XIII

3.1K 158 1

"Ciao Harry"
Risponde sorridendo debolmente.

"Scusami se ti ho ignorato ma non avevo voglia di parlare con qualcuno e ad essere sincera, non volevo più vederti"

"Victoria mi dispiace seriamente. Io non so come tutto questo sia potuto succedere ma mi sono innamorato di te. Suonerà sicuramente come se questo mio discorso sia da parte di uno stalker - ride leggermente - ma non ho mai smesso di guardarti dalla prima volta che mi sono trasferito in questa casa. Sono sempre stato un tipo che non ha mai avuto fiducia in se stesso, tanto meno nei suoi sentimenti, per questo ho sempre cercato di evitarti mostrandomi come un stupido egocentrico e magari scontroso. Ma io non sono così. E spero tu l'abbia capito da quando parliamo. Un giorno ho sentito tua mamma dare alla mia il tuo numero in caso lei non rispondesse e la prima cosa che ho fatto è stato impossessarmene. Come ti ho detto non ho mai avuto il coraggio di parlarti così ho sperato che magari questi stupidi aggeggi avrebbero aiutato. Ma hanno solo complicato le cose. Ti giuro Victoria non avevo alcuna intenzione di farti soffrire se non di amarti. Spero tu possa un giorno, anche se lontano, perdonarmi. "

Harry abbassa lo sguardo e, con il cuore pieno di rammarico e tristezza, decide di chiudere la sua finestra.

"Aspetta Harry"
Esclama Victoria fermando il ragazzo.

"Credo di essermi innamorata anche io di te"
Dice quasi come un sussurro che però da parte del ragazzo, quella pacata e limpida voce risuona come l'accensione dei motori di una aereo.

"È vero? Tu mi ami Victoria?"
Risponde scioccato il riccio dagli occhi lucenti.

"Si Harry si. All'inizio pensavo saremo diventati solo amici ma da un paio di settimane ho capito che non posso stare senza il tuo sorriso "
Victoria si morde il labbro e arrossisce incredula di quello che ha appena detto.

"Ti dispiace se entro?"
Propone il ragazzo contento.

"Dalla finestra?"
Ride Victoria alla sua proposta

"Non cadrò te lo prometto"
Esclama Harry schiacciandole l'occhiolino e attraversando il piccolo spazio fra le finestre.

"Ecco la mia camera"
Ridacchia Victoria cercando di mascherare l'imbarazzo.

Harry le prende le guance e con un lento e dolce movimento fa congiungere le sue labbra con quelle della ragazza.

Un bacio dolce e desiderato, calmo e intenso, proprio come ha sempre immaginato la semplice Victoria.

Facendosi coraggio circonda il collo di Harry con le sue esili braccia e si alza sulle punte per alleviare il tutto. Preme leggermente sulle labbra rosse e gonfie di Harry per poi staccarsi e sorridergli.

Buonasera Ragazzee!

Spero questo capitolo vi piaccia. Votate e commentate in tante.

Passate a leggere anche la mia storia "Nobody Knows" la potete trovare sul suo profilo.

Grazie mille

All the love

TEXTING //hes// #Wattys2016Leggi questa storia gratuitamente!