Capitolo 2

748 122 36
                                                  


''Che mi mettooo ???? Che mi metto???" pensava Rossella avanti allo specchio, aveva rigirato sotto sopra l' armadio, tutto era sparso da per tutto, il caos regnava sovrano.
"Mi ha fatto fessa nata vota' , managgia a me !! "Sospirava.
Nel caos totale dei colori, come nel caos di mille voci c è sempre qualcosa o qualcuno che ha la meglio sugli altri, ed eccola qui una tuta per metà nera al corpetto con pizzo quel effetto vedo e non vedo e con i pantaloni rossi lunghi dritti . Rossella la prese se la mise davanti e si specchio, e pensava che era  un po' audace per le trasparenze, del resto era sempre un evento importante e di sera, le scarpe  le aveva, la pochette pure , il giubbotto di pelle sopra era  perfetto. Decise di sistemare i capelli  con uno chignon, non aveva voglia di lavarsi i capelli.      Cosi corse in bagno per andare a prepararsi, sapeva che uscire con Marta le avrebbe fatto bene Ludovico era fuori per lavoro e sarebbe rimasto fuori tutto il week end e per via del fuso orario si sentivano poco. Rossella è molto bella, la tipica bellezza del sud, occhi marroni piantati in un viso rotondo un nasino al in sù una bocca armoniosa con la faccia e zigomi alti quando ride fa le fossette, il tutto incorniciato da una chioma castano scuro di media lunghezza . Oggi non si trucca molto si mantiene molto naturale , ma non per questo ha un aspetto trasandato o poco curato. C è stato un tempo in cui si curava molto di più, il suo aspetto e cosa gli altri pensassero di lei erano le sue preoccupazioni. Passava le giornate tra lo studio, lo shopping e i centri estetici, così lei e Marta hanno passato la loro adolescenza, fino ai venticinque anni, non c era una festa a cui non partecipavano. Ora era pronta lì davanti allo specchio si diede un ultima occhiata veloce , era vestita e truccata e si guardava allo specchio senza guardarsi veramente , si specchiava come per abitudine ma non si guardava per paura di vedere dentro la sua anima . Prese la macchina dal garage e si diresse verso a sala mostre. Non c'erano molte macchine il traffico era scorrevole sarebbe arrivata in tempo .

Nelle mani di un pittore ( #Wattys2017)Dove le storie prendono vita. Scoprilo ora