[+ speciale] Quel sabato sera

65.9K 3.6K 1.1K

Maegan era stanca di dover indossare cose larghe e poco nel suo stile. Amava i vestiti leggeri, quelli che ti sfiorano le ginocchia, le andavano bene di qualsiasi modello e con qualsiasi motivo sopra. Le piacevano le enormi cinture che servivano solo ad abbinare la maggior parte degli abiti nel suo guardaroba. E poi gli stivali. Maegan ne andava pazza. Anche questi li adorava in qualsiasi stile e forma, alti o bassi. I suoi preferiti erano quelli beige che poteva abbinare ovunque.

Era sabato sera e fuori il tempo non prometteva bene, ma a lei non importò, fatta eccezione che la sua migliore amica stava per andare ad un appuntamento con il ragazzo della porta accanto. Letteralmente. Era a casa da sola, aveva spento tutte le luci nelle altre stanze e aveva lasciato accesa solo quella in soggiorno. Aveva preparato tutti i DVD della saga che avrebbe amato per sempre. Si era addirittura promessa di far leggere a suo figlio i libri che l'avevano accompagnata per anni. Aveva preparato anche un'enorme ciotola di popcorn. Guardò l'ora: erano le sei e mezza. Colton doveva già essere arrivato, in teoria, ma sapeva che avrebbe fatto cinque minuti di ritardo come il solito. 

Seduta sul divano, accarezzava lentamente il pancione. Sua madre era rimasta colpita di quanto fosse cresciuto; Mae aveva dovuto ricordarle che stava per diventare nonna e la ragazza non capiva chi, fra le due, fosse la più nervosa. Le dispiaceva ammetterlo, ma ultimamente non si stava comportando molto bene. Il suo umore cambiava da un momento all'altro, bastava una sola frase per farla arrabbiare e il suo tono non era più quello gentile di una volta ormai. Alla fine, bastava un po' di cibo dolce  per poterla calmare: una macedonia di fragole, una barretta di cioccolato. 
Era nervosa e pochi giorni prima lo aveva ammesso proprio al futuro papà: mancava poco alla nascita del piccolo Evan. Da una parte era davvero felice che mancasse così poco tempo; voleva vedere quel bambino. Le visite sembravano andare così bene e ogni volta che sentiva il piccolo dare un calcetto il cuore le si riempiva di gioia. La prima volta aveva addirittura pianto dall'emozione. 

Sentì la porta aprirsi. Aveva lasciato le chiavi fuori, tanto ormai Colton passava spesso a visitarla e lei non si sarebbe alzata per andargli ad aprire. Si girò per guardarlo e sorrise non appena i suoi occhi incrociarono quelli del ragazzo. Era rimasta sorpresa del suo comportamento, ma felice. Aveva avuto paura per così tanto tempo di dirglielo che, quando lo aveva fatto, aveva avuto la reazione immaginata. Le cose poi erano cambiate. Colton aveva accettato tutto quanto e a lei faceva piacere la sua compagnia. Ricordò i giorni in cui, con Hayley, parlava male di lui e di tutto il suo gruppetto, quando gli dava dell'egoista, falso e manipolatore. In quei mesi si era ricreduta ma era anche consapevole del fatto che l'arrivo di un figlio lo aveva fatto maturare davvero tanto. 

"Allora, iniziamo a fare magie?" esclamò, quando si sedette al suo fianco sul divano. Aveva portato anche due cartoni di pizza: una con il salame piccante, l'altra aveva in più l'ananas. Si chiese come facesse a mangiare la pizza con sopra la frutta; al solo pensiero, le venne una smorfia di disgusto.

"Non parlare, non fare battutine durante il film, o ti caccio fuori e lo faccio davvero" lo avvisò, mentre lui le passava il suo cartone di pizza. Quando la aprì, scoprì che era già tagliata in quattro pezzi. Con il telecomando premette play e rimase in silenzio per guardare un film di cui sapeva battute e scene a memoria. 

Colton se ne accorse presto, perché Maegan tendeva a dire alcune battute pochi secondi prima che queste venissero pronunciate. La cosa non gli diede fastidio, anche perché all'inizio gli sembrò un film per bambini ma, dato che quella sarebbe stata la sua unica alternativa, iniziò a prestare attenzione verso metà del film. Fece alcune domande che irritarono la ragazza, perché segnalarono la sua disattenzione, ma Maegan gli rispose con tutta la calma che aveva in corpo. Finita la pizza, cercò di sdraiarsi e Colton la accolse tra le sue braccia pur di farla stare comoda. 
Maegan sorrise a quel gesto e tentò, anche inutilmente, di non farsi vedere. 

StitchesLeggi questa storia gratuitamente!