traiettoria di lancio" mi difendo.

"Miley era dietro di te!"

Dettagli.

SONO STRA IN RITARDO LO SO MA HO UNA VITA DI ROBE DA STUDIARE .
Cam sta diventando sempre più presente e dal prossimo capitolo saprete chi e cosa è Lily per Shawn!

Detto questo vado a pallavolo adios
ah e si, una volta ho rotto la lampada sopra la mia testa in un boomerang, brutti ricordi.

Prisoner || Shawn MendesLeggi questa storia gratuitamente!