*Psst* Notice anything different? 👀 Find out more about Wattpad's new look!

Learn More

Capitolo 44

20K 1.7K 406

Passarono otto lunghi anni dal giorno in cui Axel mi chiese di diventare sua moglie, anni di prosperità che videro i Sangue di Lupo e i Vampiri vivere tutti insieme sotto allo stesso tetto.
Axel assieme a suo padre, costruì un nuovo castello fra la foresta e il territorio dei Freddi.
I primi tempi fu difficile far andare d'accordo le due razze, ma a poco a poco quell'impresa che all'inizio ci pareva impossibile, si trasformò in una solida realtà.

Cammino svelta verso il nuovo giardino del castello.

Oggi è una bella giornata il sole splende e per ora non odo urla o stramazzi di bambini rimbombare per tutto il castello.

All'improvviso sento una mano afferrarmi per la vita, costringendomi a sbattere il mio corpo contro quello forte e mascolino del re dei vampiri, Axel -Mia regina dove state andando così tutta sola?- mi sussurra malizioso all'orecchio questo, baciandomi il collo.
-Stavo andando a prendere una boccata d'aria- ridacchio io, gemendo di piacere sotto al corpo perfetto del Re.
-Io ho un idea migliore- mi risponde lui, baciandomi con foga -Sapete la nostra nuova camera da letto è stata appena completata, che ne dice di inaugurarla?-
Stavo per rispondere ma proprio in quel momento sento la voce di Vladimir, Lady Mariam e di una bambina che io conosco molto bene avvicinarsi sempre di più -Sch! Axel! C'è gente!- faccio io poggiando una mano sulla perfetta bocca del mio compagno.

Vedo il volto del re aprirsi in un sorrisetto compiaciuto per poi spingermi contro il muro -No mia regina smettetela! Non posso venire in camera adesso! Ho da fare!- urla il moro, in modo tale da farsi sentire da chiunque fosse nelle vicinanze.

"Ah! Perché non l'ho ancora torturato?!"

-Papà!- sentiamo all'improvviso una dolce voce femmine, che attira la nostra attenzione.

Immediatamente ci stacchiamo, e quando Axel vede la piccola bimba di sei anni dai lunghi capelli castani e gli occhi neri come le tenebre corrergli incontro allarga le braccia per accoglierla in un grande abbraccio -Ciao terremoto!- esclama il vampiro, sollevandola da terra, prendendola fra le sue braccia.

La osservo con amore e felicità, concentrandomi sui suoi grandi occhi neri come quelli del padre, che mi guardano con furbizia e strafottenza.

"Chissà da chi avrà mai ripreso!"

Lei e Axel sono la mia vita, non potrei immaginarmi un'esistenza senza di loro.

-Sophie ti sei comportata bene con nonno Vladimir?- domando alla piccola che mi saluta con un dolce bacio sulla guancia.

-Ti rispondo io al posto suo, ragazza lupo!- fa stressato il conte -Quella ragazzina è il diavolo in persona!-

A sentire quelle parole sia io che Sophie cerchiamo in vano di trattenere una fragorosa risata.

-Caro adiamo! Sophie è ancora molto giovane è normale che voglia divertirsi!- gli fa l'occhiolino Lady Mariam.

-Zia Lyä!- Sento poi alle mie spalle, la voce di un ragazzino dai capelli bianchi come la madre e gli occhi grigio-verdi, che cammina verso di me affianco al padre.

-Beck, quando non sei da solo con lei, devi rivolgerti a Lyä in maniera più regale!- lo rimprovera Nathan.

-Scusatemi vostra altezza- si corregge così il ragazzino di otto anni, accennando ad un piccolo inchino.

La ragazza Lupo [in revisione]Leggi questa storia gratuitamente!