Storia 115

15.6K 1.1K 221

"C'è un assassino a piede libero" disse mia figlia fissando con nonchalance la sua scodella di cereali. Di certo non è qualcosa che ci si aspetta di sentire da una bambina di cinque anni, così le sorrisi e le dissi di finire la colazione prima di portarla a scuola.

Il mattino seguente venni svegliato dalle sirene della polizia. Mia moglie era in piedi sul porticato e mi informò che qualcuno aveva tagliato la gola ai nostri vicini nel sonno. Guardai mia figlia, che stava fissando mentre i loro corpi venivano portati via su una barella.

Mia figlia mi disse di nuovo il giorno dopo "C'è un assassino a piede libero", e stavolta la presi più sul serio. La vecchia gattara che viveva a due case di distanza da noi venne avvelenata e trovata morta sul divano dal nipote.

Chissà se mia figlia sa chi è l'assassino, spero di no...

Non vorrei dover uccidere la mia famiglia solo perché la mocciosa non sa tenere la bocca chiusa.

Short Horror StoriesLeggi questa storia gratuitamente!