Capitolo 10

6.5K 360 137

La ragazza sono io in tutte le foto di classe/gruppo. Che vitademmerda.

Non sono mai stata una persona vendicativa, ma la cosa brutta è che non dimentico. Possono passare anni, mesi, giorni e io mi ricorderò quello che mi hanno detto o fatto. Non glielo farò pesare perché forse è la mia natura,o non so ma sicuramente me la ricorderò.

Intanto ignoro, e in questo caso, sto ignorando tutto quello che succede intorno a me.

Saranno dieci minuti scarsi che sto camminando stretta sulle mie spalle a causa del freddo pungente di fine estate. Potrei chiamare uno dei quattro dei miei miei amici ma non voglio disturbarli e poi rischierei più la vita in una macchina con loro che a passeggiare da sola.

Alla mia destra sento il rumore di una macchina che sta iniziando a rallentare, guardo di sottecchi e riconosco subito la BMW di Cameron, quindi aumento il passo.

Improvvisamente sento che qualcuno mi prende per il polso delicatamente, non riesco a girarmi: sono troppo impegnata a ripassare mentalmente tutte le regole che mio padre mi aveva insegnato alla tenere età di cinque anni. Diciamo che mi ricordo solo il calcio nel basso ventre, ma è molto più efficace di tutte quante messe insieme.

"Miley ti prego, torna a casa con me" riconosco in meno di un secondo la voce bassa e roca di Shawn, sta tremando per cui deve essere abbastanza nervoso.

Mi giro lentamente ed i nostri sguardi si incatenano, mi sforzo con tutta me stessa per mantenere un'espressione seria e fortunatamente ci riesco. Mi allontano da lui lentamente e salgo in macchina nel sedile del passeggero. Non appena entra si sofferma a guardarmi. Lo vedo anche se sto continuando a guardare davanti a me, e sento come se qualcosa dentro di me si stesse sciogliendo. Non ho idea di cosa sia ma la sensazione è più o meno quella. In men che non si dica gli do le spalle e mi lascio andare ad un sospiro guardando fuori dal finestrino.

"stai tremando" sussurra mentre mette in moto, io non gli do retta e continuo imperterrita a dargli schiena. Sento un calore improvviso sulla schiena, mi scanso velocemente lasciando la sua mano a mezzaria, forse non ha capito che sono ancora incazzata con lui. Lo sento sospurare mentre le case sfrecciano davanti a me ad una velocitá incredibile.

Arriviamo davanti a casa e io scendo velocemente non preoccupandomi minimamente del ragazzo.

"vado a ridare la macchina a Cameron" mi urla mentre sto tirando fuori le chiavi di casa cosí che non debba svegliare nessuno. Lo ignoro completamente e chiudo la porta alle mie spalle mentre lui è ancora in piedi sul marciapiede.

Salgo le scale velocemente, mi cambio mettendomi un paio di pantaloni lunghi ed una maglietta a mezze maniche per poi buttarmi sul letto a fissare il soffitto.

"stai dormendo?" lo sento a meno di mezzo centimetro dal mio viso, ho capito che sei alto ma non approfittarne! Lo ignoro e mi giro dandogli le spalle.

"mi spiace Miley, davvero" continua. Non sono mai stata una di quelle persone che accettano le scuse subito, ho sempre l'impressione che non siano sincere. Come se, in qualche modo, fosse il mezzo giusto per togliersi un peso subito.


Mi alzo quanto qualcuno inzia a sussurrarmi qualcosa all'orecchio che interpreto come "c'è un maiale fuori dalla finestra svegliati". Apro lentamente gli occhi e noto che sono sul letto di Shawn, non ho idea di come ci sono arrivata ma questa cosa non mi piace per niente. Metto meglio a fuoco e trovo il ragazzo in questione davanti a me in ginocchio con in mano un vassoio pieno di cose pronte per farmi ingrassare.
Lo guardo storto, magari sono avvelenate o ha sputato dentro al succo di mirtilli.
Mi sorrido felice mentre mi metto a sedere e mi stiracchio in modo poco femminile.

"sono per te" mi dice quando si siede al mio fianco,lo sguardo di spiego. Lo so, non sono stupida.

Prendo una brioche e ne metto metá in bocca sotto la sua faccia scioccata. O dio è con la Nutella!

"Miley non volevo dire quelle cose ieri sera è solo che, non so -" lo blocco mettendogli una mano davanti alla bocca mentre con l'altra mi caccio in bocca l'ultimo pezzo di brioche. Poi la toglo di nuovo, io mentre mangio non riesco a collegare completamente il cervello quindi è meglio se non parli.
Gli faccio segno con la testa di continuare.

"dicevo" si schiarisce la voce "tu non sei una puttana, anzi sei proprio il contrario! Sei stronza e per niente sensuale" ridacchia mentre io sono pronta per tirargli un pugno e rompergli il naso.

"ho sbagliato lo ammetto. Ma quando Cameron si è avvicinato non ci ho visto più" il mio cuore fa una capriola e il respiro mi si mozza in gola. È geloso!

"lui non ha per niente una buona nomea e se finissi nei casini tua madre mi ucciderebbe" ah ecco.

Mi accascio contro il muro e prendo un respiro profondo " okay ti perdono".
La voce mi esce come un soffio e quindi me ne pento subito dopo, spero solo che non lo abbia sentito.
Un calore improvviso sotto il mento mi fa alzare gli occhi, ora siamo faccia a faccia.
Lentamente si avvicina mentre io rimango immobile, non ho idea di cosa devo fare.
Poi improvvisamente le sue labbra sono sulle mie in un bacio casto ma pieno di dolcezza, penso.

okay capitolo corto e penoso ye, almeno si sono baciati dai!

Comunque volevo spendere due parole su illuminate ( per chi non lo sapesse è il secondo album di Shawn che è uscito oggi in Italia e che domani vado a prendere yeheee)
Dicevo:

Penso che sia davvero stupendo, tutte le canzoni sono fantastiche ma le mie preferite sono Honest e Patience.
Anche Roses mi piace un sacco!

inoltre credo che abbia fatto centro quando ha detto che con questo album avrebbe voluto, appunto, "illuminare" le giornate dei fan.

Ma ,non so voi, a me manca un sacco il vecchio Shawn. Cioè non che adesso sia brutto, stupido e rincoglionito solo che è diventato tanto popolare in poco tempo e mi mancano i tempi quando rispondevo Shawn Mendes alla domanda qual'è il tuo cantante preferito nessuno lo conoscesse.

e boh basta penso.

SCRIVETEMI SU TWITTER CHE MI ANNOIO ( LUKEZZATA)


Prisoner || Shawn MendesLeggi questa storia gratuitamente!