5

2.6K 187 1

Non ce la faccio più a stare in casa a non fare niente! Ho letto un libro intero, cucinato due torte, giocato con Sawyer e guardato 6 puntate di Lost. Basta, devo uscire.
Esco dalla porta sul retro lasciando Sawyer a dormire in camera mia, sarà fuori uso per un paio d'ore. Mi addentro nel bosco e mi sfilo velocemente la collana. La nascondo nella cavità di un albero facile da riconoscere e la copro con un po' di neve. Ora bisogna solo aspettare. Un intensa luce blu mi avvolge e mi solleva di circa un metro. I muscoli mi si irrigidiscono e mi sento trafitta da mille spilli. Poi, d'un tratto, tutto finisce. Sento il freddo la neve fredda sotto i piedi, ehm volevo dire, sotto le zampe. Eccomi, sono un meraviglioso esemplare di Raaka col mantello corvino e gli occhi azzurri. Inizio a correre dentro il bosco, non ho una meta. Voglio solo sentirmi libera come una volta, come quando facevo lunghe corse con Noah... Rallento pensando a questo. Ho corso per svariati chilometri, ma ho lasciato le impronte, quindi posso tornare indietro. Cammino affaticata ma mantenendo comunque una postura fiera fino a quando non lo vedo: Noah nelle sembianze di un Raaka. Il mio cuore inizia a battere più di quanto abbia mai fatto in tutta la mia vita. Inizio a corrergli in contro ma mi fermo subito. Non è solo. Insieme a lui c'è un'altra. Una bellissima lupa rossa con gli occhi verdi. Mi nascondo dietro un albero e guardo. Noah inizia a scavare e prende due ciondoli come il mio è due sacche. Lui corre in una direzione, lei da un altra. Esco dal mio nascondiglio ma mi ci rifugio subito, sono tornati in forma umana. Lui meraviglioso come sempre, lei... Capelli lunghi e rossi, occhi verdi. Apparentemente perfetta. La guardo meglio, mi sembra di conoscerla, certo, so chi è: la mia vicina di casa Emy. All'improvviso il mio incubo peggiore di avvera. Si avvicinano l'un l'altra è si baciano. Il mio cuore batte all'impazzata, ma non per la gioia, per lo sconvolgimento. Devo distogliere lo sguardo. Ho le lacrime agli occhi. Salto fuori dal mio nascondiglio ed inizio ad abbaiare minacciosamente. Noah si gira e mi riconosce. Ripercorro a tutta velocità la strada che ho fatto prima.
-Clere aspetta! Clere!-
Corro troppo veloce, non riescie a raggiungermi, ma non so se si sta trasformando, non mi volto.
Scavo nella neve e prendo il ciondolo in bocca. Entro in casa, chiudo la porta e me lo infilo. Vengo riavvolta dalla familiare luce blu e dalla dolorosa sensazione di essere trafitta da milioni di spilli. Sono di nuovo umana, ma sono nuda!? Metto il lucchetto ad entrambe le porte e corro a vestirmi. Ecco cosa c'era in quelle borse! Mi metto dei jeans ed un maglione azzurro che si intona perfettamente ai miei occhi e a i miei corti capelli castani. Mi guardo allo specchio ed asciugo qualche lacrima.
-No Clere- mi dico -Non devi piangere per quello stronzo. E pensare che con tutte le lacrime versate per lui avrei potuto dissetare tutta l'Africa.-
Sawyer é ai miei piedi e mi guarda dispiaciuto.
-Tranquillo piccolo. Mi sono solo innamorata di un idiota.- tiro su col naso e mi sdraio sul letto. Non voglio dormire, ma sono distrutta, non fisicamente, psicologicamente.
Mi appisolo, ma un gran frastuono mi sveglia. Qualcuno tira botte alla porta. Mi tiro su di scatto.
-Clere! Clere sono io! Ti prego aprimi! Non è come sembra!- Noah. Chiudo la porta di camera mia a chiave. Non ha molto senso, ma è un riflesso. Mi metto seduta davanti alla porta con le ginocchia vicine al petto. Le lacrime riiniziano a scendere. Non sprecare lacrime per lui basta! Non ci riesco.
-Clere!-
-Vattene via! Vattene via...- grido tra i singhiozzi. Ad un tratto sento qualcuno dire a Noah di andarsene. Rumori di lotta. Spalanco la finestra ed un'ondata di aria fredda mi travolge. Ignoro il freddo e mi sporgo. Noah si sta picchiando con qualcuno. Ma chi è? Oh mio Dio... é Aaron!

Cuore Selvaggio Leggi questa storia gratuitamente!