Capitolo 10~ Elania ed il libro

3.1K 266 8

Sto correndo come una forsennata

Oops! Questa immagine non segue le nostre linee guida sui contenuti. Per continuare la pubblicazione, provare a rimuoverlo o caricare un altro.

Sto correndo come una forsennata. Sono in super-ritardo, questa mattina la sveglia non ha suonato.
Mentre percorro i corridoi bianchi della scuola, ripenso alla notte precedente. Dopo che mi sono addormentata Light mi ha riportato in camera mia, senza lasciare alcun segno della sua presenza. Ieri notte sembrava così gentile, perché non può essere sempre così? Distratta dai miei pensieri vado a sbattere contro qualcuno.
" Scusami, sono proprio una sbadata!" dice la ragazza contro la quale sono sbattuta. È bellissima, lunghi capelli color caramello, pelle ambrata e dolci occhi violetti dal taglio orientale. Non è molto alta, ma questo la rende carinissima.
" Figurati, non scusarti! Come ti chiami?" le dico.
" Piacere, io sono Elania, vengo dall'Ecuador e controllo la terra. Sono nuova in questa scuola!"
" Anch'io! Mi chiamo Lucy e sono un elettro."
Lei strabuzza gli occhi.
" No, ti prego, anche tu! Non fare osservazioni sui miei poteri, ti supplico!" affermo nervosa.
" Ok...come vuoi. Devo andare nell'aula 3B, mi accompagni?"
" Certo! Anch'io devo andare lì, seguimi." riprendiamo a correre.

                                ***
Sono accasciata sul banco vicino ad Elania, annoiatissima. Dopo la ramanzina del prof. Di matematica, un tale professor Dale, è incominciata la lezione. Anche noi studiamo la materie dei normali esseri umani, purtroppo.
Subito dopo decido di andare in biblioteca per trovare qualche bel libro fantasy da leggere.
La biblioteca è enorme: i grandi scaffali colmi di libri sono distribuiti lungo tre anelli contrassegnati come ala sud, nord ed est.
Inizio a girare nelle aree sud e nord. Non trovando niente di interessante decido di dirigermi verso l'ala est. Su uno scaffale è affissa una targhetta con scritto:
ALA STORICA RISERVATA AGLI ELETTRO E ALLA GRANDE GUERRA, VIETATO PRENDERE LIBRI.
Come si sa, io ho sempre avuto un animo ribelle e, senza farmi vedere dalla bibliotecaria, sgattaiolo nell'area proibita. Inizio a leggere i titoli dei libri, fino a quando uno non cattura in particolare la mia attenzione:
LA GRANDE GUERRA, LE ORIGINI.
Prendo il libro e seduta per terra inizio a leggere.
- Fin dai tempi antichi, le due più grandi casate di elettro, gli Hammond e gli Star, erano in perenne conflitto fra loro. Un giorno, Grace e Lucas Star, generarono un bambino: Jordan. Esso era molto potente, troppo potente, talmente tanto da spaventare il consiglio dei poteri. Così la comunità lilum si affidò al Vecchio Saggio, in modo da predire il futuro del bambino. Quello che vide non fu affatto piacevole: sangue e morte, guerra e distruzione, si sarebbe portato dietro Jordan. Così il consiglio decise di bandire la famiglia Star ai confini del mondo, per fare in modo
che tutto questo non accadesse.
Il bambino crebbe e, approfonditi gli studi, decise di riprendersi il posto nel consiglio che gli spettava di diritto, ripulendolo dalla corruzione. Gli ideali del giovane non erano sbagliati, ma con il tempo venne corrotto dalla sete di potere, così mosse guerra al popolo lilum. Fu una guerra cruenta, con numerose morti, senza la vincita di nessuna fazione. Jordan e la moglie Elodie furono avvelenati. Stesso destino non tocco però alla figlia, Lightning Star, che riuscì a salvarsi. Si dice che Jordan non è morto ma tornerà solo al compimento della profezia scritta nella pagina affianco...-
Con affano giro la pagina, cercando la famigerata profezia.  Rimango delusa nel constatare la mancanza del foglio.
Chi può averlo fatto? Con mille domande in testa mi alzo di scatto, prendendo il libro con me, e corro verso i dormitori femminili.

The Elettro (#1)Leggi questa storia gratuitamente!