Capitolo ventitre.

13.7K 1.1K 216


Rientriamo negli Inferi e nemmeno il tempo di voltarmi verso Lucifero che già si è dileguato.

Alzo le spalle e vado nella mia stanza a farmi una doccia fredda,tanto per schiarirmi le idee.

Mi sento...bene ?

Mi sento finalmente come prima,non più esaurita e nemmeno tradita e confusa. Mi sento forte e piena di me,con una prospettiva della vita infinita e con tanta positività da far schifo a degli unicorni.

-Sto bene.- Sussurro e sorrido,mentre l'acqua solca la mia faccia andandosi a spaccare su tutto il mio corpo.

Poi un pensiero mi fa sussultare: Seraphin !

Poverina ! Ieri sera mi ha vista uccidere Debora e poi sono scomparsa,dovrebbe tagliarmi la testa anche a me.

Mi metto qualcosa di comodo anche perché sono stanca di apparire sempre alla perfezione. Dopodiché mi dirigo come una furia verso la sua stanza,spalancando la porta senza neanche bussare.

Non l'avessi mai fatto !

Misha fa un miagolio molto sinistro e Seraphin casca nuovamente giù da letto.

-Dovresti smetterla di fare queste entrate in scena, sai Lucia ?- Afferma assonnata,quando poi si stropiccia gli occhi e mi squadra bene sussulta. -Lucia !- esclama correndo verso di me e abbracciandomi forte.

Gli racconto ogni cosa, accompagnate da una cioccolata calda,gentilmente portata da una domestica.

-Odio Michael.- Borbotta poi quando gli racconto delle facce dell'Arcangelo in questione,che sembrava stesse vedendo una telenovela.

Finisco di raccontargli il tutto e lei pare sempre più entusiasta e sognatrice. -È fantastico ! Finalmente ti sei liberata di quei due casini ed ora puoi finalmente avere un futuro con Lucifero.- sorride dolcemente, sembrando quasi una bambina in festa.

Quanto posso adorare questa demone ?!
Così gentile e positiva,gli interessa il bene altrui e questo mi ricorda tanto me.

-Magari fosse così facile. Prima devo dimostrargli che sono di nuovo io.- Dico decisa,come se fosse una sfida impossibile ma possibile solo per me.

-Io sono sicura che ce la farai.- Sorride gentile.

-Hayden ?- Chiudo i miei occhi in una fessura e faccio un sorriso beffardo,vedendo la mia amica arrossire pericolosamente.

-Nulla...- Si sistema una ciocca di capelli e abbassa lo sguardo.

-Seraphin...- La rimprovero,senza abbandonare il mio sorrisetto.

-Davvero Lucia,assolutamente niente. Ieri sera dopo l'accaduto i consiglieri hanno portato aventi la serata per un'altro po' per poi farci andare tutti nelle nostre rispettive abitazioni. Io mi sono intrattenuta un'altro po' con Saburac e Hayden ha bevuto qualche bicchiere di troppo e poi si è allontanato con una demone...non sono nessuno per dirgli quello che deve fare,anche se mi piace...- Sussurra sconsolata.

-Non ti fare paranoie. Lucia ha già un piano in mente !- Sorrido.

-No davvero Lucia,non lo voglio forzare a provare sentimenti per me.- Afferma lei decisa anche se con qualche esitazione.

-Come vuoi...- Sussurro.

Ma nemmeno il tempo di cambiare discorso che la porta si spalanca facendoci sussultare.

Infiltrata nel cuore. (Inm2)Leggi questa storia gratuitamente!