Nine

2K 159 26

Nel momento in cui Lauren aprì gli occhi si ritrovò faccia a faccia con una Camila addormentata. I loro corpi erano ancora intrecciati sotto le coperte, il corpo della più piccola era verso il suo, il viso rilassato, i capelli sparsi sul cuscino, e gli occhi chiusi che mettevano in mostra le sue ciglia lunghe che rendevano il suo viso ancora più dolce.

Lauren sorrise inconsapevolmente e con una mano, quella non intrecciata a quella di Camila, spostò una ciocca di capelli via dal suo viso, per poi accarezzarle dolcemente la guancia. Pian piano la cubana minore si mosse e, sbattendo più volte le ciglia, aprì finalmente gli occhi incontrando quelli smeraldo di Lauren.

«Buongiorno» sorrise Lauren.

«Giorno,» Camila ricambiò il sorriso.

«Allora, pronta per una giornata in casa Jauregui?» La minore annuì, e dopo aver aspettato che Lauren uscisse dal bagno, prese un paio di jeans e la maglietta nera prestatagli dalla ragazza e si preparò.

Mentre scendevano le scale per andare al piano di sotto, era un po' ansiosa, ma sentì subito il profumo di waffle e pancakes e delle risate, si tranquillizzò avendo anche la mano intrecciata a quella di Lauren.

Entrate nella sala da pranzo tutti gli occhi vennero puntati sulle due, la madre di Lauren si alzò per accorglierle.

«Buongiorno tesoro,» diede un bacio sulla fronte a Lauren per poi rivolgersi a Camila, «Ciao, io sono Clara» le sorrise calorosamente.

« Io sono Camila, piacere signora.» disse timidamente, «Dammi pure del tu,» disse Clara e dopo che Camila annuì, fu accolta in un abbraccio. Dopodichè, si alzò il padre di Lauren, insieme alla sorella e al fratello della ragazza.

«Io sono Mike, e dammi del tu» e ancora una volta si ritrovò in un abbraccio, che suscitò le risate di tutta la famiglia dato che era completamente nascosta tra le braccia dell'uomo. Una volta uscita dall'abbraccio, sorrise arrossendo leggermente.

« Io sono Taylor, » sorrise la sorella minore di Lauren.

«Ed io Chris, » il ragazzo le fece l'occhiolino e Camila abbassò il capo, arrossendo.

«Chris smettila. » la voce infastidita di Lauren echeggiò nella stanza, e Chris alzò le mani in segno di resa.

Qualche minuto dopo si ritrovò a tavola insieme alla famiglia Jauregui a fare colazione, chiacchierando tranquillamente e ridendo Poi aiutò insieme a Lauren a preparare il pranzo, il disagio era ormai sparito e si sentiva quasi parte della famiglia.

« Camila, quanti anni hai?» le chiese Clara.

« Ne ho 17, 18 a Marzo.»

« Davvero?» le chiese sta volta Lauren, alzando un sopracciglio.

«Già, il 3 Marzo» le sorrise, « Non lo sapevo!» disse la ragazza facendo ridacchiare Camila.

« Frequenti qualche corso?» Camila annuì verso Mike. Ma prima che potesse rispondere si sentì la risata di Lauren, « Ma cos'è un interrogatorio?» Disse la ragazza facendo ridere tutti.

«Va bene Lolo, comunque si, domani inizierà il corso di musica e visto che me la cavo col canto mi sono iscritta. » Lauren arrossì violentemente al soprannome, guadagnando un'occhiolino da Taylor che le mimò con le labbra un "Pomodoro".

« Uh, anche Lauren si è iscritta!» esclamò Clara.

« Già. »

« Come mai non ti ho mai vista in giro o a scuola? Sei anche tu della Miami High School, giusto?» si riferì a lei Chris. Camila annuì ed ingoiò il boccone che aveva in bocca prima di rispondere. « Si, sono stata un anno all'estero con Dinah, e diciamo che prima non ero un tipo molto socievole, tendevo a stare per conto mio.»

« E cosa ti ha fatto cambiare?» le chiese curiosa Taylor, Camila si irrigidì e sentì la mano di Lauren sulla coscia per rassicurarla. Era nervosa per Lauren, non per altro.

« Mmh... S-Shawn.»

Stavolta ad irrigidirsi fu Lauren, « E chi è?» urlò Chris, per poi ricevere uno scappellotto da Mike facendo ridacchiare Camila.

« E' il suo ragazzo. » fu Lauren a rispondere al suo posto con tono freddo. Immediatamente tutti a tavola si zittirono, avvertendo la tensione.

Finito il pranzo, tutti andarono in salone per vedere un film, lasciando le due in cucina da sole. « Lauren non v-» « -Camz, tranquilla non sono arrabbiata, solo mi da fastidio, tutto qui.»

« Okay,» Annuì Camila.

Le quattro ore passarono velocemente, così tanto da stupire Camila, si trovava davvero bene in quella famiglia. Era accogliente, tutti erano gentili, divertenti e dolci, non che la sua famiglia non lo fosse, ma ne fu felice. Vide anche video e foto di Lauren da piccola, era tenera e buffa, e mentre Lauren nascose il viso tra le mani arrossendo, gli altri ridacchiarono. Mentre tutti erano concentrati sui video, Camila attirò a se Lauren per un fianco dandole un piccolo bacio sul collo, facendo rabbrividire la maggiore. « E per la cronaca, adoro quando sei gelosa. » le sussurrò in modo che solo lei potesse sentire.

-

«Grazie mille per tutto, sono stata davvero bene, » Camila sorrise, abbracciando tutti per salutarli. « Grazie a te tesoro, torna presto sei la benvenuta»

« Mamma, accompagno Camila a casa,» l'avvertì Lauren, e Clara annuì.

« Ciao Mila, » le sorrise maliziosamente Chris, guadagnando uno sbuffo dalla ragazza dagli occhi verdi e facendo ridere Camila e Taylor.

«Va bene se ti accompagno a piedi? Facciamo due passi.» Camila annuì e si incamminarono. Parlarono del corso di musica, dei 1975 e di altre cose a caso. E prima che se ne rendessero conto erano fuori casa della cubana.

« Grazie davvero Laur, sono stata bene sul serio...» disse Camila guardando dritto negli occhi verdi di Lauren. Avrebbe potuto annegarci in quegli occhi, con tutte le loro sfumature e i cambiamenti di colore.

«Ne sono felice, e ti adorano già credimi »

Camila sorrise e si avvicinò alla porta aprendola. « Allora ciao...»

« Ciao...»

Prima di entrare Camila corse verso Lauren, facendola girare per un braccio e le lasciò un piccolo bacio sulle labbra, per poi correre dentro e chiudersi la porta alle spalle, lasciando una Lauren immobile a toccarsi le labbra sul portico.

A/N

Oops! Spero vi piaccia e scusate se è corto. Vi adoro, e amo i vostri commenti che mi fanno morire dal ridere, grazie per i commenti, i voti e le visualizzazioni siete i migliori!

Alla prossima!

Snapchat; camrenLeggi questa storia gratuitamente!